31 Commenti

Finti matrimoni, denuncia in Procura per Marussich e Ventura

fascia

Mirella Marussich

Il caso dei finti matrimoni finisce in Procura. Sulla vicenda è stata presentata una denuncia penale per il reato di usurpazione di titoli nei confronti dei consiglieri Mirella Marussich e Marcello

Marcello Ventura

Ventura (entrambi del Pdl). La denuncia è stata presentata questa mattina dall’avvocato Luca Curatti su incarico di Elia Sciacca, concittadino piuttosto noto per il suo impegno sul fronte civico e politico.

Non si tratta, tiene subito a precisare l’avvocato Curatti, di una questione politica. “Quella che ho consegnato stamattina – questo il commento del legale – è una denuncia penale per valutare la sussistenza di reati penali. Nulla più. Si chiede di indagare le persone indicate per valutare se sussistano profili penali in relazione ai fatti che tutti conosciamo. Non c’è alcuna valutazione politica, sociale, morale, etica e nemmeno se ne fa una questione amministrativa”.

Il caso è noto e risale alla metà di settembre, quando Cremonaoggi ha dato la notizia del matrimonio-farsa celebrato dalla consigliera Marussich con fascia tricolore all’agriturismo Relais Convento. Nel polverone alzatosi dall’uscita della notizia è emerso che l’episodio era tutt’altro che isolato e che, nei mesi precedenti, la stessa cosa ha fatto il consigliere Ventura.

A far discutere, in particolare, l’utilizzo della fascia tricolore – artigianale, a quanto dichiarato da Marussich – e il fatto che i matrimomoni venissero replicati in un comune diverso dal capoluogo. L’episodio è finito anche in Consiglio comunale, ma salvo una censura verbale del sindaco non ha avuto conseguenze. Questo anche in virtù della dichiarazione rilasciata dal Prefetto a seguito degli accertamenti disposti in quei giorni.

Elia Sciacca, in passato impegnato sul fronte politico con Lega e Liberal di Sgarbi, difensore civico popolare, firmatario di un ricorso al Tar contro la nomina di Giuseppe Ceraso alle CentroPadane, non accetta il lieto fine dell’episodio. “Ho volutamente lasciato trascorrere più di un mese – spiega -. Volevo vedere se i due consiglieri chiedevano scusa alla cittadinanza, ma questo non è successo. Così mi sono deciso a fare denuncia”.

Firmata da Sciacca, la denuncia è stata quindi depositata questa mattina presso la Procura della Repubblica di Cremona. “L’ingegner Sciacca – spiega l’avvocato Curatti – ha presentato un ricco dossier con tutto quello che è stato pubblicato in quei giorni dai quotidiani e dai mezzi di informazione telematici, sia a livello locale che a livello nazionale. Ha aggiunto lettere di lettori, opinioni della gente, tutto quello che è riuscito a raccogliere”.

Il materiale è posto al vaglio della magistratura, conclude Curatti, “ipotizzando la fattispecie di reato penale di usurpazione di titoli, ma si chiede anche una valutazione del magistrato per capire se sussistano altre fattispecie di reato penale”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ETICA E MORALE

    A me “mi” hanno imparato che codeste definizioni sono null’altro che un insieme di principi guida del comportamento umano nella società civile. L’etica ad esempio del professionista (consigliere comunale), la morale “famosa” contenuta nel finale di molte favole (tutt’altro che a lieto fine). Non vò da dire di null’altro se non….EVVIVA ELIA, ALTRETTANTO EVVIVA LUCA. Gongolo, personalmente “arigongolo” nel sapermi primo nella lista de “congratulatori” per codesta “TANTA” iniziativa. “E’ MORALE CIO’ CHE TI FA SENTIR BENE DOPO CHE L’HAI FATTO, E’ IMMORALE CIO’ CHE TI FA SENTIR MALE” (Ernest Hemingway). Nescio come si possano “sentire” il Marcello e la Mirella, tuttavia m’è venuta tantam pellem d’oca.

  • bruno

    E’ triste che chi, come il Sindaco, dovrebbe interpretare il senso della morale civile, si limita invece a “coprire” con un paterno e pubblico richiamo cio’ che viola ed offende la serieta’ delle funzioni pubbliche. Pare invece che questa “tutela” e’ affidata a quanche cittadino di buona volonta’ come Sciacca mentre dovrebbe essere un compito inderogabile delle pubbliche autorita’.

    • Paolo

      Il nostro sindaco, “quasi unico nel contesto in cui opera”, di simili coperture ne ha già attuate parecchie.
      In un paese serio, formato da politici seri, i due che hanno messo in difficoltà il loro sindaco e gettato discredito e ridicolo sulle istituzioni che rappresentano, avrebbero dovuto presentare immediatamente le loro dimissioni. Poi, se era il caso, difendersi!
      Però, il nostro sindaco, “quasi unico nel contesto in cui opera”, se non si accorge di che gente si è circondato e la difende, è perché probabilmente è come loro!

      • angela

        …in un paese serio pero’!!!

        • angela

          in un paese serio pero’ non c’e’ neanche una dx ed una sx che plaudono compiaciute ad un governo Monti;in un paese serio chi sbaglia si dimette;in un paese serio non e’ striscia la notizia a risolvere i guai;in un paese serio non vengono privilegiati i lavativi a discapito dei meritevoli;in un paese serio le cose funzionano tutti i giorni non a giorni alterni ed i cialtroni sarebbero a spasso…se ne vuoi ancora…

    • elia

      molti la pensano come te,ma purtroppo troppo pochi hanno il coraggiocivico di esporsi ,e i nostri rappresentanti delle istituzioni la fanno sempre franca, grazie sopratutto alla nostra endemica rassegnazione e indifferenza atavica, che ci contraddistingue nel mondo.

  • francesco

    il sig Marcello, da 2 anni non ha ancora risposto ad una civile richiesta Protocollata in Comune, avanzata da una Societa’ Sportiva deilettantistica di poter avere, pagando sintende, una sede per poter svolgere l’attivita’ didattica. Preferisce le lampade, l’apparire, o forse solo acoltare, esaudire, ed essere compiacente con chi gli fa comodo e non solo. Signor Consigliere del non essere, rimango in attesa di una sua richiesta di chiarimento, cosa che non avverra’ mai, ne sono certissimo. Se poi non si ricorda della richiesta avanzata dalla Societa’ Sportiva, le voglio dare un consiglio in occasione del santo Natale, vada a far la comparsa nel presepio. Lasci ad altri, questo incarico, che lei mai ha dimostrato di onorare. Ciao.

    • elia

      Marcello hai ragione è risaputo che i politici attuali Preferiscono apparire, e quindi un aiutino con le le abbronzature artificiali non si negano a nessuno tu giustamente, gli hai consigliato in occasione del santo Natale, di fare far la comparsa nel presepio, o di abbandonare l’incarico, forse il tuo primo consiglio lo accetterà, perchè incrementerebbe la popolarità mediatica dell’apparire, ma scordati che si possa dimettere, sappi che in Italia le dimissioni con l’attuale classe politica sono per statuto vietate.

  • FINTI MATRIMONI

    Non avendo altro da fare, la nostra sfortunata Procura dovrebbe occuparsi dei giochini (nulla di immorale, per carità) post matrimoniali al ristorante. Consultati i legali, i due presunti colpevoli hanno accettato il consiglio di procedere al matrimonio riparatore…

    Cremona 19 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • elia

      potresti fare tu il cerimoniere delle nozze riparatrici, penso che il matrimonio sarà molto seguito.

  • angela

    Personalmente credo che l’onta pubblica sia stata piu’ che sufficiente e che quello che ha detto il sindaco in privato agli stessi non ci e’ dato di saperlo ma si puo’ supporre.Perri si e’ comportato a riguardo con la solita coerenza che lo contraddistingue e che lo rende quasi unico nel contesto in cui opera.Bene ha fatto il signor Sciacca.

  • giuda

    Visto il “CIRCO” istituzionale cittadino, come farsi mancare anche questa chicca!

  • Elia, se mi procuri una fascia che non mi inguai, ci faccio un pensierino…

    • elia

      non preoccuparti il Prefetto è buono.

  • COME UN GRANELLO DI SABBIA CHE ROMPE GLI INGRANAGGI.

    Dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanare al Reno,
    Elia, siete coerente, codesto è lo vostro terreno.
    Scenari deludenti, voluttà perverse, tremendi cerimonieri,
    per costumi attuali incamminatisi in ver impervi sentieri.
    L’angoscia, l’orrore, l’inconsapevolezza della follia umana,
    il tono, il rancore, il pensiero, la rabbia d’invidia vana.
    Del vostro granello di sabbia, Elia, dal vento costì portato,
    si esalta un inaspettato gesto, sol dai soliti stolti biasimato.
    Stanchezza dell’anima, effimeri, spregiudicati comportamenti,
    Elia: “dacce” a quei tali la pena de viver sol in de’ li CONVENTI.

    • francesco

      parla cuma te magnett. Stolto tienitelo per te, puarett.

  • A “CECCO”

    Cecco, ho letto la vostra replica, pure l’ho metabolizzata, tuttavia non mi garba di “raccogliere”. Mi scuserò “con” (non “per”) lo stolto a patto che vi scusiate “col” (non già “per”) il puarett. Rammentate che “stolto” può essere offesa per chi “tiene poco senno”, per contro “puarett” è grave offesa per chi sopporta una condizione sociale da non augurare a chicessia, soprattutto non voluta nè tantomeno cercata. Vo a chiudere garantendovi di andar fiero della mia condizione sociale di “puarett”.

    • francesco

      puaret per noi anta, non significa la condizione sociale di poverta’, ha nel nostro gergo locale ha un’altro significato. Scuse accettate volentieri, senza nessun rancore, ma rimane il fatto che il sig. Marcello Ventura non risponde, forse affacendato in altre faccende. Mi scuso per non essere stato compreso. Ciao

  • elia

    la mia replica era riferita alla nota di Francesco erroneamente ho citato il nome di marcello al posto di Francesco, scusami, ciao.

  • Gianni

    Come se gli uffici giudiziari non avessero già tanto – e più importante lavoro – e come se il personale di magistratura abbondasse, il sig. Sciacca ha inoltrato un’altra denuncia penale con lo scopo di modificare il quadro politico della vita politica cremonese. Se non erro il denunciante era lo stesso che sperava ardentemente che il TAR facesse saltare la poltrona di Albertoni, ma così non è stato con sua grande delusione!
    Parliamoci chiaramente, se la giustizia è allo sfascio in Italia e a Cremona ciò è dovuto anche alle innumerevoli denunce che ingolfano gli uffici giudiziari pur essendo manifestamente infondate, ma vengono fatte a puro scopo di propaganda. La denuncia fatta dal sig. Sciacca, di fatto, toglierà spazio alle denunce fatte da altri cittadini vittime di episodi di microcriminalità o vandalismi.

    • elia

      caro Gianni le denunce si fanno per ottenere giustizia non per ingolfare la giustizia ,se il Sindaco avesse chiesto ai due consiglieri di rinunciare ad un paio di sedute al consiglio comunale ,o se loro stessi avessero chiesto scusa alla cittadinanza ,il sottoscritto non avrebbe certamente fatto la denuncia penale ,ma quando senti che tutti minimizzano e che il Prefetto fa dichiarazioni senza fondamento giuridico, allora bisigna che qualcuno sopra le parti faccia chiarezza. sappi che io non mi diverto a fare le denunce,forse dovresti sapere che gli avvocati costano,e al sottoscritto non viene in tasca nulla,o no?

      • bruno

        E’ un “non-senso” dire che la magistratura non puo’ fare il suo lavoro perche’ troppo intasata di denunce. E’ piu’ ragionevole segnalare il problema al Ministero competente senza chiedere ai cittadini di non rivolgersi alla magistratura. E’ come chiedere a chi non si sente bene di non andare dal medico perche’ l’ambulatorio e’ troppo intasato di pazienti in attesa. Magari il malato puo’ essere anche “immaginario” ma solo il medico puo’ stabilirlo con certezza ed il medico c’e’ anche per questo.

      • Gianni

        Apprezzo la nobiltà del ragionamento di Elia, ma la giustizia penale, o meglio, la “repressione” penale NON è un strumento adatto per educare gli stupidi, anche se fra gli stupidi ci mettiamo le eminenti Autorità che minimizzano il fatto.
        E allora ritorniamo sempre lì: chi ci rimette? Coloro che hanno veramente subito un’offesa illecita al patrimonio o alla salute o all’onorabilità e non trovano giustizia in tempi accettabili.

      • bruno

        Bene, signor Gianni, seguendo il suo ragionamento, diciamo alla gente di non andare dal medico quando “non si sente bene” perche’ se , risultasse solo “un’impressione” del soggetto, questi ha danneggiato ed ostacolato i “veri malati” e si faccia la terapia da solo, magari rischiando un possibile cancro. Mi dovrebbe pero’ spiegare, con la sua acutezza, a cosa serve un medico o un magistrato.

        • Gianni

          Se una persona ha problemi di salute va dal medico di base, e se necessario va dallo specialista. Solo come extrema ratio va dal pronto soccorso. Uno dei problemi seri di funzionamento degli ospedali, tra i quali quello di Cremona e Casalmaggiore, è dato dall’ingolfamento dei reparti di pronto soccorso dove si presentano pazienti anche per un solo raffreddore o mal di testa.
          Ciò che non sta in piedi è il discorso di chi dice: se i due consiglieri avessero chiesto scusa non sarebbero stati denunciati. A CHI devono chiedere scusa? Alla “ggggente”? Al popolo? Solo nei regimi dittatoriali o teocratici, come in Iran, la repressione penale viene usata per difendere la “buona educazione” (vedi la sharia ecc. ecc.).

          • bruno

            Bravo Gianni, bel ragionamento: la responsabilita’, anche morale e’ dei regimi dittatoriali. Cosa vuol dire? Che in “democrazia” non c’e’ la responsabilita’ e non bisogna chiedere scusa a nessuno? Seguendo sempre il suo ragionamento, diciamo ai pazienti di non presentarsi neanche al pronto soccorso ma si facciano i “medici di se’ stessi”. (Nota bene: tutti i medici di base che ho avuto, mi hanno consigliato di rivolgermi al pronto soccorso fuori del loro orario di servizio; come la mettiamo?). Per l’ingolfamento al pronto soccorso c’e’ anche l’afflusso degli stranieri che vanno al pronto soccorso senza passare dal medico di base, anche perche’ non sono in regola con le nostre leggi.

  • elia

    per questa vicenda meschina che è passata in sordina [vedi quotidiano la provincia ,articoletto a pag 38, e un trafiletto invisibile in prima pagina]sto preparando una lettera da inviare al capo dello stato che renderò pubblica per sapere se il comportamento del Prefetto è censurabile,visto che per sua maestà pardon, sua eccelenza indossare la fascia tricolore, per celebrare nozze fasulle non costituisce illecito. vi terrò aggiornati saluti elia Sciacca

  • elia

    E mentre l’abbronzatissimo Ventura sale sulle quotazioni di PIU’ allegato della provincia del sabato,la gente comune la cui saggezza è infinitamente superiore ai rappresentanti delle istituzioni sta raccogliendo le firme per chiedere AL SINDACO PERRI la sostuituzione di ventura per la delega dello sport ,visto la partecipazione disinvolta ai matrimoni fasulli, in definitiva in questa città addormentata, vedo e constato dalle telefonate, ricevute e dalle congratulazioni per strada di cui 90% positive in quanto per una minoranza dovevo lasciar perdere ,e sopratutto non valeva la pena spendere dei soldi propri poichè per taluni, non risolverò nulla in quanto la Magistratura non sputtanerà mai il giudizio preconfezionato del Prefetto.
    In Italia siamo oramai allo sbando, ma nonostante ciò c’è molta indignazione per la gente comune in merito al comportamento irrispettoso da parte dei due consiglieri del mondo ex berlusconiano , nel confronto delle istituzioni e ho notato che molti sono indignati per il comportamento sopratutto della minimizzazione del Sindaco e del Prefetto in merito alla vicenda meschina.

  • QUESTIONE ETICA

    Lettera a Cronaca:
    “Spiace ritornare ancora sulla vicenda dei matrimoni fasulli, risollevata dalla denuncia opportunamente presentata da Elia Sciacca. Probabilmente non ci sarà nulla di penalmente rilevante ma ci pare sia stata sottovalutata la questione etica che sta alla base della vicenda etc etc etc etc etc……..ci risulta sia in atto una raccolta di firme da consegnare al sindaco per invitarlo etc etc etc etc etc”
    A proposito di etica e firme, ecco i nomi degli etici firmatari della lettera a Cronaca:
    G.R. G.B. S.C.

    Cremona 26 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Tolga

    Hanno commesso solo una leggerezza, evitiamo la crocifissione pubblica. La cosa importante è che sono due consiglieri che si impegnano tanto (e gratis)per la nostra città, su tanti progetti. Mirella poi è una donna eccezionale.

    • marco

      Si impegnano tanto e gratis per la citta? In questo rientra anche l’allietare i novelli sposi con le “recite replay del matrimonio”? Al ristorante tra torte e spumanti?