Un commento

Eliminazione passaggi a livello, i progetti ci sono ma mancano le risorse

cremona-alto

Tre progetti al vaglio dell’amministrazione comunale per l’eliminazione dei passaggi a livello. Si studia anzitutto un sovrappasso a San Felice, opera per la quale il progetto, per un costo di 3 milioni di euro, è quasi definitivo. C’è poi il progetto già definitivo per l’eliminazione del sottopasso in via Persico (considerato prioritario dall’amministrazione), per un costo di 6 milioni e 500mila euro. Infine, il progetto preliminare per l’eliminazione del passaggio a livello in via Brescia, opera per un costo di un milione e 500 mila euro.

Dal punto di sta progettuale, dunque, si procede: il nodo è tutto nelle risorse. Questi alcuni dei dati emersi oggi in commissione Ambiente, presente l’assessore Francesco Zanibelli e il dirigente Marco Pagliarini.

Per realizzare i sottopassi, RFI metterebbe a disposizione tre milioni di euro per la nostra provincia, ma la Regione Lombardia e l’amministrazione provinciale temporeggiano: di qui le difficoltà del Comune. Alla luce di questo, in Comune si punta sulla realizzazione di una sola delle tre opere, il sottopasso in via Persico, senza escludere la possibilità di realizzarlo con risorse proprie.

Nel corso della commissione si è parlato anche della razionalizzazione dei permessi di sosta. In totale, sono più di 11mila quelli rilasciati dall’amministrazione. Tra le ipotesi, quella di mantenere permessi a pagamento per i residenti (attualmente sono circa 4.000) e per alcune categorie professionali. I costi vanno dai 40 agli 80 euro l’anno.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • LA SOLITUDINE DEI NUMERI MASSIMI

    Tuffo in Commissione ambiente, mi, ci interessa, perché si discute dei permessi auto, sosta, passaggio, costi etc etc, due assessori e dieci consiglieri e dirigenti vari. Sarò breve, nel dubbio di non aver capito bene ho chiesto conferma, avevo capito bene, ma i numeri fluttuano, non chiedetemi la distinzione tra i vari permessi perché sennò ci perdiamo, basta il totale, a inizio riunione erano 16 000, nel mediogioco 11, per tornare a 18 000 in chiusura. Seimila sono dei residenti, gli altri 12 000 escludono solo il mio gatto, e anche il vostro. Qualche flash. La sola Questura ne ha 80, superata dalla sanità, che tra medici, dentisti e veterinari viaggia sui 400, poi altri professionisti in genere, cui si potrebbe aumentare la tariffa (oggi 40 euro l’anno), tanto si rifanno aumentandoci le parcelle, piccolo ma significativo il numero dei giornalisti, 60 (!!), ma il teatrino più divertente è stato quello dei politici, che, senza tanti preamboli, hanno istintivamente trovato l’accordo, destra e sinistra, con spunti diversi, the happy end, i permessi sono nostri e ce li teniamo. Una sola eccezione, Schifano, che mi piace segnalarvi: prima timido, sa il rischio di prendersi parolacce dai colleghi, rinunciamo a qualsiasi permesso, poi sommerso dai ragionamentoni, beh, non potremmo via email farci dare dal Comune volta per volta il permesso solo per la riunione? senza risposta, né sì , né no, giudicato assente. Sospetto: che il permesso lo usino anche fuori degli impegni istituzionali?
    Premessa solita, nessun politico, di Roma o Spinadesco che sia, rompa le palle coi sacrifici che fa per noi, viste le coltellate usi a scambiarsi per arrivare lì, ecco un riassuntino per il nostro riso amaro: sarà mica per i 200 che siamo (contano non solo consiglieri, assessori, anche dirigenti, tecnici, poltronisti vari etc), ma il nostro è un lavoro per la comunità, bisogna prima stabilire un’idea diversa di città, non si deve procedere a raffica, prima contare bene tutta la disponibilità, etc etc.
    Berlusconi cade, indubbio, incapace com’è delle riforme che il mondo chiede, ma ricordiamoci l’ultimo sfogo, provate voi a farle, puoi solo sugli spazzini, gli altri ti ammazzano. In una cittadina come la nostra, che percorri in lungo e in largo in dieci minuti, così si risponde ai commercianti che vogliono parcheggi in piazza del Duomo, tolto Schifano non c’è un politico disposto a rinunciare al suo permesso. In un momento come questo, mica si può dare ragione a Berlusconi, lo sconfitto !!

    Cremona 09 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info