19 Commenti

Mina scrive a Beppe Grillo: "I politici cercano la verginità, per loro sei una mazzata"

mina-sul-blog-di-grillo

La tigre di Cremona scrive a Beppe Grillo nel giorno delle elezioni amministrative. Un caustico post dal titolo ‘I politici e l’imenoplatica’ pubblicato sul blog del comico genovese e ripreso da tutte le testate nazionali. “A reclamare tale ammodernamento anatomico – scrive Mine riferendosi all’imenoplastica – si sono impegnati i grandi uomini della prima, della seconda, della terza, della quarta, della ennesima repubblica. Leggermente sputtanati e disfatti in decenni di infernale e volgare promiscuità e sfrenato onanismo, senza controllo e con autoreferenzialità, stanno rivalutando all’improvviso il concetto di purezza. Non è raro ammirare gruppi di quelli che una volta si chiamavano politici, in vestaglia dal gusto classico, reduci e convalescenti dal suddetto trattamento, seduti su poltrone di similpelle bordeaux nelle hall di cliniche di chirurgia ricostruttiva. La schiera dei “rifatti” comprende anche politologi, finedicitori di politica, economisti dell’ultima ora e bellimbusti di contorno, giornalisti compiacenti, adulatori prezzolati. Vestali di ritorno, risettati nella morale situata negli organi genitali, si apprestano a riprendere il rituale dei baccanali”.
“Ai politici – continua Mina – non è mai importato niente di chi fosse ciascuno di noi. Tanto, ognuno di noi è sempre rintracciabile in una colonna o in una fetta di torta e tanto basta. Loro non dovranno mai perdere tempo con istanze singole, distinte, specifiche o da class action. Hanno sempre avuto fiducia che, comunque, le poltrone rosse delle camere (parlamentari, in questo caso) fossero sempre a loro disposizione in quantità più che sufficiente. Non come quelle in similpelle bordeaux della clinica, che cominciano a scarseggiare”.
E su Grillo: “Il colpo finale, la mazzata che ammutolisce la sala della televisione. Beppe Grillo. Incontrollabile, sottovalutato, diverso, è adesso minaccioso veramente. Compare sostanzioso nella sua percentuale e inarrestabilmente spacca equilibri e logiche. Non ne avevano mai parlato. Nel calderone dell’antipolitica ci stava tutto, Beppe Grillo compreso. Che bisogno c’era di aver paura di un’alternativa senza qualifica, appartenenza, categoria di riferimento? L’ideologia del bunga e dell’antibunga erano sufficienti a eletti ed elettori per il funzionamento di Stato, società e politica estera. Ora bisogna fare i conti con lo spauracchio. Prima regola che si impongono i neovergini è quella di non nominare mai il nome dell’interessato. La volgare citazione appare scritta negli sfondi degli studi e, al massimo, velocissimamente pronunciata da scioglilinguisti allenati. Vengono impegnati, poi, scrittori dal costo elevato per la edificazione della muraglia di discredito che comprenda intelligentissimi riferimenti al qualunquismo, all’utopia, al populismo, alla sovversione, all’anacronismo, all’irrispettosità, all’inconsistenza. Contenti delle strategie impostate, appagati ogni tanto da un “più zero, qualcosa”, si godono il prurito dei genitali riparati”. Firmato Mina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • caterina

    Che Mina (mi piace troppo) sia fustigatrice dei partiti a favore di Grillo, mi sorprende. La stessa da decenni si e’ rifugiata in Svizzera per non pagare le tasse nel nostro Paese. Da che pulpito si sostiene l’antipolitica. A me piace moltissimo Grillo come comico irresistibile. Non rubatecelo.

    • angy.

      Si è rifugiata in Svizzera anche x i troppi benpensanti che abbiamo,ed ha fatto bene,in quanto al non voler pagare le tasse e all’antipolitica a me pare coerenza ma è sempre tutto opinabile….

  • elia

    Mina se ti metteresti in tournè con grillo faresti soldi a palate ,gli Italiani vogliono ridere ne hanno pieni i coglioni di sentire i politicanti di accatto che ancora oggi non comprendono che se non cambiano registro rischiano di farsi appendere.

    • kunta

      condivido il tuo contributo, soprattutto per come è scritto, e lo faccio mio! comunque se io sarei Mina eviterei certe esternazioni.

  • carmelo

    E’ tornata MINA VAGANTE….
    continua a riposare in Svizzera….grazie
    i problemi veri sono NOSTRI non TUOI….
    PAROLE PAROLE PAROLE….

  • Zorro

    Mina è una donna dello spettacolo, come Berlusca, come Grillo. Sarebbe ora che ognuno facesse il suo lavoro; e buffoni e cantanti da sempre stanno sul palco

    • kunta

      …e detto da uno che si chiama zorro, è tutto dire! (cmq condivido)

      • Giulia

        E’ bastato un comico e una cantante per demolire il PDL e la LEDA NORD!!!

        • kunta

          considerando che un pagliaccio di nome SILVIO per anni ha sodomizzato la SINISTRA, è tutto dire…

          • Aldabaran

            E come mai il Suo Governo a messo in ginocchio l’Italia? Vogliamo parlare dell’operazione del 3 gennaio 2012 dove il Governo Monti abbia liquidato alla Morgan e Stanley la modica cifra di 2 miliadi 567 milioni di euro un decimo della manovra finanziaria per estinguere una operazione di derivati finanziari che sono stati alla radice della crisi che ha sconvolto il mondo e milioni di innocenti cittadini?Quale Governo lì aveva comperati? E per conto di chi? E qui mi fermo.

          • kunta

            primo) il governo Berlusca non è il mio governo (non l’ho votato, dal mio contributo mi sembrava chiaro), nè tantomeno quello Monti (governo non democraticamente eletto);

            secondo) il Suo intervento è talmente pieno di strafalcioni ed errori che non si capisce cosa Lei intenda dire a proposito di una materia come quella dei derivati finanziari…una sola cosa si evince: Lei sta ai derivati come Brunetta sta ai giocatori di basket.

          • Mirco

            Chiaro per Lei caro Kunta, per tutti noi un po’ meno!

          • kunta

            mi scusi Mirco, dire che sono d’accordo con ‘zorro’ che definisce Berlusca buffone e aggiungere che Berlusca è stato un pagliaccio, non è sufficientemente chiaro?

          • sandro

            non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire…manco anno vinto le elezioni, sti comunisti, e si credono vincitori assoluti di tutto…
            kunta classico comunista che si nasconde di dietro al nome inventato, che vuoi fa’ con Berlusconi: sopprimerlo? fallo. ti manca solo quello…con l’odio non si procede, si retrocede…

          • kunta

            sandro, sei per caso fratello gemello di elia?
            scrivere allo stesso modo…

            …questa è una gabbia di matti…scappo attonito e basito.

  • Paolo

    Il vero boom,il movimento 5 stelle lo farà alle politiche del 2013 e il nuovo Presidente della Repubblica Italiana si farà anche con il consenso del movimento 5 stelle.

  • Roberto

    Il movimento 5 stelle a Piacenza, per la campagna elettorale, ha speso 771,20 euro e ne ha introitati 1698,44. Quindi, si può fare una campagna elettorale senza spendere molto.