Commenta

Jazz, lirica, debutti, mandolino e Brahms La stagione al Teatro Filo: quaranta eventi in nove mesi

filo

Quaranta eventi in nove mesi, allestiti con la partecipazione della Società Concerti e di associazioni. E’ il programma in anteprima della Società Filodrammatica che sarà sottoposto all’Assessorato per l’approvazione e il patrocinio. «La Società Filodrammatica ha una natura “pubblica” – ha detto il presidente Mantovani – che, sostenuta dalla generosità della compagine sociale e dalle numerose collaborazioni esterne, si sente, a prescindere dalla veste societaria privatistica, una risorsa a disposizione della comunità. Non sempre, tale convinto profilo viene tenuto nel debito conto dalla Istituzioni che, trascurando il Filo dall’accesso a risorse aggiuntive di quelle dell’autofinanziamento, dimostrano indifferenza ovvero privilegio di discutibili criteri di assegnazione». Il riferimento è alla scelta dell’Assessorato alla Cultura della Provincia che ha completamente trascurato la Società Filodrammatica per l’anno 2011.
Per quanto riguarda il programma, dopo le anteprime di settembre (concerti di Francesco Marchi e di Niccolò Agliardi e presentazione del libro “Un istante prima” del giudice Stefano Dambruoso), ottobre è mese del Jazz (Paolo Badiini Quartet, Fables of Faubus nel musica di Charles Mingus, Big Band The Swingers). Un filone principale che verrà intercalato dalla rassegna Filo Diretto con conferenze e presentazione di novità librarie (La postura, i libri “Prepotenti e impuniti” di Stefano Zurlo e “L’uomo immobile” di Enrica Bonaccorti).
Novembre e dicembre mesi dedicati alle festività dei bambini e di fine anno (“Il Filo dei Burattini”, l’illusionismo del Mago Dash, la conviviale prenatalizia, i ragazzi del sole band dei laboratori della Fondazione IOS di Sospiro, recital di Irma Zaneti accompagnata dalla clarinettista Eliana Cruz, “No time no space” tributo a Battiato con Filippo Destrieri, Marco Rapelli, Mauro Tosio, “Le collezioni risorgimentali del cremonese” con Francesco Pagliari e Carla Spotti.
Gennaio mese della lirica (Serata di grande lirica con Nadia Petrenko e promettenti voci della scuola cremonese, “Quattro giovani voci per il futuro della Lirica”). Febbraio mese del mandolino (rassegna delle orchestre e dei gruppi mandolinistici lombardi coordinati dal m° Ugo Orlandi e Veglioncino di Carnevale). Marzo mese dei debutti (“Frenesya” gruppo pop-rock cremonese; “Alchimie musicali”; “S_Compagine Musicale” a favore di Medea; quintetto d’archi “Cremona Ensemble coordinato dalla violista giapponese Akiko Yatani; “Festa della donna” con Pontesound; consegna delle borse di studio a favore dell’Istituo Superiore di studi Claudio Monteverdi). Aprile mese dedicato a Johannes Brahms (al piano Alice Severi; pianoforte e violoncello Scaramuzza e Mannucci), maggio dedicato interamente alla rassegna Pianoforum (Maccagnola-Yokoyama; Cattarossi_Cicchese: Porcelli-Longhi; Costa-Yokoyama; serata finala del Duo Alkan di Alberto Baldrighi ed Anne Colette Ricciardi) e giugno dedicato alle esibizioni dei gruppi di formazione del Filo (Scuola di Lirica; Tango Club Cremona; Pontesound; Scuola di Teatro Luigi Carini).

© Riproduzione riservata
Commenti