Un commento

Zanibelli (Udc) sui ‘finti matrimoni’: «I consiglieri si scusino per non aver rispettato il proprio ruolo istituzionale»

evidenza-matrimonio2

Dopo la nota del Prefetto, non si placa la discussione sui finti matrimoni celebrati da due consiglieri comunali con fascia tricolore. Le opposizioni prendono atto della mancanza di illeciti verificata dalla Prefettura, ma esprimono concordi una preoccupazione per l’etica delle istituzioni. Ecco il contributo di Angelo Zanibelli, capogruppo Udc.

«In un paese in cui un ministro della repubblica mostra il dito medio e si pulisce le parti meno nobili con il tricolore, la vicenda delle cerimonie di matrimonio modello Las Vegas possono apparire piccola cosa. Esse nascondono invece una totale perdita del senso dello Stato, un mancato rispetto delle istituzioni, una incapacità di rappresentare con dignità il ruolo che si ricopre. Quello che più preoccupa in questa vicenda ed il danno vero alle istituzioni provengono non tanto da ciò che è stato fatto, che potrebbe essere liquidato come una grave superficialità, ma il tutto è fortemente aggravato dalle risposte e dai commenti degli interessati.

Anziché prendere atto e chiedere scusa per essersi prestati come dei comuni clowns ad una farsa per abbellire un pranzo di matrimonio, hanno direttamente confermato che a quella messa in scena sono stati invitati e hanno partecipato in quanto consiglieri comunali. Anche se il Prefetto ritiene non vi siano profili rilevanti di illegittimità, sicuramente la cosa non può essere liquidata come una goliardata, e resta valido il richiamo fatto dal Sindaco al rispetto del ruolo rivestito da chi è eletto o nominato ad un incarico pubblico e che, in forza di questo rappresenta le istituzioni.

E’ bene che si richiami, perché troppo spesso lo si dimentica, il confine tra pubblico e privato, che per chi riveste cariche pubbliche, non esiste. Certo fa parte anche questo dei limiti, degli obblighi, dello spirito di servizio alla collettività al quale deve soggiacere chi è in una posizione di responsabilità, che non può permettersi di fare tutto quello che un privato cittadino può fare. E’ questo un principio cui ci hanno disabituato i comportamenti di chi ci governa, ma al quale a Cremona vorremmo ancora essere fedeli.

Se i consiglieri coinvolti comprendono tutto ciò, riconoscono che quanto fatto costituisce un comportamento grave e lesivo del ruolo che coprono, si scusino e ne facciano pubblica ammenda, se invece insistono nel voler giustificare la loro posizione come goliardata o favore ad amici, significa che non sono degni di sedere in questa assemblea».

© Riproduzione riservata
Commenti
  • I “MEA CULPA”; DI LA’ DA VENIRE.

    Angelo, figlio di Amos, della stirpe dei Zanibelli….! Ueila, consigliere Angelo, ovvio che sto scherzando, giusto per sdrammatizzare una vicenda che sta assumendo contorni ridicoli, al tempo stesso oltre modo preoccupanti. Stizziti, tutti siamo stizziti, ma “niuno” muove foglia se….non voglia! Reputo il vostro intervento quanto di più perspicace, accorto, risoluto, pregno di buon senso (soprattutto l’analisi operata). Condivido i giudizi “inferti” a “quei due” (non ho altro termine di paragone), purtroppo m’apparite sempre più un puritano, un illuso, una iperbole fine a se stessa. Secondo me vivete nel limbo (ben lungi da me offesa alcuna). Veramente siete convinto (poiché lo auspicate) che “quei due”, in qualsivoglia remota maniera, professino pubblicamente il salomonico MEA CULPA? Mai, mai e poi, né tanto meno si cospargeranno il capo di cenere (figuriamoci poi… a Canossa!). Quando allo scusarsi e fare pubblica ammenda…..”ha da passa d’acqua sotto li ponti!” Si terranno ben strette le loro poltrone, anzi, rinfrancati dalla ridondante nostrana popolarità rimpolperanno ulteriormente….! Meglio qua mi fermi. Piuttosto voi, Angelo consigliere (voluto gioco di parole) perché non inoltrate pubblica istanza (‘na denuncia, tanto per essere chiari) all’autorità competente (magari alla Procura) per quei fatti succedutisi? E come voi… tutti quei “tali” consiglieri i quali, sedendosi perché eletti da noi cittadini cremonensis sui banchi del Palazzo, si stracciano continuamente le vesti ma evitano di apparire “straccioni”? Quanto nobilmente e compitamente adempierebbero appieno al loro ruolo istituzionale! Ecco, caro Angelo, codesto comportamento apparirebbe come un segno di bontà (politica), di rettitudine (morale), soprattutto di alto senso del dovere civico (verso i cittadini). Opla, è tutto…o quasi. Ad abbundantiam.

    giorgino