Commenta

Maltrattamenti, romeno 45enne allontanato dalla casa familiare

Polizia--in--evidenza

Eseguita nelle scorse ore dalla polizia, nei confronti di un romeno 45enne, una misura cautelare che prevede l’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di frequentazione dei luoghi in cui abitualmente si trovano compagna e due figli. Un provvedimento emesso dal gip dopo l’intervento della squadra mobile. L’uomo era stato denunciato per maltrattamenti in famiglia per fatti risalenti a qualche mese fa, quando era residente a Cremona.

Dall’inizio dell’anno, spiega il dirigente della Mobile Sergio Lo Presti, i casi simili a questo trattati dalla questura sono otto. Denunce in aumento, non per una crescita del numero di reati ma per l’emersione di un fenomeno spesso chiuso all’interno delle mura di casa. Tanto che nelle ultime settimane alla seconda sezione della squadra mobile (che si occupa di queste vicende) è stata affiancata anche la prima (criminalità straniera). Questi otto casi hanno riguardato persone non nate in Italia, ma in passato molti sono stati gli italiani “protagonisti”.

Tra le otto vicende, maltrattamenti, atti persecutori, abusi di mezzi di correzione. Alcune hanno portato a deferimenti, altro sono in fase di definizione. Sei di queste hanno come sfondo la città di Cremona, altre due comuni della provincia. Un’attività laboriosa, quotidiana e accurata quella messa in atto dalla polizia in queste situazioni, anche attraverso la raccolta di testimonianze e di referti sanitari.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti