Commenta

Il progetto degli industriali: a Tencara un’area di sviluppo industriale sostenibile da un milione di metri quadrati

http://www.youtube.com/watch?v=92-Hx3lFzKU

Gli Industriali rilanciano con forza, nel corso della loro affollata assemblea al Teatro Ponchielli alla presenza del vicepresidente  della Commissione Europea e Commissario all’Industria ed Imprenditoria Antonio Tajani, l’idea che dopo le politiche di salvataggio e di rigore di questi anni, sia giunto il momento di guardare ad un  progetto di crescita armonica europea che valorizzi e sia sempre più attento ai territorio. Così, proprio di fronte alla massima carica italiana nei consessi europei, il presidente degli Industriali cremonesi Mario Caldonazzo propone la priorità per il territorio cremonese, cioè “la creazione di un polo imprenditoriale strategico che offra capacità di attrazione produttiva da tutta Europa per le caratteristiche dimensionali e le potenzialità di natura logistica che garantisca uno sviluppo con criteri di sostenibilità ambientale”.

“L’area individuata – ha detto il presidente Caldonazzo – è quella di oltre un milione di metri quadrati presso la conca di Tencara, nei pressi di Pizzighettone”. Ma il presidente degli industriali entra ancora più in dettaglio nel progetto. “Affinchè questa importante piattaforma produttiva e logistica decolli è basilare che nasca e si sviluppi sotto un’egida non solo delle amministrazioni locali ma anche regionali, nazionali, europee e che si sviluppi secondo i criteri delle “Green Enterprise Zones”, aree cioè di sviluppo agevolato che rispondano a logiche di sostenibilità, innovazione, fisco leggero, semplificazioni”. Il presidente Caldonazzo sottolinea che l’area ha valenza europea sia per la potenzialità logica, per la vastità e perchè baricentrica. “Quest’area può essere l’occasione, forse unica, per una vera  intermodalità ferro-acqua-gomma. – ha ribadito Caldonazzo- Rilanciando così anche il progetto della navigazione  interna attraverso il canale e magari arrivando a produrre lì energia idroelettrica. Un progetto di respiro europeo che può richiamare attività produttive da tutto il continente” Poi, rivolgendosi al vicepresidente  della Commissione Europea, Caldonazzo ha chiesto a Tajani di essere al fianco degli industriali cremonesi “per realizzare questo progetto di rilancio che vuole essere un modello per tutta Europa della voglia di riscatto di un territorio, che tragga vigore dai valori e dalle qualità delle persone”.

E la risposta del vicepresidente Tajani non si è fatta attendere: ha sottolineato come queste esperienze di ampio respiro avranno sempre l’attenzione dell’Europa, tanto più se si trovano in una zona, come la Lombardia e tutto l’asse padano-veneto che sono già motori dell’economia continentale.

Durante l’assemblea, com’è ormai tradizione, si è proceduto alla consegna delle borse di studio a otto studenti universitari, figli di associati e di dipendenti delle famiglie associate. I premiati sono stati: Cristina Brocca, Alessandro Ferrari, Veronica Caraffini, Melissa Storti, Letizia Moretti, Vanessa Fusar Imperatore, Carlotta Luzzari e Alessandro Bolzoni.

Nel video, l’intervento di Mario Caldonazzo con la proposta del centro di sviluppo industriale sostenibile a Tencara.

© Riproduzione riservata
Commenti