Un commento

Richiamo del sindaco contro gli abusinel transito e sosta in area pedonale

Desideriamo ringraziare pubblicamente il Sindaco di Cremona per avere scritto, recentemente, a Questura, Prefettura, Comando dei Carabinieri, Polizia Locale, AEM, Linea Group, Camera di Commercio, Ascom, Confesercenti, Asvicom, Direzione Provinciale del Lavoro, Asl, Istituti Ospitalieri, Poste e sede territoriale della Telecom per ricordare loro che l’accesso alle aree pedonali è consentito solo per interventi in zona e non come percorso di attraversamento, dopo avere evidenziato una “abnorme e anomala presenza di transito e sosta di automezzi contrassegnati o con autorizzazione”.
Da mesi chiediamo un intervento per risolvere il problema del transito e della sosta di autoveicoli in area pedonale, visibile a tutti, avendo ottenuto fino ad ora solo la risposta del Comandante della Polizia Locale: “Nelle aree pedonali del centro storico, fatta salva la presenza occasionale e del tutto residuale di soggetti abusivi che in ogni caso vengono sanzionati sia dal sitema dei varchi elettronici che dagli agenti, è presente unicamente la sosta fisiologica dei veicoli autorizzati.”
“Abnorme” o “Fisiologica”? Nell’ attesa che “pensiero” (della politica) e “azione” (di chi deve far rispettare le regole) trovino una visione comune ricordiamo che i veicoli ammessi al transito in area pedonale sono:
– velocipedi
– veicoli ad emissione zero aventi ingombro e velocità tale da poter essere assimilabili ai velocipedi
– taxi (accesso in zona pedonale solo per il trasporto dei passeggeri)
– bus (autorizzati)
– veicoli per accedere alle proprietà laterali, con percorso obbligato
– veicoli pubblici/veicoli adibiti a servizi di pubblica utilità debitamente contrassegnati, solo per interventi in zona
– veicoli adibiti al servizio di pubblica sicurezza e pronto intervento
– veicoli al servizio di persone con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (ad esclusione della sosta, riservata negli appositi stalli)
– veicoli autorizzati (ad esclusione della sosta)
– carico/scarico con sosta nelle piazzole di carico/scarico o, comunque, nel rispetto della segnaletica esistente, delle norme del Codice della Strada e dalle prescrizioni previste dai permessi, nelle seguenti fasce orarie:
– dalle 5 alle 12 e dalle 13 alle 17 nei giorni feriali (solo in Corso campi carico/scarico dalle ore 5 alle ore 11 nei giorni feriali)
– domenica e festivi escluso
– escluso i mercoledì e sabato nelle vie interessate dall’area mercatale
– con sosta operativa massima consentita di 15 minuti (soggetta a controllo da parte della Polizia Locale).

Ci conforta quindi la decisione del Sindaco, alla quale va aggiunta quella dell’Assessore Zanibelli, che proprio nei giorni scorsi ha dichiarato di volere una revisione della politica della sosta: ci auguriamo che il loro monito abbia un seguito.

Luci Cremona

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sta bene quanto sopra letto.
    Ma il recente spot ,ancora una volta, per prendersela con la biciclette, lascia pensare che i tutori della viabilità non abbiano ben presente la situazione.
    Sta bene quindi fermare le bici che infrangono le regole, ma si tenga presente che:
    -motorini ed auto di tutti i tipi transitano per le aree protette senza il minimo disturbo ed a tutte le ore;
    -la folla di auto e SUV ( detti anche fuori strada) presenti sul suolo pubblico sono un vanto solo per Cremona;
    -si vada un poco in giro e si veda come è trattato il centro ed aree sensibili in altre città;
    -i cliclisti sono ancora quelli hanno la peggio ed i caso di incidente sono al di sopra di ogni media nazionale,pare;
    -quando auto e SUV lasciano solo una spanna al ciclista sorpassato non c’è sicuramente nessuno che lo rileva.
    Quindi basta spot e più attenzione ai più deboli.
    Inoltre che coraggio c’è a sollevare il problema quando a Cremona c’è
    la viabilità ciclistica più disastrata che si possa vedere in giro ??