2 Commenti

Attesa neve fino a domani Mezzi spargisale al lavoro Temperature in calo: allerta ghiaccio I disagi maggiori sui treni

no bonus abbonamento treno

AGGIORNAMENTO ORE 21 – Una vera e propria odissea. Con gelo e neve, il primo treno coinvolto negli enormi disagi ferroviari (quello delle 17.15 da Milano Centrale) è arrivato alla stazione di Cremona con 120 minuti di ritardo (alle 20.30 anziché alle 18.30), ben due ore. Con lui, le immagini (disponibili nella galleria a fondo pagina) di carrozze gelate e di porte chiuse dal ghiaccio. Arrivati a destinazione, infatti, i pendolari si sono dovuti mettere pazientemente in fila per scendere dal convoglio, causa la presenza di sole due porte agibili. Per gli altri treni ancora in viaggio della linea Milano-Mantova, Trenord ha previsto ritardi medi di 90 minuti. Qualche disagio anche sulle altre linee cremonesi.

AGGIORNAMENTO ORE 19,15 – Mentre aumentano i minuti di ritardo di tutti i treni provenienti da Milano (direzione Cremona e Mantova) arriva una nota di Trenord. Eccola di seguito. Prosegue anche questa notte la mobilitazione straordinaria di Trenord per fronteggiare l’allerta meteo. Fino al termine dell’eccezionale ondata di maltempo che sta interessando l’Italia, Trenord manterrà lo stato di mobilitazione della propria struttura previsto nel proprio “piano neve”: rafforzamento dei turni del personale operativo e della manutenzione, treni tenuti accesi e riscaldati tutta la notte, circolazione notturna di treni raschia ghiaccio, verifica degli impianti di rete insieme con i tecnici dei gestori dell’infrastruttura. Tali provvedimenti sono già stati presi la scorsa notte, ed hanno consentito a Trenord di far partire questa mattina tutte le corse programmate e di limitare i disagi ai clienti. Infatti, a differenza che altrove, Trenord ha deciso di non interrompere preventivamente il servizio con soppressione programmate, ma di far partire il 100% delle corse. Alle 19 hanno circolato 1550 treni, con una puntualità ai 10 minuti dell’85%. Solo il 10% ha registrato un ritardo superiore a 15 minuti. Le soppressioni sono state l’1% delle corse programmate.

“Sicuramente in questi giorni ci sono e ci saranno disagi dovuti al maltempo, ma nel complesso il sistema regionale di trasporto ha retto grazie alla mobilitazione straordinaria della nostra struttura – ha dichiarato Giuseppe Biesuz, amministratore delegato di Trenord. Fin da domenica abbiamo attivato i tutti processi industriali necessari per la gestione dell’emergenza. Abbiamo lavorato in stretto raccordo con i gestori delle infrastrutture (RFI e Ferrovie Nord) e messo in campo un piano neve per assicurare il servizio. Sono convinto – ha poi proseguito l’amministratore delegato – che la scelta di effettuare tutte le corse sia la scelta più giusta e rispettosa nei confronti dei nostri clienti. Purtroppo – ha infine concluso – la neve crea disagi a tutte le infrastrutture, a cominciare dalla viabilità stradale”
.

AGGIORNAMENTO ORE 19.00 – La neve e il gelo mettono ko le ferrovie di Trenord, creando enormi disagi ai pendolari sulla strada del ritorno dalla metropoli. Il treno delle 17.15 da Milano Centrale per Cremona-Mantova è partito con un’ora e mezza di ritardo e soltanto due carrozze riscaldate e quindi agibili. Ritardi a catena sulla linea per tutta la serata. Trenord ha annunciato un ritardo di circa 40 minuti anche per il treno 2661 con partenza da Milano alle 18.20, per un guasto allo scambio pressi del sito di manutenzione. Problemi anche in senso contrario, infatti, il treno 2660 delle 16.50 da Mantova è partito con 66 minuti di ritardo.

AGGIORNAMENTO ORE 18.00 – I maggiori disagi dovuti al maltempo sono sui binari. Il treno 10475 delle 16.40 da Milano Porta Garibaldi per Cremona è stato cancellato per un guasto al treno. Il treno 2659 delle 17.15 da Mi.Cle per Mantova parte con circa 40 minuti di ritardo.

AGGIORNAMENTO ORE 16.30 – Come comunicato dalla Regione Lombardia, le precipitazioni nevose sono destinate a proseguire sino alla tarda mattinata di domani (giovedì). Nel frattempo il Comune fa sapere che proseguirà a spargere sale nelle strade cittadine, così come avvenuto nella giornata di martedì. «In ogni caso – scrivono dal Comune – poiché è previsto un consistente abbassamento della temperatura nelle ore notturne, potranno formarsi comunque lastre di ghiaccio. Si invitano pertanto tutti i cittadini a prestare la massima attenzione».

AGGIORNAMENTO ORE 15.30 – Dopo una breve pausa dalle 13 alle 15, la neve è ritornata a scendere in città. Trenord, intanto, ha annunciato sulla linea Milano-Cremona-Mantova ritardi fino a 20 minuti. Ancora nessun particolare disagio sulle strade cittadine.

AGGIORNAMENTO ORE 12.00 – La neve continua a cadere in città. Situazione in continuo monitoraggio sulle strade. Da Polizia Locale, Polizia stradale e Vigili del Fuoco nessuna segnalazione di disagi. Resta alta l’attenzione per il formarsi di ghiaccio sulla carreggiata.

AGGIORNAMENTO ORE 10.30 – Un leggero nevischio continua a cadere in città e in provincia. Segnalati disagi fuori Cremona, su alcune strade provinciali, come il tratto Cignone-San martino in Beliseto. Problemi anche sulla linea ferroviaria Mantova-Milano. Una coppia di treni tra Cremona e Codogno è stata sostituita da corse di autobus. Il Milano Centrale-Mantova delle 6.20 ha viaggiato con 30 minuti di ritardo per le ripercussioni del maltempo. 22 minuti è il ritardo accumulato dal treno delle 6.58 partito da Cremona, direzione Milano. E un treno guasto nei pressi di Lodi ha rallentato la circolazione: il Milano Centrale-Mantova delle 8.20 ha viaggiato con 50 minuti di ritardo, quello dell 9.30 da Cremona ha fatto registrare 30 minuti di ritardo. Infine, per due treni da Mantova a Milano sono state aggiunte le fermate di Casalpusterlengo e Secugnago. I pendolari hanno, inoltre, segnalato porte ghiacciate e quindi parzialmente bloccate su gran parte dei convogli.

ORE 9.00 – Neve e freddo anche a Cremona. In città precipitazioni nevose fin dalla sera di martedì con temperature che sono scese ben sotto gli zero gradi. Sulle strade, non si segnalano per il momento particolari disagi alla circolazione. Mezzi anti-neve e spargisale sono, infatti, al lavoro da ore per garantire la viabilità. Le principali arterie nella mattinata sono risultate pulite. Allerta, però, per il ghiaccio sulla carreggiata e sui marciapiedi. Nelle prossime ore, infatti, oltre a deboli nevicate, è previsto un abbassamento ulteriore delle temperature che potrebbero arrivare a -10 gradi.
Nella vicina Piacenza, intanto, blocco della circolazione dei mezzi superiori alle 7.5 tonnellate fino a cessate esigenze.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • un automobilista

    Stamattina mentre facevo il tratto Cignone – San Martino in Beliseto mi attanagliava un dubbio: a chi spetta la pulizia di quella strada? Comuni o provincia?
    Fatelo per favore, o stasera per tornare dovrò mettere i pattini da ghiaccio sotto le gomme!

  • ragazzi, occhio a ciò che scrivete: tutti i pendolari metterebbero la firma sotto venti minuti garantiti di ritardo, tutto l’anno…..