Commenta

Cambio del capogruppo, e caos nella maggioranza PerriTrespidi (Udc) chiede una verifica urgente

Trespidi-Evidenza

L’Udc chiede in Comune una verifica di maggioranza urgente. Lo fa attraverso il coordinatore provinciale Giuseppe Trespidi. “Caro Perri, a questo punto una verifica di maggioranza si impone”– dice Trespidi.

” Il periodo agostano doveva servire e far sbollire sotto l’afa, il caldo e la frescura dei monti i bollori che si erano generati all’indomani della conferma di Albertoni alla presidenza dell’AEM e della lettera che nove consiglieri comunali del PdL avevano inviato a Perri manifestando il loro disappunto e il mancato coinvolgimento nelle decisioni. – dichiara il Coordinatore provinciale dell’UDC Giuseppe Trespidi – Ma invece le cose vanno molto diversamente. All’annuncio di Perri che incontrerà i nove pidiellini firmatari della famosa lettera questi han pensato bene di fargli trovare come antipasto all’incontro lo sfiduciamento dell’ormai ex capogruppo Maschi e al suo posto è arrivato Fasani. Sono avvicendamenti che fatti in un’altra situazione potrebbero rappresentare la normalità ma che fatti oggi assumono valenza politica ben precisa. A nulla valgono le dichiarazioni di fedeltà al Sindaco ed al programma elettorale che vengono da più parti. Sono pure esercitazioni verbali che lasciano esterrefatti gli elettori che hanno riposto la loro fiducia in Perri e nelle forze politiche che lo hanno candidato e sostenuto nella sua elezione”

“Ma come stanno realmente le cose? – afferma ancora Trespidi –I consiglieri della Lega da sei sono diventati tre forse due. Quelli del Pdl da 14 sono diventati 13 (ma attualmente sono ancora 13?). Il gruppo misto da inesistente oggi ha quattro consiglieri forse cinque. Gli assessori fanno a gara a chiamarsi fuori mentre dovrebbe essere vero il contrario. Se non sono in squadra con i Consiglieri e i Partiti di cui fanno parte con chi stanno? Col Sindaco? Non mi risulta che qualcuno di loro abbia preso posizione a suo favore quando Perri ne aveva bisogno oppure era in difficoltà. E allora caro Perri come rappresentiamo la situazione ai Cittadini e come andiamo avanti in una situazione che sembra si stia sempre più sfilacciando? Per quanto mi riguarda non hai alternative: il pallino ce l’hai in mano tu e tu devi impostare la partita che vuoi giocare. L’UDC non farà mancare il suo apporto costruttivo ad una verifica di maggioranza che faccia chiarezza sul metodo di lavoro, sulla verifica dei nuovi equilibri che si sono determinati in Consiglio comunale e, di conseguenza, in Giunta. Comunque – prosegue Trespidi – in questa necessaria ed opportuna verifica di maggioranza che, in modo irrituale per l’UDC viene richiesta anticipatamente attraverso la stampa, Perri dovrà necessariamente condurla in prima persona. In tale circostanza vedremo se prevarrà il buon senso e lo spirito di servizio che deve animare non solo Perri ma tutti coloro che l’hanno sostenuto facendolo eleggere Sindaco di Cremona. I cittadini si aspettano concretezza dagli amministratori comunali e pretendono che le beghe che albergano all’interno di ciascun partito, nessuno escluso, siano oggetto di confronto e di soluzione, se c’é, al loro interno”.

“I Cittadini votando il centro destra han chiesto la discontinuità rispetto alle modalità praticate dal centro sinistra. – conclude Trespidi – Ora, giustamente, aspettano questo cambiamento e questa discontinuità che non è certo fatta di risse o dispute che ricadono sul buon andamento della vita amministrativa del Comune”.

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti