12 Commenti

Polemica sui migranti in visita al Comune La Lega: «Prima pensiamo ai nostri» Risponde il Pd: «Commenti inaccettabili»

profughi

A reazione corrisponde reazione. Continua il susseguirsi di dichiarazioni sulla visita di alcuni migranti ospiti della Casa dell’Accoglienza di Cremona a palazzo comunale e alla sala dei violini. «Prima pensiamo ai nostri», ha commentato dalle colonne del quotidiano La Provincia Simone Bossi, segretario provinciale della Lega. «Anche da noi ci sono persone e famiglie in difficoltà – ha detto Bossi -. Andrebbero anche loro nei nostri musei, invece devono sempre e solo pagare». «E meno male che c’è la Caritas – è stata la risposta dell’assessore Maria Vittoria Ceraso -, altrimenti avremmo dovuto trovare noi luoghi dove metterli». Secco l’intervento di Don Pezzetti della Caritas Cremona: «In termini di accoglienza non abbiamo bisogno di lezioni. Per noi chi ha bisogno va aiutato al di là della nazionalità e della religione».

Il giorno dopo, ecco l’intervento dell’onorevole Luciano Pizzetti (Pd): «La polemica della Lega contro l’assessore Ceraso è davvero moralmente inaccettabile e costituisce un’ulteriore testimonianza della totale mancanza di coesione culturale e valoriale di questa maggioranza posticcia. Ciò detto, voglio esprimere non solo solidarietà ma sincero apprezzamento all’assessore Ceraso per aver accolto in Comune, come testimonianza di rispetto e vicinanza, i profughi libici ospitati presso la Casa dell’Accoglienza di Cremona. Un gesto di rispetto, di umanità, di civiltà. Così come voglio esprime grande apprezzamento e ringraziamento alla Caritas cremonese per l’impegno, spesso isolato e incompreso, in favore delle persone deboli e più esposte ai venti tremendi della crisi, della guerra, della repressione. Mettere sullo stesso piano clandestinità criminogena e accoglienza umanitaria è davvero vergognoso e inaccettabile, estraneo ad ogni contesto civile.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • maura ruggeri

    Attaccare la Caritas, come fa la Lega per bocca del suo Segretario, perchè, con una lodevole iniziativa, si preoccupa di un’accoglienza volta anche a far conoscere il patrimonio culturale e le istituzioni della città che accoglie è semplicemente paradossale e totalmente fuori luogo. Proteggere i rifugiati che fuggono da guerre e persecuzioni ed i richiedenti asilo è un dovere a cui ogni paese civile ottempera.
    Cremona ha partecipato nel passato e continua a partecipare ai programmi nazionali di accoglienza per i rifugiati ed i richiedenti asilo, progetti che sono finanziati dal ministro Maroni in collaborazione con l’ANCI; ne è al corrente il Segretario della Lega? partito che è al governo della città con ben tre assessori? Cremona, fortunatamente, con buona pace di Simone Bossi, vanta una tradizione solidaristica che, non mi stancherò mai di ripetere, costituisce un valore ed una risorsa, di cui sono componente attiva e importante tutti i soggetti che, come la Caritas, svolgono un ruolo fondamentale nell’ambito del welfare locale a supporto di tutti coloro, cremonesi e non , che hanno bisogno di aiuto e di assistenza ed a cui devono andare riconoscimento e gratitudine da parte di tutti.

  • IL GENTILUOMO

    Chi straparla dell’inesistente inciucio di ieri, è un cretino che non vede l’inciucio di oggi: faccio a meno di chiedervi di indovinare, lo sapete tutti, è l’unico politico che si permette di scrivere così in tutta la Valpadana, credo.
    Per cui Silver Caira deve fregarsi le mani, s’è preso solo del “bullo di periferia” per aver ricordato, in termini tranquilli, al gentiluomo di Ca’ d’Andrea, che i soldi non sono infiniti e che sarebbe esatto darli prima agli italiani.
    Certo, bisogna notare che stavolta il gentiluomo di Ca d’Andrea non ha usato un giornale d’appoggio, ma il sito ufficiale del Pd, il che vuol dire che d’ora in poi gli insulti faranno parte della strategia dei democratici.
    Certo, io sto commentando le sue parole, del cui uso si mostra spesso incerto, dato che finite le superiori è passato direttamente alla politica, e magari gli è sfuggita la possibilità di cogliere la ricchezza del linguaggio. Il dubbio mi viene perché la riga sotto il “bullo di periferia”, il gentiluomo etc etc sostiene d’aver rispetto per le persone.
    Poi ho anche dei dubbi, nonostante qualcuno sottolinei la sua intelligenza, che sappia ragionare bene. All’invito di Silver Caira, contaci i soldi che hai fatto avere ai disoccupati della Bini (150, diversi con figli piccoli e mutuo), risponde: ho parlato col prefetto, i sindaci di Motta e Scandolara, i responsabili sindacali, il presidente e il direttore dell’associazione industriali, il ministro.
    Tagli la testa al toro, il gentiluomo di etc etc , accetti la sfida di Caira, si presenti, senza scorta, alla prima riunione dei 150, salga sul palco e dica, senza fronzoli: per voi ho parlato tanto, i soldi sono per i nordafricani.
    Ah, stavo per dimenticare, l’opinione della Lega non è vangelo, la si può criticare anche duramente, come hanno fatto Corradi, le due Ruggeri, la Abbate. Senza insulti.

    Cremona 06 08 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • MARIO

      In effetti l’appellativo di “cretino” è stato notato da più persone e molti si domandano a chi fosse riferito: io credo di saperlo, ma possono essere più di uno, anzi molti.
      Ma ciò che colpisce è che la risposta , sullo stesso mezzo di comunicazione, non è stata pubblicata.
      E questo la dice lunga sulle possibilità di controllo che taluno esercita sui media locali (alcuni, o pochi per fortuna).
      Lo spirito del “genius loci” aleggia sempre nel palazzo ex sede del PC.

    • la sostanziale differenza sta nel fatto che io non ho mai dato del cretino a nessuno.
      Il fatto lo ha citato lei, o così crede che sia.
      Le conseguenze le stanno tirando altri.
      Le legga per bene e troverà di che meditare.
      Chi semina raccoglie ! o NO ?

      • ERRATA CORRIGE
        per quanto ovvio questa risposta è riferita a quanto sopra del 13.8.11

  • luciano pizzetti

    Dal dizionario della lingua italiana che, pur non essendo colto e intelligente come l’esimio professor Cozzaglio Flaminio duca di Oxford, riesco a comprendere, traggo le specifiche dei seguenti termini: INCIUCIO=imbroglio;CRETINO=stupidità;BULLO=arrogante.
    Dunque, se i significati sono chiari, a uno che mi accusa falsamente d’inciucio, con chiara determinazione rispondo che è un cretino. Se uno mi attribuisce, a proposito della Lega, giudizi che non ho mai espresso e su questo falso palese ci ricama pure sopra, gli dico che è un bullo di periferia.
    Chiaro come acqua di fonte, senza necessità di argomentazione.
    Basterebbe essere più corretti politicamente e più onesti intellettualmente che anche il galateo ne trarrebbe beneficio. E persino un similmandriano di Cà d’Andrea divenuto Parlamentare della Repubblica per grazia ricevuta, riuscirebbe ad assaporarne meglio il valore della forma. Luciano Pizzetti deputato della via Postumia

    • mario

      Alla volgarità si risponde con le parole di: ( quote)

      Angelo Panebianco – in un suo commento sul Corriere della sera del 17 dicembre 2007 intitolato ‘Il dialogo e i suoi nemici’ – ha scritto: “a proposito di inciucio: non esiste forse un rapporto fra la decadenza politica di un Paese e la volgarità e la sciatteria del suo linguaggio politico?”.
      Al vocabolario di Ca’ d’Andrea si risponde con:

      È di recente entrato a far parte dell’italiano gergale del giornalismo politico per indicare un accordo sottobanco, un compromesso riservato tra fazioni formalmente avversarie, ma che in realtà attuano,forse anche con mezzi ed intenti poco leciti, una logica di spartizione del potere.
      (unquote)

      • pizzetti luciano

        Ha proprio ragione Panebianco e penso si riferisse a chi usa il linguaggio come forma di alterazione, vero strumento di disonestà intellettuale che deforma la sostanza al punto da anteporre e contrappore la percezione partigiana alla semplice realtà, rendendo tutto torbido al solo scopo di colpire con la violenza della parola. Resta valido il vocabolario di Cà d’Andrea e, a maggior ragione dopo l’illustrazione del neologismo offerta, confermo chi mi attribuisce inciuci è un cretino disonesto. Naturalmente si accettano prove a carico.

        • MARIO

          Alla volgarità si risponde:
          E perché proporre prove a carico ?! A cosa servono ?
          Magnoli a domanda risponde:(quote)E il Pd dilaniato dalle polemiche? «Rivendico che siamo un partito senza padrone, che discute civilmente, con l’intento comune di tornare a governare. Che vuol dire mandare via Perri e Salini».(unquote) “la provincia 2.7.11” (altro che listone Perri ! ).
          Resta inteso che l’appellativo di “ cretino” trova sostanza nella dimensione qualitativa della fonte e del vocabolario di Ca’ d’Andrea.

          • luciano pizzetti

            l’appellativo trova molta più sostanza nello straordinario valore dell’interlocutore, notoriamente scevro da risentimenti per il cambio dell’assessore alla sicurezza nella fu giunta corada

          • la sostanziale differenza sta nel fatto che io non ho mai dato del cretino a nessuno, e lei lo ha fatto in troppe occasioni per apparire rivolto ad uno solo, per caso.
            Il fatto lo ha citato lei, o così crede che sia.
            Le conseguenze le hanno tirate altri, soprattutto dopo le elezioni comunali : se tanto mi da tanto chi ha tirato la corsa lo ha fatto dando una mano alla Lega
            ( soccorso verde), anziché dare spalla alla Giunta allora in essere: complimenti per il risultato.
            Le legga per bene e troverà di che meditare.
            Chi semina raccoglie ! o NO ?
            Se è stato imposto un altro segretario provinciale ci sarà bene un motivo, o NO ?

  • SIGNOR PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

    Signor Presidente, le unisco la copia di una lettera spedita dal deputato Pd di Cremona, Pizzetti Luciano, al http://www.cremonaoggi.it, il 09 08, a commento dell’articolo:
    Polemica sui migranti in visita al Comune, del 03 08.
    E’ il tenore abituale usato a rivolgersi ai tanti cittadini che lo contrastano, come potrebbe facilmente accertare sfogliando la stampa cremonese.

    1. By luciano pizzetti, 9 agosto 2011
    Dal dizionario della lingua italiana che, pur non essendo colto e intelligente come l’esimio professor Cozzaglio Flaminio duca di Oxford, riesco a comprendere, traggo le specifiche dei seguenti termini: INCIUCIO=imbroglio;CRETINO=stupidità;BULLO=arrogante.
    Dunque, se i significati sono chiari, a uno che mi accusa falsamente d’inciucio, con chiara determinazione rispondo che è un cretino. Se uno mi attribuisce, a proposito della Lega, giudizi che non ho mai espresso e su questo falso palese ci ricama pure sopra, gli dico che è un bullo di periferia.
    Chiaro come acqua di fonte, senza necessità di argomentazione.
    Basterebbe essere più corretti politicamente e più onesti intellettualmente che anche il galateo ne trarrebbe beneficio. E persino un similmandriano di Cà d’Andrea divenuto Parlamentare della Repubblica per grazia ricevuta, riuscirebbe ad assaporarne meglio il valore della forma. Luciano Pizzetti deputato della via Postumia

    Cremona 23 08 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info