Commenta

Al Ponchielli la stagione lirica, equilibrio tra classico e rarità Dal 10 settembre vendita abbonamenti

lirica

Da sabato 10 e sino a venerdi 23 settembre saranno posti in vendita i nuovi abbonamenti per la Stagione Lirica 2011, mentre i biglietti per le singole recite potranno essere acquistati da sabato 24 settembre. Il cartellone 2011 della tradizionale Stagione Lirica presenta uno studiato equilibrio tra titoli del grande repertorio e opere di più rara rappresentazione. Tra i primi rientrano Rigoletto, uno dei più popolari melodrammi verdiani, e Il barbiere di Siviglia, capolavoro comico di Gioacchino Rossini. Tra i secondi I Puritani, con i quali si completa la presentazione dei capolavori ultimi di Vincenzo Bellini (dopo Norma del 2009 e La Sonnambula del 2010), Roméo et Juliette di Charles Gounod, mai rappresentata al Ponchielli in epoca moderna, e Il cappello di paglia di Firenze, messo in scena in occasione del centenario della nascita di Nino Rota, il più insigne rappresentante della corrente neorealista musicale italiana del dopoguerra.

Nei cast del Barbiere di Siviglia e del Cappello di paglia di Firenze canteranno alcuni giovani artisti vincitori della 62ma edizione del concorso As.Li.Co., che saranno affiancati da cantanti in carriera. La tradizionale stagione lirica del Teatro A. Ponchielli è realizzata nell’ambito del Circuito Lirico Lombardo. Il Teatro cremonese sarà capofila del nuovo allestimento di Puritani, che, dopo il successo di Medea dello scorso anno, è stato affidato ad Antonio Pirolli per la direzione musicale e a Carmelo Rifici per la regia.  Cast di grande prestigio per l’estremo capolavoro belliniano, con Jessica Pratt e Gianluca Terranova nei ruoli principali.

Per Roméo et Juliette – teatro capofila il Grande di Brescia – sarà ripreso il fortunato allestimento firmato da Andrea Cigni che ha già debuttato con successo in alcuni teatri toscani ed emiliani, mentre la direzione è affidata a Michail Balke, giovane maestro tedesco, ora residente in Italia, che ha svolto una solida preparazione professionale al fianco di importanti direttori, tra i quali Riccardo Frizza, György G. Ráth, Zubin Mehta.

I ruoli dei protagonisti saranno affidati a Serena Gamberoni, che debutterà nei panni di Juliette, e Jean-François Borras, che ha già interpretato Roméo con successo in diverse produzioni.

Tanta è la fama e il successo che continuamente si rinnova per l’autore di indimenticabili colonne sonore di film, altrettanta è la distrazione con la quale viene considerato il compositore di musica strumentale e di melodrammi: con la messa in scena de Il cappello di paglia di Firenze il Circuito Lirico Lombardo intende rendere omaggio a Nino Rota nel centenario della nascita, valorizzando la sua figura anche come compositore per il teatro, e riconsegnandogli il ruolo di primo piano che gli compete nel panorama musicale italiano del Novecento, quale esponente di spicco di quel neorealismo musicale che è andato di pari passo con quello cinematografico.

Il cappello di paglia di Firenze, rappresentato una sola volta al Ponchielli (1984), si avvarrà per alcuni ruoli dei vincitori del concorso As.Li.Co. per giovani cantanti d’Europa; direttore Giovanni Di Stefano, regista Elena Barbalich. L’allestimento è del Teatro Petruzzelli di Bari. Teatro capofila della coproduzione sarà il Sociale di Como. Alla coproduzione partecipano anche i Teatri di Savona e Rovigo.

Quale secondo titolo con alcuni ruoli affidati ai vincitori del Concorso As.Li.Co., i Teatri del Circuito hanno scelto Il Barbiere di Siviglia,  capolavoro buffo di Gioacchino Rossini, che si presta particolarmente al debutto di giovani artisti.
La regia del nuovo allestimento sarà affidata a Federico Grazzini, giovane e brillante artista che si sta affermando a livello internazionale, mentre la direzione musicale è assicurata da Matteo Beltrami, che nell’ambito del Circuito ha già colto significativi successi. La produzione sarà allestita a Pavia.

Un titolo tra i più popolari della produzione verdiana, Rigoletto, completa il cartellone della stagione lirica, per il quale è previsto un cast di voci in carriera, a cominciare da Ivan Inverardi per il ruolo del titolo. Marco Guidarini, un direttore di grande esperienza, attivo nei principali teatri italiani ed europei, avrà la guida musicale della produzione, mentre la regia è affidata a Massimo Gasparon. Teatro capofila di Rigoletto sarà il Sociale di Como.
ven 14 ottobre 2011 20:30 – turno A
dom 16 ottobre 2011 15:30 – turno B
I Puritani
musica di Vincenzo Bellini
direttore Antonio Pirolli
regia Carmelo Rifici
nuovo allestimento

ven 21 ottobre 2011 20:30 – turno A
dom 23 ottobre 2011 15:30 – f.a.
mar 25 ottobre 2011 20:30 – turno B
Rigoletto
musica di Giuseppe Verdi
direttore Marco Guidarini
regia Massimo Gasparon

ven 4 novembre 2011 20:30 – turno A
dom 6 novembre 2011 15:30 – turno B
Il cappello di paglia di Firenze
musica di Nino Rota
Nel centenario della nascita di Nino Rota
direttore Giovanni Di Stefano
regia Elena Barbalich

ven 18 novembre 2011 20:30 – turno A
dom 20 novembre 2011 15:30 – turno B
Roméo et Juliette
musica di Charles Gounod
direttore Michael Balke
regia Andrea Cigni

gio 8 dicembre 2011 20:30 – turno A
dom 11 dicembre 2011 15:30 – turno B
Il barbiere di Siviglia
musica di Gioacchino Rossini
direttore Matteo Beltrami
regia Federico Grazzini
nuovo allestimento

© Riproduzione riservata
Commenti