Commenta

Strada sud, Rifondazione propone: «Per decongestionare via Giordano gratis il transito sul ponte dell’A21»

ponte-autostrada

Nuove prese di posizione sulla strada sud, il progetto da 15 milioni di euro che realizzerà una tangenziale nel Parco del Morbasco, zona sud della città. Il circolo Rosa Luxemburg di Cremona ha raccolto l’invito fatto dal Vice Sindaco Carlo Malvezzi ad elaborare osservazioni e proposte sul progetto approvato dalla Giunta il 1° giugno. Ecco il documento presentato dal Partito della Rifondazione Comunista-Federazione della Sinistra al protocollo del Comune il 12 luglio.

Nella delibera vengono elencate le motivazioni del progetto:

a) “scaricare alcune vie urbane di parte del traffico di veicoli leggeri e di commerciali leggeri. Ne trarrebbe giovamento soprattutto via del Sale attualmente congestionata nelle ore di punta, con gli evidenti problemi dovuti all’inquinamento acustico e atmosferico”

b) “la nuova arteria rappresenterebbe una alternativa per chi si deve recare dalla periferia Ovest alla Est della città (o viceversa) ed avrebbe a tutti gli effetti caratterizzazione di strada urbana, con valenza paesaggistica, nell’ambito di valorizzazione del margine Sud della città.”

Riteniamo insufficienti o errate le motivazioni addotte al progetto:

– per quanto riguarda il punto a): l’alleggerimento di via del Sale dagli attuali veicoli leggeri provenienti dal piacentino tramite il ponte sul fiume Po con percorrenza via portinari del Po e/o dal quartiere Po (parte sud), è solo un apparente decongestionamento del traffico in quanto rimane il traffico proveniente dal viale Po che accede a via del Giordano da piazza Cadorna. L’inquinamento “acustico e atmosferico” quindi del quartiere a sud di via del Giordano (via argine Panizza ecc) è garantito nelle stesse quantità attuali e in modalità peggiorativa in quanto è su due fronti: via del Giordano e strada sud.

– per quanto riguarda il punto b): non si può parlare di alternativa nella percorrenza della città da est a ovest (o viceversa) in quanto la via del Giordano rimarrebbe ancora accessibile per tutti i veicoli. La realizzazione della “strada sud” inizialmente diluirebbe il traffico su due arterie, la strada sud appunto e la via del Giordano, ma immancabilmente a breve o a medio termine questa strada risulterà apportatrice di ulteriore traffico dovuto dapprima ad una urbanizzazione dei terreni ora agricoli compresi tra la strada sud e via Giordano e successivamente dai terreni liberi e facile preda della speculazione edilizia del parco del Po.

In pratica si ripeterà ancora ciò che è già accaduto.

A metà dell’800 venne progettata e costruita via del Giordano come “strada sud” per decongestionare via Cadore (mappa di Cremona del 1825 sulla quale si trova già la “via di circonvallazione” di Cremona, che coincide oggi con le vie Dante, Ghinaglia, Massarotti e Giordano,).

Dopo la realizzazione di via del Giordano, venne urbanizzato ai primi del ‘900 il quartiere di via argine Panizza. L’urbanizzazione e la congestione di traffico e inquinamento a sud di Cremona  è stata sempre in continuo aumento.

I nostri timori riguardanti una urbanizzazione ai lati della strada sud non sono pertanto infondati. Una chiara prova viene dalla recente urbanizzazione  di aree del parco del Morbasco adiacenti al quartiere Po prima considerate inviolabili ed ora edificate.

Certamente la “strada sud” comprometterebbe per sempre un “polmone verde” qual è il parco del Po ultima area disponibile per la città ad uso pubblico e ricreativo oltre che naturalistico.

PROPOSTE ALTERNATIVE ALLA “STRADA SUD”

DECOGESTIONAMENTO TRAFFICO DI VIA DEL SALE E VIA DEL GIORDANOPer decongestionare il traffico di via del Sale e via del Giordano è necessario diminuire realmente il numero di veicoli che transitano da questa strada o nelle strade limitrofe. E’ possibile attuare una prima e fondamentale riduzione del traffico nella zona ovest di Cremona permettendo a chi proviene dal territorio piacentino ed intende recarsi ad Est di Cremona di transitare gratuitamente sul ponte della autostrada A21.

OBBLIGATORIETÀ DI TRANSITO SULLA TANGENZIALE NORDE’ possibile attuare un ulteriore forte riduzione delle attuali arterie esistenti a sud di Cremona  deviando sulla tangenziale nord il traffico che attualmente attraversa la via del Giordano per recarsi da est a ovest della città (o viceversa). Il traffico proveniente o diretto dal o al quartiere Po e dal o per il piacentino attraverso il ponte sul fiume Po, deve obbligatoriamente essere deviato sulla tangenziale nord opportunamente modificata per renderla più scorrevole, progettando l’infrastruttura per un flusso di autovetture con velocità di 70 Km/h. Per rendere scorrevole al traffico la tangenziale nord, come primo intervento è necessario attuare un sottopasso “in trincea” nella rotatoria dell’iper-COOP e della via Castelleone (già progettato e in parte realizzato nelle fondamenta). Un secondo intervento, da attuarsi se si dovesse riscontrare un rallentamento del flusso dei veicoli in transito, è un sovrappasso (o un sottopasso come per la via Boschetto ) della attuale rotatoria tra via Persico e la tangenziale. Infine, qualora si dovesse verificare un ulteriore rallentamento del traffico, si potrà costruire sulla attuale rotatoria tra via Mantova e la tangenziale un sovrappasso in una sola direzione verso la via Mantova e in una sola direzione verso viale Concordia.

Pertanto, posto che il primo intervento è comunque da farsi, gli altri due potrebbero essere rimandati considerato che le attuali rotatorie con la via Persico e la via Mantova già garantiscono un traffico scorrevole e potrebbero sopportare anche il presumibile aumento del traffico in tangenziale dovuto alla obbligatorietà del passaggio.

Si fa presente infine che attuando le modifiche della tangenziale nord con le infrastrutture sopra elencate, tali da aumentarne la velocità di percorrenza, si renderebbe superflua, oltre la Strada Sud, anche la “Gronda Nord”

TRAFFICO NEL QUARTIERE SUD DI CREMONA

La via del Giordano deve divenire una via ad uso del solo quartiere sud di Cremona. Deviato il traffico proveniente dal piacentino e dal quartiere Po verso la tangenziale nord è necessario rendere la via del Giordano a senso unico verso est e la via Cadore a senso unico verso Ovest come a senso unico saranno alcune vie comunicanti tra loro. L’accesso alla via del Giordano all’incrocio con via del sale sarà solo per gli autobus i taxi e le ambulanze. Il quartiere di via del Sale accederà al centro città passando da via Vecchia, via Navaroli e via Portinari del Po e percorrendo il viale Po.

 

© Riproduzione riservata
Commenti