Commenta

Fino al 31 luglio al Museo Civico Cremona che ride

cremona che ride

Fino al 31 luglio, al Museo Civico una mostra evento per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Cremona che ride, i numeri unici e i giornali satirici dall’Unità d’Italia alla Liberazione, a cura di Giorgio Casamatti e Guido Conti, racconta la storia del nostro paese attraverso l’avventura di una grande tradizione culturale colta e popolare insieme, poco conosciuta dal grande pubblico, come quella dei giornali satirici e dei numeri unici.

Tra Otto e Novecento in Italia, ma soprattutto in molte città della pianura padana, sono sorti e prosperati una miriade di settimanali e numeri unici umoristico-satirici. Queste pubblicazioni, caratterizzate da una forte passione politica, sono state un importante e singolare fenomeno storico-culturale: hanno diffuso il genere internazionale dell’Umorismo aprendo la strada allo sviluppo di una originale comicità all’italiana; sono stati una palestra di scrittura e il banco di prova di grafici, vignettisti, scrittori, giornalisti e registi di fama mondiale; hanno costituito una forma di letteratura e comunicazione indipendente rispetto ai media canonici e ufficiali, e sono stati importanti per l’unificazione linguistica e l’apprendimento dell’italiano anche nelle classi sociali meno abbienti. Spesso si trattava di ‘fogli’ e settimanali scritti, disegnati e impaginati da giovani autori che si divertivano a scherzare sugli eventi locali e ad ironizzare sulle personalità illustri della città.
L’esposizione di queste pubblicazioni propone una modalità inedita e anticonformista per riscoprire sia la storia del territorio di Cremona in rapporto con le città limitrofe (Casalmaggiore, Crema, Lodi e Piacenza) e Milano (capoluogo di ricca tradizione pubblicistica satirica) sia con il resto d’Italia e di Europa.
La mostra avrà un ricco e articolato percorso.

La mostra è realizzata al Museo Civico Ala Ponzone del Comune di Cremona (via Ugolani Dati), grazie alla collaborazione della Regione Lombardia, FondazioneArnoldo e Alberto Mondadori, Fondazione Corriere della Sera, Club dei Ventitré di Roncole Verdi, Museo della Satira di Forte dei Marmi, il Centro Fumetto ‘Andrea Pazienza’ di Cremona e l’apporto essenziale di alcuni collezionisti privati.

Tre appuntamenti per approfondire con umorismo:
Venerdì 24 giugno ore 21.00
Ridere in cremonese

Dalla ricerca sui giornali satirici sono uscite poemi satirici, articoli e
materiali, in italiano ma anche in dialetto cremonese, che sono uno spasso.
Un modo per riassaporare un clima e un’epoca completamente scomparsa. A
cura di Giorgio Casamatti e Guido Conti. Solo letture da ridere.

Venerdì 8 luglio ore 21,00
La vita di Giovannino Guareschi, il film

Francesco Barilli introduce alla proiezione del film inedito, La vita di
Giovannino Guareschi. Un’ora appassionante per la vita da ro- manzo di uno
scrittore che attraversa il Novecento da protagonista.

Venerdì 29 luglio ore 21.00
Guareschi, tra grafica e narrazione
Presentazione dei volumi di Giorgio Casamatti, Guareschi,L’opera Grafica,
Rizzoli editore e Guido Conti, Giovannino Guareschi, Biografia di uno
scrittore, Rizzoli editore, in collaborazione con la casa editrice Rizzoli.
Con proiezioni.

Costo del biglietto: 7€; Riduzioni: 5€ 
Luogo: Cremona, Musoe civico Ala Ponzone
Orario: 9.00-18.00 Mart-Sab; 10.00-18.00 Domenica e festivi
Telefono: 0372 407269
Fax: 0372 407268
E-mail: museo.alaponzone@comune.cremona.it

© Riproduzione riservata
Commenti