Commenta

Polveri sottili, Comune chiama Regione: azioni condivise su larga scala

evidenza-smog-ferro

Comune chiama Regione per far fronte all’emergenza Pm10. Ecco il testo della lettera inviata dal sindaco Oreste Perri al governatore Roberto Formigoni per concordare strategie comuni e contrastare l’allarmante crescendo dei livelli di polveri sottili. Oggi, ottavo giorno consecutivo sopra il limite massimo (50 microgrammi per metro cubo), la centralina di via Fatebenefratelli ha rilevato un livello di Pm10 pari a 87 microgrammi.

La lettera del Comune è stata trasmessa ieri, su impulso dell’assessore all’Ambiente Francesco Bordi Questo l’oggetto: “Comunicazione in merito alla disponibilità del Comune di Cremona di adottare interventi a carattere regionale per il contenimento degli episodi acuti di inquinamento atmosferico”.

Scrive il sindaco: “Nello spirito di collaborazione e di condivisione delle scelte, che da sempre contraddistingue il rapporto del Comune di Cremona con il Governo regionale, con la presente sono ad informarla della disponibilità dell’amministrazione che rappresento, per l’adozione di provvedimenti utili a contrastare gli episodi di inquinamento da polveri sottili che affliggono da settimane tutta la Pianura Padana”.

“A tal proposito – aggiunge Perri -, come peraltro da lei già considerato in situazioni analoghe, chiedo di valutare l’opportunità di coinvolgere in iniziative condivise anche le Regioni limitrofe, al fine di dare maggior efficacia agli interventi stessi, anche in termini di sensibilizzazione della cittadinanza verso l’adozione di atteggiamenti virtuosi”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti