Commenta

Mille Miglia riaccende i motori: al via quattro equipaggi cremonesi

venturelli-mille-miglia

Sopra, Venturelli al via (foto Pierpaolo Romano)

La Mille Miglia riaccende i motori. Giovedì sera le quasi quattrocento auto d’epoca costruite tra il ’27 e il ’57 sono partite da Brescia e attraverso Desenzano e Verona sono arrivate fino a Ferrara. E questa mattina la gara riparte. Arriverà a Roma in serata, prima di compiere il tragitto contrario nella giornata di sabato quando, dalle 21, sono attese anche a Cremona. Al via anche quattro equipaggi cremonesi. Giuseppe e Federico Fiorentini (n.10) sono iscritti con una RALLY ABC 1100  del 1929. Si tratta di una piccola vettura d’anteguerra dall’imponente passato sportivo, l’unica conosciuta ad essere equipaggiata con un motore SCAP. Ugualmente rara la BNC 527 Monza di Andrea e Paolo Venturelli, del 1927 (n. 9). Questa Monza è una delle quattro vetture carrozzate da Duval in conformazione Sport, è dotata del piccolo ma scattante motore Ruby 1075 a tre marce.  Mario Piantelli – Fabio Cambié (n. 12) hanno invece scelto la ASTON MARTIN Team Car LM7 (1931). Questo esemplare partecipò alla 24 ore di Le Mans nel 1931 arrivando quinta assoluta.  Ha partecipato al Double Twelve a Brooklands e al Tourist Trophy. Enrico Scio e Giordano Gnutti, brillantissimi nelle scorse edizioni, sono in gara con la HEALEY Silverstone del 1950. La Silvertsone, che prende ovviamente il nome dal circuito omonimo, fu la più sportiva tra tutte le Healey prodotte. Il telaio accorciato, i parafanghi staccati tipo motocicletta e la spartana carrozzeria in lega d’alluminio le conferiscono una grinta particolare. A conclusione della prima tappa è on testa il favoritissimo Giuliano Canè che, navigato dalla moglie Lucia Galliani, è alla guida della Bmw 328 ufficiale del ’40. Precedono gli argentini Scalise Claramunt con la Alfa Romeno 1500 Zagato e i connazionali Toncongy Berisso con la Bugatti Type 40. I primi cremonesi in classifica sono Mario Piantelli e Fabio Cambiè (24mi con la Aston Martin). Precedono di poco Enrico Scio e Giordano Gnutti (28mi con la Austin Healey Silverton). Più staccati seguono Giuseppe e Federico Fionentini (64mi con la Rally Abc) e Paolo e Andrea Venturelli (90mi con la Bnc). Meglio di tutti hanno tuttavia fatto Domenico e Giuseppe Battagliola, alfieri della scuderia 3t Cremona. Con  la loro Lancia Lambda del ’28 sono 19mi assoluti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti