Un commento

Saranno Palù e Bianchiad intervenire sull’ex cinema Italiaper farne delle residenze

cinema-italia

Saranno gli architetti Giorgio Palù e Michele Bianchi a realizzare il nuovo edificio che prenderà il posto dell’ex cinema Italia in via Anguissola, ceduto dalla proprietà Camurri-Baldaro all’ingegner Luciano Rossini,. I due architetti stanno già lavorando al progetto che prevede una decina di appartamenti di prestigio e le relative rimesse in una zona centralissima. Lo studio di via Trecchi continua così ad occuparsi di alcuni degli spazi più importanti di Cremona.  Bianchi e Palù stanno realizzando infatti il Museo del Violino in Palazzo dell’Arte, il nuovo Hotel Continental a porta Venezia, sono intervenuti in viale Trento e Trieste, in via Bonomelli (Hotel Delle Arti nell’ex palazzo del Banco dei Pegni) ed altro ancora. Per la stessa committenza dell’ex cinema Italia hanno già realizzato il palazzo di via Manzoni nell’ex deposito dell’Azienda Farmaceutica.

Il cinema Italia aveva aperto i battenti il 30 ottobre 1915 in via Anguissola per iniziativa di Dino Calza, il pioniere del cinematografo a Cremona con il suo locale in via Curzia. Era nato in piena prima guerra mondiale ma nel momento del boom del grande schermo. C’era il cinema dei Barnabiti, il Reale (ex Moretto, ex Roi Soleil) in via Goito (dove poi nel 1937 sorse il Supercinema , inaugurato l’anno successivo, demolito ed ora un cantiere perenne). In piazza Lodi, sempre in quegli anni c’era il Savoia, ed ancora il politeama Verdi (anche questo vuoto e senza destinazione pur in pieno centro, praticamente sul corso Campi), il Filo. Negli anni Quaranta nasce il cinema Impero, poi Anic e Roxy e poi Tognazzi, chiuso da qualche mese. Ed ancora si ricordano i grandi cinema all’aperto: l’estivo dove ora c’è il bar Dondeo, l’Auricchio, l’Arena Venezia, l’Arena Giardino, il parco. Tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta si assiste al nuovo boom del cinema: nel 1959 apre il Corso in via Antico Rodano (ora è un garage) proiettando “la Bella Addormentata” di Walt Disney; nel 1964 apre il Padus e nel 1962 si inaugura il nuovo cinema Italia che ha chiuso i battenti a metà degli anni Novanta diventando una sala Bingo. Ora sarà una palazzina con una decina di appartamenti.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Vincenzo Montuori

    Chi? Bianchi e Palù ? Gli artefici di quella bella trovata del palazzo delle “farfalle” in v. Manzoni? Forse i nostri architetti pensano di essere dei novelli Fuksas e Piano all’ombra del Torrazzo. In ogni caso, costruire altri condomini in centro, come in periferia, è demenziale, quando il mercato è fermo e la popolazione a cremona diminuisce. Ma si sa che il partito degli “immobiliaristi” e dei “costruttori”a Cremona tira sempre