Un commento

Manovra e contributo di solidarietà, oltre 150 cremonesi chiamati a versare

solid_ok

Con la necessità di risistemare i bilanci dello stato e una manovra che prevede un contributo di solidarietà del 3% sui redditi oltre oltre i 300mila euro, anche molti cremonesi saranno chiamati a nuovi versamenti al fisco. Complessivamente, in tutta Italia, sono quasi 33mila i cittadini chiamati a contribuire al risanamento dei conti. Se Milano e Roma sono le province con il numero più elevato di contribuenti (rispettivamente 6.799 e 4.546), è però Isernia, in un risvolto del tutto inaspettato, a far registrare il valore medio più elevato: i 14 contribuenti di quella provincia verseranno mediamente 10.080 euro. Sono i dati che emergono da un’elaborazione del Sole 24 Ore, pubblicata oggi, su dati del dipartimento delle Finanze. Il gettito previsto per questa operazione è stato calcolato in 342 milioni di euro. Il contributo del 3% verrà applicato nel 2011, nel 2012 e nel 2013, su quella parte del reddito complessivo lordo, escludendo la prima casa, oltre i 300mila euro. E c’è la possibilità che venga prorogato dopo il 2013 fino a quando non sarà raggiunto il pareggio del bilancio. Inoltre sarà deducibile per il calcolo di Irpef e addizionali regionale e comunale. A Cremona sono 163 i contribuenti destinati a versare la quota di solidarietà. Si tratta dello 0,06% sul totale dei contribuenti in provincia. Per loro il valore medio sarà 3.710 euro. Osservando il panorama nazionale il numero esatto di contribuenti è invece pari a 32.945 (lo 0,08% del totale), mentre l’importo medio è 4.373 euro.

 

Sotto i dati significativi di alcune province e il totale italiano.

 

PROVINCIA NUMERO CONTRIBUENTI % SUL TOTALE CONTRIBUENTI VALORE MEDIO IN EURO
Milano 6.799 0,3 6.080
Roma 4.546 0,16 5.020
Bologna 980 0,13 3.600
Firenze 751 0,1 4.220
Piacenza 193 0,09 3.310
Mantova 222 0,07 3.390
Cremona 163 0,06 3.710
Isernia 14 0,02 10.080
ITALIA 32.945 0,08 4.373

Elaborazione ‘Il Sole 24 Ore’ su dati dipartimento delle Finanze

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • COME TI “EVINCO” IL ROBIN HOOD DA NOTTINGHAM!
    (…da “La manovrina sana-bilancio”).

    Ipotesi: rubo ai ricchi per dare ai poveri, poi rubo ai poveri ormai diventati ricchi per ridare ai ricchi che nel frattempo sono diventati poveri, e infine rubo ai Ricchi e ai Poveri.
    Tema: dopo aver sempre rubato, per anni, ai Poveri, or vò a rubare ai ricchi, a tutti quegli indigenti di quegli oltre 150 cremonesi con reddito superiore ai 300.000 mila euri (aggiungiamoci…euri/anno, viceversa sarebbe apparso veramente scandaloso!), chiamati a svenarsi al fine di favorire un contributo di solidarietà alla Madre Patria, per far fronte a quella depressiva manovrina necessaria per sistemare il bi-lan-cio (da: bi..liardi/ lan..ciati/cion..dolando!). Toh! Vò al finire con l’aforisma del giorno “Si dovrebbe pensare più a far bene che a star bene; e così si finirebbe anche a star meglio” (siur Lisander Francesco Tommaso Manzoni).

    by giorgino