8 Commenti

Quarto giorno di targhe alterne, ma le polveri non scendono: nelle ultime 24 ore, 63 microgrammi E domenica blocco totale

targhe

Niente da fare: dopo tre giorni di targhe alterne, le polveri sottili non accennano minimamente a scendere. Nelle ultime 24 ore la media registrata a Cremona è infatti pari 63 microgrammi per metro cubo, ben oltre la soglia di legge fissata a 50 microgrammi.
E non conforta affatto il trend di questi giorni, con l’inquinamento sempre alto nonostante le misure antismog del Comune: giovedì le Pm10 erano a quota 5 microgrammi e venerdì a quota 69.
Oggi, su tutto il territorio comunale di Cremona, possono circolare solo le auto con targa dispari, mentre domani (domenica 26) scatterà il blocco totale della circolazione, dalle 8 alle 20.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Tommaso

    Come volevasi dimostrare… serve una “svolta ecologica” anche se non credo sia nelle capacità di questa amministrazione.
    Sostengo questo in virtù del fatto che l’inquinamento nella nostra città sta dimostrando coi rilevamenti (e non con le chiacchere) di avere assunto le caratteristiche di una crisi sistemica e non contingente!!
    Occorre:
    -rivedere la mobilità, eliminando i colli di bottiglia come ad esempio i passaggi a livello e magari avviando la costruzione della tangenziale sud, -incentivare l’utilizzo delle rinnovabili ad uso domestico oltre che nei siti produttivi così come la sostituzione di elettrodomestici con quelli in classe A+ mentre per le aziende l’adozione di motori industriali con dispositivi inverter
    -potenziamento e valorizzazione dei collegamenti ferroviari per alleggerire il trasporto su gomma
    -sostituzione graduale ma totale dei mezzi per il trasporto pubblico locale con altri a bassissimo impatto ambientale (elettrico e metano)
    -incentivi locali e progressivi per la sostituzione dei veicoli da euro 0 a euro 3 con euro 5 a valori assoluti bassi di emissioni co2 e contemporaneamente tassare i veicoli più inquinanti. Con i proventi compresi quelli derivanti dalle sanzioni si dovrebbero organizzare corsi pubblici per un utilizzo responsabile delle risorse e soprattutto dei mezzi a combustione interna.

    Per l’obiettivo che si pongono, questi punti li ritengo degli investimenti nel sociale e non meramente dei costi da mettere a bilancio… tanto per cominciare.

    • ben_ben

      condivido quasi tutto 😉

      • Angy

        ed eliminiamo anche la possibilita’di circolazione alle”auto d’epoca”:I COLLEZZIONISTI SE LE TENGANO NEL GARAGE X RIMIRARSELE SENZA POSSIBILITTA’ ALCUNA DI MESSA IN STRADA.Cominciano ad essere troppe!

    • Valeria F.

      Non sono daccordo sul fatto del tassare i veicoli più inquinanti…così si vanno a colpire le fasce “deboli”, coloro che magari non possono permettersi economicamente di cambiare l’auto (me compresa).
      Personalmente in città non uso quasi mai l’auto, ma bisognerebbe migliorare i trasporti pubblici e le piste ciclabili.
      Cremona è una città a misura d’uomo!!!

    • Alex Conti

      Io Alex nel 2008 con Albertoni e Keropetrol ho firmato un’accordo che predeva solo mezzi a metano per Aem e rispettive consociate comunali:Km ecc………,potete visionarlo in note nella mia bacheca in facebook provate a visionarlo e magari per piacere lasciate il Vs. commento io sono a Vs. disposizione,Il comune AEM e Keropetrol mi hanno rovinato….ma la Morte per Me è ancora molto lontana ma la verità sta per sorgere!!!!.

  • Valeria F.

    anch’io sono daccordo con il commento precedente.
    questa soluzione non serve a nulla…serve solo a cercare di placare i malumori e le proteste…cercano di dimostrare che si applicano (x finta) per risolvere o diminuire il problema.

    • Ben

      Da qualche parte bisogna cominciare. Le disposizioni devono essere applicate, se i cittadini non partecipano non si va da nessuna parte. Certo che noi cremonesi non ci smentiamo mai, siamo tristemente famosi per il lamento e lo saremo ancora…

  • sandra

    Una domanda banale : visto che il blocco della circolazione delle auto non serve, siamo proprio sicuri che tra la concentrazione Pm10 e le emissioni veicolari in atmosfera ci sia davvero una correlazione? Oppure l’ origine delle Pm10 deve essere cercata altrove?
    Pensiamoci…