Commenta

Futuro e Libertà sabato a congressoLodigiani pronto al salto:dal commercio alla politica

politicoggi-fini

Dal commercio alla politica. Da Confesercenti a Futuro e Libertà. Marco Lodigiani, ex referente del gruppo ‘Centro Storico’ dell’associazione di via Ruffini, spesso alla ribalta delle cronache per le sue battaglie per il rilancio del commercio cittadino, punta dritto al vertice della federazione cremonese del partito di Fini. Stando alle indiscrezioni circolate nei giorni scorsi e rafforzatesi nelle ultime ore, Lodigiani è pronto a candidarsi al vertice provinciale di Fli. Giusto sabato, dalle 14.30 a Palazzo Cittanova, si terrà il primo congresso provinciale del partito di Gianfranco Fini. Altri nomi di papabili, oltre a quello di Lodigiani, al momento non sono trapelati, ma a quanto si apprende difficilmente si arriverà al congresso con una candidatura unitaria.

Nato da pochi mesi nella nostra provincia, Futuro e Libertà è infatti da tempo diviso in due cordate. La prima fa riferimento al fronte cittadino guidato dalla coordinatrice protempore Paola Aramini; il secondo si riconosce nel vertice provinciale rappresentato da Osvaldo Micheli, coordinatore provinciale protempore. La delegazione di Fli in Consiglio Comunale rispecchia bene le due anime del partito, con il consigliere Emiliano Ferrari legato alla prima cordata e il consigliere Roberto Gandolfi alla seconda.

A quest’ultima si è avvicinato lo stesso Lodigiani, balzato nuovamente alle cronache nei giorni scorsi, in occasione del suo addio a Confesercenti. Un addio, quello tra il commerciante e l’associazione, dovuto proprio all’adesione del primo al partito di Fini. Lo strappo di Lodigiani con Confesercenti è parallelo all’uscita allo scoperto delle due cordate in Futuro e Libertà e nasce da alcune dichiarazioni rilasciate dal commerciante a proposito della Ztl. “Bisogna ampliare l’isola pedonale”, ha avvertito nelle scorse settimane Lodigiani. Immediata la presa di distanze tanto del coordinamento cittadino di Fli, quanto di Confesercenti, che ha deciso di revocargli l’incarico di referente del centro storico. Prima ancora che l’associazione potesse mettere in atto la ‘scomunica’, è stato Lodigiani a decidere di togliere l’incomodo rimettendo il mandato e salutando senza tentennamenti.

Primo passo verso la candidatura alla guida di Futuro e Libertà? Nella federazione cremonese del partito c’è chi è pronto a scommettere, anche perché, si fa notare, la vicinanza dell’ex referente di Confesercenti con l’assessore De Bona è cosa nota. E che quest’ultima, pur non avendo mai aderito ufficialmente, abbia regolari contatti con il coordinatore regionale di Fli, il senatore Valditara, è cosa altrettanto nota. A dire: la cordata scende dall’alto. Si capirà sabato da che parte stanno i numeri.

Federico Centenari

© Riproduzione riservata
Commenti