2 Commenti

Cavi tranciati in incidente, interrotta la Cremona-Fidenza

EVIDENZA-TRENI

Linea ferroviaria tra Cremona e Fidenza interrotta. I tecnici sono al lavoro per ripristinare il traffico dei treni dopo un incidente avvenuto attorno alle 8 di questa mattina: un camion che trasportava un escavatore ha urtato e tranciato i fili elettrici della ferrovia nei pressi di un passaggio a livello sulla strada tra Roncole Verdi e Castione Marchesi, in provincia di Parma.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • SSSS

    Nell’articolo non si parla ovviamente dei disagi che hanno avuto i viaggiatori che a quanto pare non interessano a nessuno! I passeggeri del regionale 5167 Cremona-Parma sono stati fatti scendere dal treno e sono stati abbandonati per quasi un’ora alla stazione di Busseto ad aspettare un pullman sostitutivo che secondo la capotreno sarebbe arrivato entro 10 minuti!!Inoltre non è stato spiegato nemmeno la natura del problema come se fosse un segreto di Stato! Ovviamente nessuno ha considerato i disagi dei viaggiatori perchè non erano importanti visto che non erano diretti a Milano

  • ezio corradi

    A quando un piano interprovinciale-regionale per la soppressione dei 300 passaggi a livello sulle linee ferroviarie del nodo di Cremona? O forse dobbiamo attendere, anche in questo caso, la costruzione di un’autostrada fra Cremona e Fidenza per avere (almeno)la promessa di sopprimerli? Meglio una seria programmazione fra enti Locali e Ferrovie: abbiamo di fronte a noi l’indimenticato tragicomico caso del progetto dell’autostrada Cremona-Mantova con la prevista soppressione di 51 passaggi a livello fra cremona e Mantova in 23 anni, tanto sarebbe durata la costruzione dell’autostrada. Ma dopo 10 anni il progetto è ancora sulla carta e i pendolari stanno ancora aspettando che qualcuno risolva uno dei problemi che mette a rischio di guasti e di ritardi il loro viaggio verso altre città. C’è la certezza, avanti di questo passo, che il tutto verrà lasciato in eredità ai figli ed ai nipoti dei prossimi pendoalri. Intanto i viaggi sulle “freccerossepadane” permetteranno ai passeggeri di continuare ad ammirare le bellezze della pianura, capannoni e cemento permettendo.