Un commento

Rapina di via Dante, interrogatorio: “Agito per problemi economici”

rap

Hanno ammesso le proprie responsabilità, raccontando di forti problemi economici alla base del gesto,  i due uomini arrestati lunedì dalla polizia dopo una rapina da 27mila euro alla filiale di via Dante della Monte dei Paschi di Siena e un inseguimento in auto concluso a Castelverde (leggi l’articolo). Si tratta di Massimiliano Faverzani, artigiano idraulico classe 1977 di Flero (Brescia), e di Jody Locatelli, mediatore per l’acquisto di auto classe 1979 di Castenedolo (Brescia). Sono accusati di rapina aggravata. “La loro prima rapina”, ha detto il loro legale. Qualche ora fa l’interrogatorio in carcere, per entrambi, con il giudice Guido Salvini. L’avvocato dei due, Andrea Guizzardi, ha chiesto i domicliari. Il giudice si è riservato di decidere.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giacomo Zaffanella

    Eh già poverini, problemi economici! E chi lotta ogni giorno contro i problemi economici, di salute e famigliari restando nella legalità è un pirla?? Spero che non ci siano giudici che si facciano prendere in giro da queste scuse vigliacche!!