4 Commenti

Smog, l’emergenza infinita Si chiude un 2011 ‘avvelenato’

evidenza-smog

Anche oggi si registra un nuovo sforamento. L’aria continua ad essere ‘malata’. Aspettando che (finalmente) qualche provvedimento concreto e incisivo venga adottato per fronteggiare un’emergenza che pare infinita (si aspetta l’incontro del 3 gennaio tra gli amministratori dei comuni della prima fascia intorno a Cremona) contiamo oggi 109 giorni dall’inizio dell’anno con polveri sottili oltre il limite di 50 microgrammi per metro cubo (l’Europa consente 35 giorni così nell’arco di 12 mesi). Un limite, quello di 50 microgrammi, lontanissimo dai dati di questi ultimi tempi della centralina di via Fatebenefratelli. Ancora una volta la concentrazione delle pm10 supera addirittura i 100 microgrammi per metro cubo. Dopo la vigilia di Natale (133), Natale (123), l’altro ieri (102) e ieri (107), la centralina evidenzia oggi, 31 dicembre, 104 microgrammi (media 24 ore). Il 25esimo sforamento di questo dicembre da incubo. L’ennesimo di questo 2011 ‘avvelenato’.

mic.fer.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • FLI CREMONA

    SIAMO SEMPRE ALLE SOLITE, COME POSSIAMO PRETENDERE DI FAR DIMINUIRE IL PM10 SE CONTINUIAMO A FAR CIRCOLARE LE AUTO SENZA RITEGNO IN QUALSIASI PUNTO DELLA CITTA’ E SENZA OBBLIGARE I CITTADINI E NON AD NON USARE LE MACCHINE MA I MEZZI ALTERNATIVI PER VENIRE IN CENTRO? VEDE CARO DIRETTORE A QUESTA GIUNTA MANCA LA VOLONTA’ DI FARE “CULTURA” ALLA PROPRIA CITTA’ PER PAURA DI PERDERE CONSENSO ELETTORALE….( A MOLTI FAREBBE BENE FARE DUE PASSI A PIEDI)

  • CREMONA E LO SMOG
    C’è quasi da non credere : si era tornati a parlare dello smog e degli altri inquinanti ( anche più pericolosi) solo per dire che tutto andava bene anzi meglio di prima : l’affermare che si faceva più di prima (?) è solo giustificazione alla propria inadeguatezza.

    Quando anche l’uomo della strada poi riesce a vedere i dati (peraltro rilevati da una sola centralina e forse male posizionata),si accorge che “forse” il miglioramento si può vedere nell’arco di un anno se si fa una media che assomiglia tanto alla statistica del pollo proposta dal mai dimenticato Trilussa.

    L’osservanza delle norme regionali ( cfr. ARPA)non ci conforta e non ci tranquillizza : valenti esponenti del mondo medico e scientifico ci riferiscono che durante i picchi prolungati degli sforamenti (ormai drammatici ) aumentano i ricoveri e la mortalità.

    Anche questa è statistica.

    L’assessore alla partita, anziché fare conferenze “spot”( abitudine diffusa nel suo ambiente) dovrebbe anche vedere bene le statistiche delle mortalità e sarebbe subito smentito dalle coincidenze nefaste a seguito dei picchi di inquinamento, mai così alto nell’ultimo periodo.

    E’ stato scritto ( perché promesso ) che verranno aumentate le centraline di rilevamento : sarebbe bene sapere prima dove e quando e da chi.
    E’ stato scritto che verranno sostituiti i mezzi pubblici inquinanti : noi stiamo a vedere quando .

    Non è stato detto nulla per che cosa si intende fare per togliere tutti i mezzi inquinanti possibili dalla cerchia cittadina.

    In alcune città svizzere esistono già disposizioni in tal senso :

    – in città entrano ed escono solo i residenti con percorsi definiti ;

    – in città non entrano i famosi “SUV” e i pochi che chiedono la deroga pagano un permesso talmente caro da scoraggiare gli abusi;

    – in città entrano solo mezzi elettrici cha hanno il compito di distribuire le merci già depositate in appositi magazzini di raccolta fuori città: sono nate quindi aziende che svolgono tale servizio;

    – in città non vengono costruiti garages e parcheggi e i pochi esistenti costano molto, molto cari ( anche a Londra) ;

    – l’amministrazione di queste città modello ha promosso il bike-sharing e favorisce l’uso della bici con un vero e consistente impianto di piste ciclabili;

    – a Cremona sono ancora poche e quelle già realizzate dalla Giunta Corada sono male utilizzate e a volte rese pericolose dalla imprudenza degli automobilisti e dal posizionamento di parcheggi a ridosso della pista, nonostante i cordoli ( vedi per esempio : Piazzale Po –fronte tabaccaio );
    CI SONO FOTO A DISPOSIZIONE;
    – nulla si sa di proposte per la costruzione di parcheggi fuori città : forse non si ha neppure l’idea di come collegarli con servizi degni di tale nome;

    L’uomo della strada vorrebbe anche sapere perché Cremona è forse l’unica città dove le auto e i SUV sostano ovunque nel centro cittadino, persino nelle immediate vicinanze o anche sulle porte del Duomo : ho già visto turisti fare contorsioni per poter bene inquadrare(per fare foto) le due facciate laterali del Duomo e la relativa abside.

    “Ictu oculi” la città intera è alla mercé delle auto in sosta o in transito.
    Questa è l’amara realtà.

    L’INQUINAMENTO C’ERA ANCHE PRIMA DEI RISCALDAMENTI ACCESI.

    CERCARE L’ACCORDO DEI COMUNI LIMITROFI FA QUASI SORRIDERE( PER CHI NE HA ANCORA VOGLIA) E CREA SOLO UN DIVERSIVO : NEL FRATTEMPO DOVE PASSANO LE FESTE I NOSTRI AMMINISTRATORI PRO TEMPORE ???

    Se l’assessore alla partita non è a conoscenza di quanto si fa altrove, quando si agisce seriamente è bene che si documenti: in caso contrario non sappiamo di cosa si parla.

  • elia

    Purtroppo siamo gestiti da molti assessori incompetenti e quindi i problemi restano irrisolti, la politica è sempre più inefficiente e la gente assiste attonita,senza più nemmeno la forza di reagire ,da bravi cristiani ci hanno convinto che per meritare il regno dei cieli dobbiamo sorbirci questa classe politica sempre più arrogante e distante dalla gente.

    • Wilkins Micawber

      Non rivolgerti con tono sferzante ad alcuno; coloro ai quali ti rivolgerai in questo modo ti potrebbero rispondere nello stesso modo: le ingiurie sono dolorose; colpo su colpo, esse ricadranno sopra di te. (Buddha)