Un commento

Fondazione Avantea, si presenta il comitato scientifico

galli

(Nella foto, il professor Cesare Galli)

 

Si terrà domani, venerdì 18, il convegno “La ricerca biotecnologica in campo zootecnico e biomedico” promosso dalla Fondazione Avantea. L’incontro è previsto per le 9 presso la Sala Maffei della Camera di Commercio di Cremona e servirà a presentare il Comitato scientifico della Fondazione, composto dal prof. Sir Ian Wilmut, dal prof. George Seidel e dalla dottoressa Giovanna Lazzari (presidente).

La Fondazione Avantea Onlus è il punto di incontro tra ricerca zootecnica e biomedica. Opera nel settore della ricerca scientifica per il perseguimento, in via esclusiva, di finalità di solidarietà sociale.

Le conoscenze generate hanno una diretta ricaduta sulla salute e sul benessere umano e animale, nonché sulla tutela della biodiversità. Il cuore della mission della Fondazione riguarda il progresso della scienza, la formazione di giovani ricercatori, la ricerca e la divulgazione scientifica. La Fondazione Avantea Onlus è stata costituita dal Prof. Cesare Galli e dalla Dr.ssa Giovanna Lazzari con la dotazione in denaro associata al premio internazionale Simmet Prize for Assisted Reproduction, ricevuto dal Prof. Galli nel 2008 per l’originalità delle ricerche (pioniere nel campo della riproduzione animale, sviluppo di nuove tecnologie, contributo allo sviluppo dell’industria), approccio sperimentale (novità e metodologie sperimentali superiori, condivisione con la comunità scientifica) e leadership (riconosciuto innovatore e studioso dai propri pari, servitore della comunità scientifica, volontà e generosità nel trasmettere i propri risultati ad altri).

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • COMUNICATO STAMPA 13/11/2011

    Cremona, il prossimo 18 novembre, ospiterà una conferenza riguardante le biotecnologie applicate al campo zootecnico e biomedico, organizzata dalla Fondazione Avantea. Accanto alle perplessità in merito alla dichiarazione dell’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, ci preme evidenziare come le ricerche condotte e programmate dagli scienziati che ne sono membri saranno svolte su animali e saranno attività ripetute e ripetitive già effettuate da molti altri in Italia e nel mondo. Tra i relatori, vi sarà chi si occupa di clonazione, di ricerca su embrioni e ovociti animali… Queste ricerche sono condotte ufficialmente per trovare applicazione sull’uomo, ma nella maggior parte dei casi perseverando nel ricorso alla vivisezione, metodo non scientifico e non predittivo perché basato sull’errore metodologico di ritenere l’animale possibile modello per l’uomo… esperienze del passato hanno confermato i nostri dubbi angosciosi.

    Associazione UNA Cremona (Uomo-Natura-Animali)