Un commento

Settimana Cultura, dal 14 al 22 aprile sedi museali ad ingresso libero

museo-archeologico-cremona

In occasione della XIV Settimana della Cultura (dal 14 al 22 aprile) le sedi espositive del Sistema museale aderiscono all’iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con ingresso libero, ad eccezione di lunedì 16 con consueta chiusura di tutti i musei, fatta eccezione per la Collezione “Gli Archi di Palazzo Comunale” che, invece, manterrà invariata l’apertura straordinaria del lunedì. Le attività previste di giovedì 19 (Art & Drink), di domenica 22 (Il violinista sul tetto) e (Vado al museo, vieni con me!) rimangono invariate a pagamento, così come tutte le audizioni previste. Infine, apertura straordinaria con orario 10-18 del Museo Archeologico per domenica 15 aprile, in occasione della giornata Touring.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • IDEE AL GALOPPO

    Naturalmente non è colpa del Laboratorio di idee e cultura politica di via Palestro, se ogni tanto i conferenzieri….restano a metà del guado!
    L’altro lunedì ci si riunisce per discutere il futuro di Cremona, col solito bravissimo Gilberto Bazoli a provocare: la Bella Addormentata?
    Devono rispondere gli intellettuali, unico compito, storico, parlare, sperando di trovare le cose giuste e, soprattutto, che chi ha il potere le ascolti.
    I potenti, e c’era il consigliere Marcello Ventura per il sindaco.
    I potentissimi: l’Immenso Antonio Piva, presidente di quasi tutto.
    Pubblico scarso invece, che affolla la sala quando parlano i Mario Coppetti…..
    Analisi, proposte, speranze, e trattandosi di Cremona, non poteva mancare il violino, grande opportunità per l’Immenso, che propone anche la gita via Po fino a Venezia, passando da Mantova e Padova, che lasciato il fiume si raggiungono facilmente in bicicletta.
    Ma se proprio l’Immenso, dopo aver lasciato parlare intellettuali, potenti, sé potentissimo, chiude sancendo: peccato che tra vent’anni saremo ancora qui a dirci le stesse cose, vuol dire che Cremona non cresce per colpa dell’unico assente, Giovanni Arvedi.
    Troppo occupato in azienda, in piazza Marconi, a Palazzo dell’Arte, nei restauri del Duomo, in via Massarotti, non per l’autosilo, per trasformare La Pace, etc etc, per chiacchierare del destino della città.

    Cremona 11 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info