Commenta

Concorso per l’ex Annonaria Al via i lavori della giuria Prima selezione entro dicembre

giuria-annonaria

Prima riunione, questa mattina (giovedì 15), della giuria del Concorso internazionale di idee in una fase di preselezione per la riqualificazione urbanistica del comparto ex Annonaria denominato Cremona City Hub. Terminato infatti il lavoro della commissione  tecnica per la verifica della regolarità degli allegati alla richiesta di partecipazione, inizia ora la fase di preselezione per individuare i sette concorrenti da invitare al concorso.

Fanno parte della giuria l’arch. Marco Masserdotti, Direttore del Settore Gestione del Territorio del Comune di Cremona nella veste di presidente, quindi, come componenti: il prof. Luigi Paolillo, docente ordinario di Urbanistica al Dipartimento di Architettura e Pianificazione della Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano; il prof. Massimo Venturi Ferriolo, docente ordinario di Estetica al Dipartimento di Architettura e Pianificazione della Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano; l’ing. Stefano Allegri, libero professionista cremonese, appartenente ad uno studio di ingegneristica specializzato nel settore idraulico, nel settore edilizia, nella progettazione urbanistica, nella progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza di edifici; la dott.ssa Elena Nicotera, libera professionista, segnalata da AEM Cremona S.p.A. Svolge le funzioni di segretario verbalizzante il dott. Marzio Turci, responsabile del Servizio Sportello Unico per l’Edilizia del Comune di Cremona. Il prof. Luigi Paolillo, il prof. Massimo Venturi Ferriolo e l’ing. Stefano Allegri sono stati individuati tra i nominativi segnalati dalla Scuola di Architettura e Società, dall’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori e dall’Ordine degli Ingegneri.

Prima che i componenti della giuria si mettessero all’opera, il vice sindaco ed assessore all’Urbanistica Carlo Malvezzi li ha incontrati innanzitutto per ringraziarli di avere accettato questo impegno e per augurare loro buon lavoro da parte della Giunta.

“Per l’Amministrazione comunale – ha sottolineato il vice sindaco Malvezzi nel suo breve intervento – questa iniziativa ha un alto valore strategico. La quantità e la qualità dei candidati dimostra l’interesse che il concorso internazionale ha suscitato in Italia ed in alcuni importanti Paesi europei. Questo ci conforta sulla validità del percorso intrapreso, finalizzato alla valorizzazione dei migliori talenti in grado di concepire una nuova chiave di lettura, dal punto di vista urbanistico, della nostra città dove la sostenibilità, che deve contemperare gli aspetti economici, sociali ed ambientali, riveste un ruolo fondamentale.”

“Esiste un’aspettativa elevata – ha concluso il vice sindaco – volta ad individuare una modalità di crescita della nostra città che possano rappresentare una spinta per muovere Cremona verso il futuro: ci sono tutti i presupposti che quanto si sta facendo per la vasta area dell’ex Annonaria possa influire sulla trasformazione di altri comparti. La novità sta proprio nell’approccio metodologico che sin dall’inizio si è deciso di seguire per Cremona City Hub, tanto è vero che questa esperienza ha tutte le caratteristiche per diventare un modello di sviluppo urbanistico davvero unico nel suo genere ed in grado di rappresentare un esempio al quale altre realtà urbane possano fare riferimento.”

La giuria ritiene di potere concludere i lavori entro il mese di dicembre. Ai concorrenti selezionati saranno fornite le linee guida e la documentazione previste dal regolamento, ed entro 90 giorni dall’invito alla partecipazione dovranno consegnare gli elaborati di progetto. La formazione del giudizio e la conclusione della procedura concorsuale avverrà entra 30 giorni dal termine di scadenza della consegna. Seguirà quindi la pubblicazione dei risultati e, infine, l’eventuale incarico di progettazione del piano attuativo che sarà affidato al vincitore del concorso da AEM Cremona S.p.A., secondo quanto previsto dal protocollo di intesa sottoscritto con il Comune.

 

© Riproduzione riservata
Commenti