Commenta

'Paesaggi identitari', convegno su campagna e città Giovedì al Touring Club

campi

Il Touring Club Italiano giovedì 16 febbraio organizza “Paesaggi Identitari”, convegno che offre una lettura non convenzionale del territorio cremonese e della sua ricchezza distintiva. Il convegno, realizzato in collaborazione con il Comune, la Provincia e la Camera di Commercio di Cremona, nasce dal volume “Campagna e città – Dialogo tra due mondi in cerca di nuovi equilibri” riservato ai 350.000 Soci dell’Associazione. Il libro offre un’analisi critica del complesso rapporto tra due realtà alla ricerca di un nuovo equilibrio, due elementi in stretta connessione che hanno determinato i valori ambientali e le tradizioni e hanno modellato il paesaggio italiano diventando così l’estrema sintesi tra la geografia della penisola e la nostra storia.
Ad alternarsi al tavolo dei relatori di “Paesaggi Identitari”, oltre alle cariche istituzionali Massimiliano Salini, Presidente della Provincia di Cremona, il Sindaco Oreste Perri e Giandomenico Auricchi, Presidente della CCIAA cremonese, Valerio Ferrari e Roberto Zanoni della Provincia di Cremona, Filippo Mantovani dell’ecomuseo della risaia, dei fiumi e del paesaggio mantovano, Alessio Picarelli autorità del bacino del fiume Po e Gabriella Bovone Responsabile LAST dell’Università del Piemonte orientale. In rappresentanza del Touring partecipano al convegno Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano, e Marco Girolami, direttore strategie territoriali del TCI.
“Il paesaggio, – afferma Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano – estrema sintesi tra geografia e storia, è un archivio fondamentale delle nostre vicende umane. Non possiamo considerarlo, quindi, solo un valore estetico, pur assolutamente prezioso, ma anche simbolo del nostro grado di civiltà secondo declinazioni sempre diverse ed uniche”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti