5 Commenti

Arriva in città la Mille Miglia Stasera il rombante carosello

Cremona

Cremona è pronta ad accogliere, con il consueto affetto, la rievocazione della corsa stradale più famosa del mondo. Nella serata di sabato transita, infatti, la leggendaria Mille Miglia. Il percorso della gara ogni anno regala nuove suggestioni omaggiando le antiche vie degli itinerari storici in un equilibrato connubio tra l’aspetto turistico e quello competitivo, ma non dimentica il passaggio all’ombra del Torrazzo, riannodando ogni volta i fili della memoria poiché, tra il 1927 ed il 1957, la città vide transitare 17 delle 24 edizioni agonistiche disputate.
“Anno dopo anno, rimanendo fedeli alla tradizione del percorso a ‘otto’, passiamo attraverso località che offrono suggestioni indimenticabili – spiega Sandro Binelli, Segretario Generale del Comitato Organizzatore della Mille Miglia -. Cremona è sempre presente ed è impossibile non apprezzare la calorosa accoglienza che ogni anno riserva all’inimitabile sfilata di auto d’epoca che segue la Freccia Rossa”. In piazza Duomo arriveranno quasi quattrocento auto d’epoca che hanno fatto la storia della “corsa più bella del mondo”.
Il rombante carosello sarà preceduto dal Ferrari Tribute to 1000 Miglia: attraverso centocinquanta splendide vetture si potrà rileggere la storia della Casa che più di ogni altra ha scritto la storia dello sport automobilistico. Il primo concorrente di questo singolare omaggio è atteso in Piazza del Comune alle 19,35. L’arrivo degli equipaggi della Mille Miglia è invece previsto alle 20,50. I bolidi, provenienti da Casalmaggiore, giungeranno da via Giuseppina, imboccheranno via Novati e via del Giordano, svolteranno in piazza Cadorna, percorreranno corso Vittorio Emanuele e sfileranno in piazza Stradivari. In piazza del Comune è previsto un controllo a timbro. Quindi i piloti scenderanno corso XX Settembre, risaliranno via Cesare Speciano, via Uberto Pallavicino e corso Giacomo Matteotti. Quindi si dirigeranno verso Brescia passando da piazza della Libertà. Tra gli equipaggi più attesi ci sono quelli cremonesi. Sono rimasti in tre perché la BNC di Venturelli non ha disputato le ultime prove cronometrate ed è, di fatto, fuori gara.
In lotta per le posizioni di vertice ci sono, invece, i Battagliola, bresciani che hanno scelto di difendere i colori della Scuderia 3T Cremona. Con la loro Lancia Lambda del ’28 sono risaliti fino al ventesimo posto assoluto. Precedono, di tre posizioni, i Piantelli con la loro bella Aston Martin che giunse quinta a Le Mans, all’inizio degli anni Trenta. Autore di una gara quasi perfetta Scio e Gnutti hanno portato la loro Healey Silverstone, penalizzata da un coefficiente che favorisce le auto più datate, fino al ventiseiesimo posto assoluto. Un po’ più staccati i Fiorentini che a Roma, con la loro Rally Abc erano all’incirca al cinquantesimo posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • bè,in un epoca dove la gente non arriva a fine mese o ancor peggio non ha un lavoro,mi domando quanto sia utile vedere sti super bolidi milionari coi loro padroni altrettanto milionari che magari dichiarano come me che sono operaio..speriamo in una visita della guardia di finanza! ;-))

  • giovannino baldesio jr.

    soprattutto, cremonaoggi da che parte sta? pubblica pressochè contemporaneamente un articolo sull’inquinamento della città e uno su mezzi che di inquinamento ne provocano assai!!!

  • paola

    la mille e miglia dovrebbe quantomeno fermarsi in segno di lutto per quanto successo stamattina a brindisi.

    • giovannino baldesio jr.

      non centra nulla, la mille miglia dovrebbe non svolgersi per tanti altri motivi. che secondo me sono più importanti ma che, ovviamente, passano sempre in secondo piano quando l’opinione pubblica è scossa dal terrore mafioso (e non solo). è da italiani, tutto qui.

  • ho sentito che son state tolte diverse manifestazioni in segno di lutto in varie città dell italia.secondo me,così facendo,la si dà vinta a chi ha organizzato questo attentato contro studenti incolpevoli.bisognerebbe invece che lo stato,anzichè piangere lacrime di coccodrillo tutte le volte,togliesse qualcuna delle 65mila auto blu(!!!) e altrettanti privilegi della casta e dare più sovvenzioni a polizia,carabinieri forze dell ordine in genere affinchè il territorio sia meglio presidiato,invece che non hanno nemmeno i soldi per le auto di servizio!