3 Commenti

Ex Scac, il Pd: “Scarsa sensibilità istituzionale”

maura-scac

“Mancanza di trasparenza”, “scarsa sensibilità istituzionale”: questi, ad avviso del Pd, i tratti distintivi della maggioranza al governo locale. Tratti emersi puntualmente anche dalla vicenda Scac, tanto nel merito – la riqualificazione dell’area con insediamenti commerciali – quanto nel caso correlato del progettista, moglie dell’assessore Roberto Nolli.

Sul tema è intervenuta oggi Maura Ruggeri, capogruppo del Pd in Comune.

“Condividiamo il giudizio del Presidente delle botteghe del centro – dichiara Ruggeri -: il centrodestra al governo della città si manifesta ormai come una compagine che evidenzia una drammatica distanza dalla vita reale. Il gruppo Toto costruzioni sbarca a Cremona con un progetto di riqualificazione dell’area ex SCAC che riguarda una superficie di oltre  70.000 mq  contraddicendo lo stesso programma del sindaco Perri che dichiarava lo stop a grandi insediamenti commerciali e il PDL  si mostra subito entusiasta del progetto”.

Incalza la capogruppo del Pd: “Pare che la progettista sia la moglie dell’assessore al bilancio; ma per il PDL non esiste nemmeno quella “inopportunità” che balza subito agli occhi della gente comune. Viene inoltre da chiedersi: da quando in qua il cento destra si accontenta della eventuale conformità all’odiato  PGT della passata amministrazione? Non ritiene che il progetto ex SCAC prefiguri un tipo di sviluppo della città che alla luce della situazione attuale richieda  perlomeno un ripensamento?”.

“Ci rispondono – conclude Ruggeri – che porteranno il progetto nella commissione preposta, ma che non vi è alcun obbligo. Mancanza di trasparenza e scarsa sensibilità istituzionale sono le costanti che riscontriamo ancora una volta anche in questa vicenda su cui invece chiediamo di aprire da subito un ampio confronto, non solo nella commissione, ma con tutti i soggetti interessati”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • SEMPRE PROGETTI

    Titolaccio in prima di Cronaca:
    “Non si progetta più, Cremona ultima provincia in Lombardia, unico intervento piazza Marconi, programmata, ma ferma, la progettazione dell’area della stazione”
    A seguire in terza:
    “Sino a fine giugno 2011 solo 12 progetti per un valore totale complessivo di circa 52 milioni di euro”
    Stupore in quarta:
    “Palazzo distante dalla vita reale. Dure critiche di Mantovani (Botteghe del Centro) al progetto sull’ex Scac: così facendo vien meno la credibilità del sindaco Perri e dei suoi assessori”
    Mettetevi d’accordo con voi stessi…..

    Cremona 03 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • germana

      lasciando però la possibilità di ragionare sul cosa e come, non solo sul quanto ….

  • angela

    Ma sui ragionamenti sono anni che (purtroppo)si risparmia e non centra la crisi…