Commenta

Ruzante in dialetto Divertente lettura al teatro Filo

DSC07884

L’annuncio diceva che nel pomeriggio presso il Teatro Filodrammatici per conto dell’Università della Terza Età, vi sarebbe stata la “Lettura drammatizzata e divertentissima di pagine di Angelo Beolco, detto il Ruzante (1500-1542), tradotte da Gigi Manfredini in sapido dialetto cremonese” da parte di Gigi Manfredini, Walter Benzoni, Milena Fantini e Agostino Melega.

Era inevitabile che questi attori facessero ritornare alla memoria il Gruppo Studio di Teatro che per tanti anni è stato il perno dell’attività teatrale cremonese, realizzando tra l’altro, e con grande successo, tutti i testi del Ruzante che il Manfredini andava traducendo dal “pavano” al nostro dialetto cremonese con la ricerca di espressioni che rendessero al massimo lo spirito e la comicità degli originali.

Così, di fronte ad un pubblico sempre più divertito, i quattro attori hanno presentato brani tratti dalla “Moscheta”, dal “Parlamento”e da “Bilora” per concludere a quattro voci con l’omaggio all’amore tratto dal Prologo 2° de “L’Anconetana.

Il passaggio da una scena all’altra è stato condotto dalla guida puntuale del bravo Agostino Melega che si è anche misurato nella lettura di alcuni brani; ma poi lo spettatore ha potuto ritrovare i grandi di allora come la formidabile Milena Fantini in perfetta forma, Walter Benzoni che sembrava ringiovanire con la perfetta recitazione delle maliziose battute di Ruzante e Gigi Manfredini che ha saputo dominare la scena con sapiente gradualità fino a conquistare il pubblico ad una libera ed insistente risata, soprattutto con l’interpretazione di Andronico dalla “Bilora”.

La prima domenica di maggio si è celebrata la “Giornata mondiale della risata per la pace nel mondo”, coscienti che i dittatori, i nazionalisti ed i guerrafondai mancano di humor e di senso del ridicolo; vorremmo dire che nel pomeriggio di lunedì al Filo si è ricuperata a Cremona quella giornata con un’efficace “lezione di pace”, coronata dalla gran quantità di risate che gli attori hanno saputo provocare, a dimostrazione di come niente sia più serio di una sana risata.

Giorgio Bonali (Testo e foto)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

© Riproduzione riservata
Commenti