2 Commenti

Gli abeti della Val Rendena sistemati a parco Asia (quartiere Zaist)

abeti-parco-asia

Gli abeti bianchi e rossi, tipici del Trentino, gentilmente donati, lo scorso Natale, al Comune di Cremona dal Comitato del Canton Berna di Vigo Rendena per suggellare l’amicizia che lega i cremonesi a tutta la Val Rendena, hanno trovato una loro collocazione definitiva al Parco Asia (quartiere Zaist). L’iniziativa è stata promossa dall’assessore al Commercio e Turismo Irene Nicoletta De Bona che, con la collaborazione dei colleghi e dei competenti uffici comunali, ha fatto in modo che gli abeti, utilizzati per abbellire piazza del Comune e lo spazio antistante Palazzo Cittanova durante le festività natalizie dello scorso anno, potessero continuare a vivere mettendo radici in terra cremonese.

Atteso il periodo più idoneo per la piantumazione, gli alberi, che erano sistemati in grandi vasi, sono stati collocati da Matteo Tedoldi, che si è reso disponibile ad effettuare gratuitamente l’intervento, all’interno del Parco Asia, su indicazioni del Servizio Verde e Serre del Comune che ha provveduto all’impianto di irrigazione. La messa a dimora degli abeti ha avuto buon esito come hanno potuto verificare di persona, durante un sopralluogo, il sindaco Oreste Perri, l’assessore Irene Nicoletta De Bona, l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Bordi e l’assessore ai Lavori Pubblici e al Verde Francesco Zanibelli, accompagnati, per l’occasione, da Matteo Tedoldi e Piercarlo Bertolotti. Il sindaco ha apprezzato il lavoro compiuto e, in particolare, la collocazione avvenuta nel rispetto delle caratteristiche del Parco Asia, uno dei principali polmoni verdi cittadini.

Il “gemellaggio” tra Cremona e la Val Rendena, facilitato grazie all’interessamento proprio di Piercarlo Bertolotti, attuale presidente FIAB, è avvenuto lo scorso Natale quando non solo Cremona ha ospitato uno stand dedicato a questa suggestiva zona del Trentino e ai suoi prodotti tipici, ma sono giunti in città anche gli abeti con l’impegno, una volta terminate le festività, di conservarli e quindi di piantumarli: un gesto che servisse da esempio a tutti a non disfarsi degli alberi di Natali comprati o regalati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • sandra

    Finalmente una bella notizia che lascera” di stucco gli amici di LUCI, autoproclamatisi paladini ufficiali della ripiantumazione. Ma li avete almeno avvisati, poveretti, o li avete messi di fronte al fatto compiuto?

  • amelia

    Evvai con la sagra dell’approssimazione! 2 commenti:
    1)E’ giusto non disfarsi degli alberi di Natale…ma cosa hanno a che vedere gli abeti del Trentino con il parco Asia (che era nato come collezione “didattica” di piante asiatiche)?
    2)Si spera che si realizzino anche iniziative di piantumazione un po’ meno estemporanee e improvvisate. Per fortuna esistono anche i “paladini della ripiantumazione” che non si accontentano di una foto ricordo davanti a quattro piante avanzate!
    P.S. non sono di LUCI, ma come cittadina cremonese so distinguere la serietà e la coerenza dall’improvvisazione.