Commenta

Aiuto, qui non si respira più Le pm10 schizzano alle stelle E lo smog ci toglie tre anni di vita

evidenza-smog-ferro

Emergenza infinita. Non se ne esce. I dati di oggi della centralina di via Fatebenefratelli mettono in luce l’aggravarsi della situazione delle polveri sottili a Cremona. Dopo 15 giorni consecutivi con valori delle pm10 oltre il limite di 50 microgrammi per metro cubo (86 i giorni dall’inizio dell’anno caratterizzati da sforamenti) arriva l’ennesima brutta sorpresa. Anche se di sorprendente, forse, c’è ben poco. Siamo arrivati al 16esimo sforamento consecutivo e all’87esimo di questo 2011. I valori di oggi della centralina (media 24 ore) fanno notare come le pm10 siano arrivate alle stelle: 89 microgrammi per metro cubo. Si ricorda che l’Unione Europea  prevede un numero massimo di sforamenti annuali (oltre la soglia di 50 microgrammi per metro cubo) pari a 35. Si attende la pioggia. Blocchi al traffico nella sola città di Cremona si sono spesso rivelati inutili: il Comune ha inviato nei giorni scorsi una lettera al governatore Roberto Formigoni per concordare strategie comuni e contrastare l’allarmante crescendo dei livelli di polveri sottili.

Preoccupante è anche l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (Eea) di Copenaghen: “Air Quality in Europe 2011”. In Europa l’inquinamento dell’aria accorcia in media di nove mesi la speranza di vita. E si arriva a tre anni in meno in aree come la Pianura Padana e il Benelux.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti