5 Commenti

Pm10 sempre più in alto Dal Comune qualcosa si muove: sindaci riuniti il 3 per un piano di limitazioni del traffico

evidenza-smog

Sempre più in alto. Con questo triste ritornello, qualcuno potrebbe dire che lo smog non fa più notizia. Eppure. La centralina di via Fatebenefratelli evidenzia una fine dell’anno davvero irrespirabile. La pioggia non arriva e le pm10 continuano inesorabilmente a salire. Un altro dato in tripla cifra: 107 microgrammi per metro cubo. E’ il 108esimo sforamento del 2011 (l’Ue ne consente al massimo 35 in un anno), il 24esimo del mese di dicembre, il nono consecutivo. Alle 10.30 in sala giunta, si è tenuto un tavolo tecnico tra l’assessore Bordi, l’assessore Zanibelli, i vertici della polizia locale e i tecnici del Comune.
Ebbene, qualcosa sembra muoversi sul versante della lotta all’inquinamento. Il Comune ha deciso di richiedere al Prefetto per martedì 3 gennaio un incontro con tutti i sindaci dei comuni della prima fascia intorno a Cremona. Questo per riuscire a formulare dei provvedimenti di limitazione del traffico, condivisi con i primi cittadini dei municipi limitrofi.
«L’esito del tavolo tecnico è stato positivo – ha commentato l’assessore alla partita Bordi – Procediamo secondo quanto detto fino ad ora: non lavorare da soli, ma condividere dei percorsi per rendere i provvedimenti più efficaci». Proprio in previsione dei blocchi alla circolazione, lunedì 2 gennaio è già nell’agenda dell’assessore all’ambiente un colloquio tra Comune e commercianti.
Altro provvedimento concordato al tavolo tecnico, un maggior controllo affinché vengano rispettate le norme formulate dalla regione Lombardia. Dunque, vigili impegnati con più forza nelle verifiche a campione sulle caldaie e sulle emissioni dei veicoli. In attesa di provvedimenti concreti che dovrebbero arrivare già dall’inizio di gennaio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • CREMONA E LO SMOG
    C’è quasi da non credere : si era tornati a parlare dello smog e degli altri inquinanti ( anche più pericolosi) solo per dire che tutto andava bene anzi meglio di prima : l’affermare che si faceva più di prima (?) è solo giustificazione alla propria inadeguatezza.

    Quando anche l’uomo della strada poi riesce a vedere i dati (peraltro rilevati da una sola centralina e forse male posizionata),si accorge che “forse” il miglioramento si può vedere nell’arco di un anno se si fa una media che assomiglia tanto alla statistica del pollo proposta dal mai dimenticato Trilussa.

    L’osservanza delle norme regionali ( cfr. ARPA)non ci conforta e non ci tranquillizza : valenti esponenti del mondo medico e scientifico ci riferiscono che durante i picchi prolungati degli sforamenti (ormai drammatici ) aumentano i ricoveri e la mortalità.

    Anche questa è statistica.

    L’assessore alla partita, anziché fare conferenze “spot”( abitudine diffusa nel suo ambiente) dovrebbe anche vedere bene le statistiche delle mortalità e sarebbe subito smentito dalle coincidenze nefaste a seguito dei picchi di inquinamento, mai così alto nell’ultimo periodo.

    E’ stato scritto ( perché promesso ) che verranno aumentate le centraline di rilevamento : sarebbe bene sapere prima dove e quando e da chi.
    E’ stato scritto che verranno sostituiti i mezzi pubblici inquinanti : noi stiamo a vedere quando .

    Non è stato detto nulla che cosa si intende fare per togliere tutti i mezzi inquinanti possibili dalla cerchia cittadina.

    In alcune città svizzere esistono già disposizioni in tal senso :

    – in città entrano ed escono solo i residenti con percorsi definiti ;

    – in città non entrano i famosi “SUV” e i pochi che chiedono la deroga pagano un permesso talmente caro da scoraggiare gli abusi;

    – in città entrano solo mezzi elettrici cha hanno il compito di distribuire le merci già depositate in appositi magazzini di raccolta fuori città: sono nate quindi aziende che svolgono tale servizio;

    – in città non vengono costruiti garages e parcheggi e i pochi esistenti costano molto, molto cari ( anche a Londra) ;

    – l’amministrazione di queste città modello ha promosso il bike-sharing e favorisce l’uso della bici con un vero e consistente impianto di piste ciclabili;

    – a Cremona sono ancora poche e quelle già realizzate dalla Giunta Corada sono male utilizzate e a volte rese pericolose dalla imprudenza degli automobilisti e dal posizionamento di parcheggi a ridosso della pista, nonostante i cordoli ( vedi per esempio : Piazzale Po –fronte tabaccaio );
    CI SONO FOTO A DISPOSIZIONE;
    – nulla si sa di proposte per la costruzione di parcheggi fuori città : forse non si ha neppure l’idea di come collegarli con servizi degni di tale nome;

    L’uomo della strada vorrebbe anche sapere perché Cremona è forse l’unica città dove le auto e i SUV sostano ovunque nel centro cittadino, persino nelle immediate vicinanze o anche sulle porte del Duomo : ho già visto turisti fare contorsioni per poter bene inquadrare(per fare foto) le due facciate laterali del Duomo e la relativa abside.

    “Ictu oculi” la città intera è alla mercé delle auto in sosta o in transito.
    Questa è l’amara realtà.

    Se l’assessore alla partita non è a conoscenza di quanto si fa altrove, quando si agisce seriamente è bene che si documenti: in caso contrario non sappiamo di cosa si parla.

  • Giuanéen

    Questo commento di Mario, a parte la giusta correzione di Trilussa, ripresenta ancora gli stessi argomenti di qualche giorno fa, pur sapendo che sono strumentali.
    Niente di quello che dice è esatto. Niente. Questa, caro Mario è una sfida.
    1) Cita le fonti; 2) Cita una città capoluogo della Pianura Padana messa meglio di Cremona; 3) Spiegaci perché Pizzighettone e Soresina, sono alla stessa stregua di Cremona;

  • De la bala

    Ma questo assessore non era il prima firmatario delle petizioni contro l’inceneritore? E adesso sta “studiando” il raddoppio dell’impianto? E non esige nessuna valutazione ambientale per una nuova centrale a legna sempre lì vicino.. Se tanto basta…

    • Giuanéen

      Chapeau.

  • Dario Antoniazzi

    Ma il famoso giovincello Trentarossi, quello che aveva il movimento ambientalista, quello che faceva fuoco e fiamme contro la giunta di centrosinistra sui temi dell’inquinamento …. adesso che fa?? Si è messo tranquillo in un cantoncino??
    Oppure soddisfatto per aver fatto l’ago della bilancia a favore di Perri ha deciso di accontentarsi dello strapuntino che gli hanno dato??!!