Commenta

Successo al concerto del coro degli alpini per 'Dopo di noi: insieme'

concerto-dopo-di-noi

Il pubblico che domenica pomeriggio ha riempito la chiesa di santa Maria Maddalena, ha partecipato con calore al concerto eseguito dal coro ANA per la fondazione “Dopo di noi: Insieme”. La generosità e la disponibilità degli alpini sono tradizionalmente riconosciute da tutti e ogni occasione è valida per confermare questa loro caratteristica d’impegno verso gli altri.

Il concerto si è sviluppato nella presentazione di un ampio programma di canti entrati nella tradizione alpina ed eseguiti con buona preparazione, nell’ormai classico modulo di polifonia a cappella, per sole voci maschili, reso famoso nelle “cante alpine” dal coro della Sat.

L’impegno del coro era indirizzato a sostenere la preziosa opera della Fondazione nata dalla preoccupazione di un gruppo di genitori di disabili gravi, desiderosi di assicurare ai propri figli la miglior qualità di vita possibile allorquando non siano più in grado di assisterli direttamente a causa dell’età avanzata, di infermità o in caso della loro scomparsa.

La Fondazione “Dopo di noi Insieme” è nata nel 2004 e annovera tra i soci fondatori 17 famiglie di disabili gravi, il Comune di Cremona, la Curia Vescovile, la Fondazione Città di Cremona ed il mecenate ing. Gianni Carutti; il Comune ha concesso in comodato d’uso gratuito l’appartamento di via Cattaro, divenuto sede della prima “casa-famiglia”.

L’impegno attuale, come ha ricordato il presidente della Fondazione Renzo Zaffanella (ex sindaco di Cremona) nel suo iniziale saluto ai presenti, è quello di realizzare una seconda casa-famiglia.

Nell’occasione si è pubblicizzata la possibilità di devolvere il 5×1000 alla fondazione, realizzando un concreto aiuto secondo l’efficace slogan: “Noi creiamo insieme il futuro per i nostri ragazzi disabili, sosteneteci Voi in questa grande impresa”.

Il pomeriggio si è chiuso col canto “Signore delle cime” che il pubblico ha ascoltato in piedi come per una comune preghiera.

Giorgio Bonali (testo e foto)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti