Commenta

Natale, “Babbo Ascom” potrebbe integrare il progetto del Comune

evidenza-natale

Tutto dipende dalla proposta del Comune: se ben fatta, l’Ascom non si tirerà indietro. Diversamente, l’associazione di via Manzoni potrebbe integrare, ‘metterci del suo’ e organizzare iniziative aggiuntive per un ‘Natale parallelo’ a quello dell’amministrazione comunale. I riflettori restano puntati sull’incontro di lunedì mattina, convocato dal sindaco e dall’assessore Nicoletta De Bona con le associazioni del commercio e dell’artigianato. E’ in quella sede che l’amministrazione presenterà il programma delle iniziative per il Natale 2011 elaborate dai suoi uffici dopo che il bando indetto per l’organizzazione degli eventi è andato deserto.

L’assessore De Bona, nei giorni scorsi, ha messo le mani avanti: “Sarà un Natale sobrio”, ha fatto sapere. Di qui la possibile contromossa dell’Ascom, che per anni ha organizzato le iniziative del Natale cremonese: laddove la proposta fosse troppo sobria, potrebbero integrare loro, i commercianti. Conferma Claudio Pugnoli, presidente dell’associazione di Palazzo Vidoni: “Valuteremo lunedì. Tutto dipende dalla proposta. Dopodiché prenderemo una decisione (nella serata di lunedì l’Ascom ha in programma una riunione con i suoi associati; ndr). Bisogna capire e vedere il progetto, poi vedremo se integrare”.

“Il Natale – conclude il presidente Ascom – è talmente importante che o il progetto è valido o noi faremo quello che c’è da fare”.

In linea con Pugnoli il presidente delle Botteghe del Centro, Paolo Mantovani: “Se ci sarà un progetto serio saremo ben contenti di condividerlo. Siamo sempre stati disposti a contribuire, a patto che sia nella stessa misura in cui contribuiscono le altre associazioni. L’assessore ha parlato di proposta sobria? Nessuno voleva il luna park, se la proposta sarà sobria ma ben fatta, ben venga”.

Non c’è però solo il Natale all’ordine del giorno della riunione di lunedì sera tra gli associati Ascom. In agenda almeno altri due punti caldi. “Si parlerà anche di viabilità e dei rapporti con l’amministrazione – anticipa Mantovani -. Su via Dante, ad esempio, sono due anni che dicono che termineranno l’intervento, ma i viali non sono ancora stati sistemati. Poi c’è la Ztl: è malfatta, caotica, ha orari non condivisi da noi”.

Capitolo rapporti con l’amministrazione: “Non riusciamo a capire quale sia la strategia – commenta Mantovani -: prendiamo calci nei denti dall’assessore sui giornali, poi ci chiedono di condividere i progetti. Anche sulla Maratonina, l’assessore allo Sport (Marcello Ventura, consigliere delegato allo Sport; ndr) critica i commercianti perché domenica i negozi erano chiusi. Invece di criticare, avrebbe potuto sentire le associazioni del commercio prima della Maratonina per concordare un contributo in termini di iniziative a favore della città. Premesso, ovviamente, che sono i negozianti a sapere quando è il caso di aprire, e non l’assessore”.

 

f.c.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti