2 Commenti

Suolo agricolo, cade l’ultima trincea: Lombardia sotto il milione di ettari

campi

Sembrava l’ultima trincea, ma è caduta pure quella. La Lombardia è scesa sotto la soglia psicologica del milione di ettari di territorio agricolo disponibile. Il dato emerge dall’ultimo censimento 2011 sulle aree rurali ed è stato diffuso giovedì mattina a Milano durante la presentazione del rapporto Ersaf sul consumo di suolo.
“Siamo scesi a quota 984 mila ettari” conferma l’assessore regionale all’agricoltura Giulio De Capitani. Intanto su 1.544 comuni lombardi solo il 40 per cento ha un piano di governo del territorio. “I nuovi Pgt – spiega Ettore Prandini, vice presidente regionale della Coldiretti Lombardia – avrebbero dovuto prevedere la salvaguardia del territorio agricolo di particolar pregio, ma non sta avvenendo. E’ un dato preoccupante. Il consumo di suolo sta aumentando e non è giustificato né dal punto vista residenziale nè produttivo, perché questi terreni sono stati spesso occupati da case invendute o da capannoni vuoti e questo ci deve far riflettere sull’utilità di tante costruzioni in aree che non potranno poi più essere recuperare all’utilizzo agricolo e ambientale”.
Anche perché sul totale delle superfici consumate, i due terzi riguardano proprio quelle più fertili. Con un impatto – spiega la Coldiretti regionale – sia sulla produzione alimentare che sulla difesa ambientale: ogni anno in Lombardia si perde una potenzialità di produzione pari a 27 mila tonnellate di grano e si riduce di 850 mila tonnellate la capacità del terreno di immagazzinare anidride carbonica che così, in parte, finisce nell’aria che respiriamo. Inoltre il consumo di suolo ha effetti sul clima e sull’evaporazione delle acque, causando l’accumulo in atmosfera di un’energia pari a 5-6 milioni di chilowattora ogni anno (l’energia necessaria al funzionamento di quasi 20 milioni di frigoriferi).
Negli ultimi dieci anni – spiega Ersaf – le province che hanno subito di più l’assalto al suolo sono state Lodi, Mantova e Cremona. Mentre il resto del territorio (Milano e la Brianza, Bergamo e Brescia, Varese, Como e Sondrio) era stato già stato colpito in periodi precedenti. E adesso – conclude la Coldiretti Lombardia – c’è anche la spada di Damocle delle grandi autostrade progettate o in costruzione: dalla Pedemontana alla Brebemi fino alle nuove tangenziali milanesi.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • CHI PUO’ E CHI NON PUO’

    Visto ciò ch’è appena successo – vanno bene i matrimoni al ristorante se celebrati da sindaci di sinistra, mai da consiglieri di destra – l’assessore ai servizi cimiteriali, il navigato Claudio Demicheli, già della Lega, letto il titolo su Cronaca del 30 settembre:
    Allo studio forno crematorio da due milioni
    ha ritenuto dover precisare che non si tratta di un provvedimento contro i clandestini.

    Cremona 01 10 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • E’ ora di fermare questo scempio
    http://forum.salviamoilpaesaggio.it/