21 Commenti

Il commissario della Lega onorevole Volpi: «A Cremona cose vergognose a Palazzo Tradite le speranze di cambiamento»

evidenza-volpi

«Faccio politica da quando avevo quindici anni, ne ho quasi cinquanta ma certe cose non le avevo mai viste. A Cremona purtroppo accadono. Come quella mail partita dall’ufficio del sindaco per l’assessore Alessandro Zagni per metterci in difficoltà: una cosa vergognosa. La renderò nota, insieme a molto altro, in una conferenza stampa». L’onorevole Raffaele Volpi, commissario cittadino della Lega, non abbassa la guardia. «Noi dobbiamo rivolgerci alla gente che ci ha votato – continua Volpi – L’intervento del capogruppo Italico Maffini in consiglio comunale è stato piuttosto chiaro: si ha la sensazione che a qualcuno interessi riportare indietro la città, ridandola in mano a quelli che l’hanno amministrata fino a tre anni fa. Maffini ha criticato l’amministrazione perchè non ha rispettato il programma elettorale.  Non rispettare il programma elettorale, vuol dire tradire le speranze di chi voleva il cambiamento e vuol dire non tenere conto dei diecimila elettori  che hanno dato il voto alla Lega».

Ma Perri viene dalla società civile, non dalla politica… «Credo che il suo sia il classico atteggiamento dei cosiddetti sindaci civici che ritengono che la politica non serva più. – continua l’onorevole Volpi – E il tranello è già pronto. I vecchi e simpatici volponi della politica e della società cremonese sono già pronti, il giochetto è chiaro. Continueranno a dire che Perri è bravo, che la gente gli vuole bene perchè tanto alla fine sanno che comandano sempre loro. Applaudiamo così facciamo quello che vogliamo, dicono. Ma la Lega non può stare sempre zitta di fronte a una gestione ‘curiale’ del potere senza un guizzo che porti speranza di cambiamento. Mi pare che si stia facendo come nel calcio con il continuare ad applicare la regola del fuorigioco: prima o poi trovi qualcuno che si infila e ti segna il gol. La situazione dell’amministrazione a Cremona sembra proprio questa. Perciò è giusto che interveniamo anche duramente per dire che così non si può andare avanti. Ne va della nostra credibilità». Parole chiare, quelle di Raffaele Volpi. Se qualcuno aveva dei dubbi, eccolo servito. La Lega chiede degli atti concreti che segnino discontinuità con il passato. Ma forse neppure i suoi assessori l’hanno capito, tanto è vero che adesso rischiano l’espulsione.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Eolo Quattroventi

    Caro onorevole, le cose vergognose sono quelle che abbiamo viste in questi giorni nelle votazioni per l’arresto di Milanese e la sfiducia a Romano,nelle quali voi avete votato contro, altro che qui a Cremona….

    • bruno

      Ora ti arrampichi anche sugli specchi di Milanese e di Romano. Quando non sai piu’ cosa dire, tiri fuori il “ciarpane” della stampa di sinistra.

      • Eolo Quattroventi

        nono, quella è la vostra monnezza…..

        • bruno

          Si sa l’origine della “monnezza”…prendi la bussola per orientarti….

  • erne53

    Grandissimo il commissario Volpi ! Questa è Lega!

    • Eolo Quattroventi

      Si si, eccome…..proprio così, si vede eccome….le cronache di tutti i giorni ne forniscono prova….

      • bruno

        …sono comprese anche le “feste del maiale” del tuo amico?…

  • NOTTE BUIA E TEMPESTOSA

    Consigliato dal diavolo, il sindaco Pivetti ne ha fatta un’altra, di cui possiamo consolarci solo al pensiero: come sindaco, oltre un tanto non è in grado di far danni.
    La Lega vuol mandare un segnale, questa volta più solido di un comunicato stampa: poiché il sindaco non rispetta gli accordi, i nostri tre assessori non si presentino in Consiglio alla seduta del 25 settembre, poi si vedrà. E’ un segnale, inconsueto, ma non essendo un’uscita dalla maggioranza è anche un evidentissimo invito a trattare.
    Figuriamoci Pivetti: riceve consigli solo da uomini di peso, ma non basta, non intende accettare provocazioni, almeno dagli alleati, quindi chiarissimo aut aut agli assessori, se il 25 marcate visita vi sostituisco. Quelli, in virtù d’una salute perfetta, si presentano e obbligano la Lega, il loro partito, che li ha messi in poltrona, non certo Pivetti che manco sapeva esistessero, a sospenderli, pena la credibilità di fronte al mondo. E, conseguenza ancor più obbligata, a togliere l’appoggio a Pivetti. Che, con una maggioranza risicatissima, dovrà licenziare almeno uno dei tre per trovarsi nuovi alleati, dando assessorati a qualcuno del gruppo misto. Che farà entrare in Consiglio al suo posto il primo dei non eletti, che magari resterà fedele alla Lega, per cui di nuovo la maggioranza etc etc.
    Che casino, impolitico, nel senso che non sei capace di gestire le scelte fondamentali della politica, Pivetti: per una impuntatura, per una lesa maestà alla tua immagine che giace da tempo sotto i sampietrini?

    Cremona 30 09 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • germana

    cose vergognose ! non si era mai visto un sindaco che ragiona con la sua testa invece di applicare i diktat della lega 🙁

  • erne53

    Sua testa?? Il sindaco che ragiona con cosa??Vorrai dire con la testa del suo “capo di gabinetto” il mago Walter o del suo assessore allo sbilancio
    Trenollimonti.

    • germana

      succede quando ci si mette insieme per fare numero fidando che il collante del “restare in sella” sia sufficiente per ricomporre qualsiasi differenza di vedute……

  • metteo

    Hanno fatto i conti senza l’oste,se la Lega se ne va preparate le valige,se resta preparatevi al cambiamento perchè vi hanno dimostrato che senza Lega non si governa e con la Lega si deve cambiare.

    • Gigi

      ”con la Lega si deve cambiare.”
      Si si e’ vero si vede il cambiamento sopratutto in 15 anni di governo a Roma ladrona.
      La lega di cremona perde i pezzi, sempre di piu’, da ex segretari cittadini a noti esponenti dell’erboristeria, passando per giovani rampolli delusi. Con fuori gli assesori della lega in consiglio non rimangono che pochi ed inutili elementi, si scavano la fossa da soli i leghisti, con un Perri piu’ deciso ed un bel rimpasto la lega sparisce.

      • metteo

        Non sono quindici ma forse poco piu’ di metà,comunque spiegami come fai a cambiare le cose con il 10%,dopo quarantanni di schifezza politica e un debito pubblico colossale,tienitela tu sta italietta mediocre prossima al fallimento se ti piace,e mi raccomando continua a votare quello che voti,cosi con la falce ti tagliano i coglioni e col martello te li pestano per bene,tanti auguri.
        Io voglio la Padania!

        • Gigi

          Quindi ammetti che l’importanza della lega e’ risibile. Per cui non puo’ cambiare le cose… per fortuna

      • France

        Ma tu a quello che scrivi ci credi o lo dici tanto per dire? Quanto capisci di politica? Sembra veramente poco. Se la Lega se ne va…si va tutti a casa e basta, compreso quelli dell’opposizione. Capito?

        • Gigi

          Fai due conti, e vedrai che con 3 soli consiglieri la lega sparisce nel comune di Cremona

  • POVERO PIRRO PIVETTI ORESTE

    Sentite cosa gli mette in bocca Cronaca: “se c’è una cosa che non mi appartiene è proprio il ricatto. Agli assessori ho solo detto che erano liberi di fare la scelta più giusta, ma se avessero deciso di non venire, sarei stato costretto a prendere delle decisioni.”
    Nell’evidente impossibilità di spiegargli il significato delle parole, il cardinal Montini non riesce neanche a fargli capire quanto sarebbe vantaggioso se parlasse il meno possibile, o se proprio non ce la fa, limitarsi al tempo o alla partenza sprint della Cremo.

    Cremona 01 10 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • Giuda

      Ahahahahahaahahahah…non c’è limite al peggio!!Su dai, non è un ricatto, è un “avvertimento” in perfetto stile siculo…

      • metteo

        Ahahahahhahahah…..Flaminio sei mitico!!!!

  • grazie ragazzi, senza il vostro tifo non comincerei neanche a scrivere!