24 Commenti

Emissioni Arvedi, illustrati i dati. Arpa: "Rispetto dei limiti"

arvedi

Illustrati nella Sala Giunta di palazzo comunale i dati ed i risultati dei rilevamenti ambientali riguaranti le emissioni in atmosfera da parte dell’Acciaeria Arvedi S.p.A. Presenti tre sindaci (Cremona, Spinadesco e Sesto ed Uniti) tra i quali è in corso una stretta collaborazione sui temi ambientali riguardante l’acciaieria.
“L’Acciaieria Arvedi – si legge nel documento di Arpa – a causa degli aspetti ambientali significativi derivanti dalle sue dimensioni, dall’ubicazione che la vede collocata in un’area densamente industrializzata e dalla vicinanza a centri abitati, è stata oggetto di oltre 30 ispezioni dal 1992 fino al 2007 e dal rilascio del primo Decreto A.I.A. fino ad oggi altre 32 ispezioni straordinarie. Oltre alle ispezioni straordinarie, l’Acciaieria Arvedi è stata oggetto di di un controllo ordinario, nel periodo temporale compreso fra il 02/12/2009 ed il 21/04/2010. Dalla data di inizio del secondo controllo ordinario attualmente in corso, l’azienda ha ottenuto due aggiornamenti dell’autorizzazione relativamente alla produzione di acciaio magnetico ed al ripristino della discarica interna già autorizzata. Nel corso del controllo ordinario in atto, si è accertato che la ditta sta predisponendo l’istallazione di un sistema di campionamento in continuo delle diossine, che sarà completato durante la fermata estiva”.
“Per quanto riguarda l’aspetto relativo alle emissioni dai camini dei due forni elettrici – continua il documento – ed in particolare sul parametro ‘diossine’, le analisi, effettuate nel rispetto del Piano di Monitoraggio e Controllo, hanno rilevato le seguenti concentrazioni:

“I risultati – continua il documento – confermano, anche dopo la modifica relativa all’ampliamento autorizzato con il DDS 184/2010, rispetto dei limiti indicati nell’Aia ed evidenziano come i valori delle emissioni dei due forni fusori ad arco elettrico risultano inferiori ai limiti di rilevabilità degli strumenti”.
“Per quanto riguarda gli elevati valori di Pm10 rilevati nella centralina di Spinadesco nel periodo autunno inverno 2011/2012 – conclude l’Arpa – si ribadisce che questi sono assolutamenti in linea con quelli rilevati dalle altre tre centraline attive sul territorio del Comune di Cremona, come facilmente riscontrabile dal sito Arpa Lombardia”.
I risultati presentati saranno pubblicati del sito del Comune, nella pagina dedicata all’Ambiente e, in particolare, all’Osservatorio Arvedi. Si tratta di dati che sono stati inviati al Comune su sollecitazione di quest’ultimo a seguito di segnalazioni pervenute da cittadini che chiedevano di avere dei chiarimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roberto

    Grazie direttore! Vedo con piacere che non ha perso la sua imparzialità ed equidistanza nel dare le notizie! Peccato per l’assordante silenzio su questa notizia che mi tranquillizza dei vari Vascelli e dei Cozzagli…avanti così direttore!

    • Luca

      quoto al 100%!!

  • DA…”LA SAPIEENSA DE CREMUNA”

    Caro Roberto,
    da anima “incheta” qual tu sai che io sempre manifesto, puoi solo immaginare quanto mi sarebbe garbato controbattere codesta “notizuola da niente” apparsa in extremis su codesto blog, tuttavia sarebbe stato come smacchiare le macchie alle cocinelle. Vorrò invece gratificare l’estensore dell’articolo con alcuni significativi proverbi dei nostri nonni, rigorosamente riferiti in nostrano cremonese. “TAAS DE LE, DATE DE FAA SE TE VOOT CAMPAA”. Ancora: “CHI GH’AA PAUURA EL VAGA MIA IN GUEERA”. Da ultimo: “PIAZEER FAT, PIAZEER RICEVIIT”. Per cui, a te ed a me, non ci resta che: IOTETE CHE DIO EL TE IOTA”.

  • I DIRETTORI DI COSCIENZA

    Mi piace perché segno che vengo letto e discusso: sul mio indirizzo e mail e su http://www.cremonaoggi.it mi contestano, adesso che l’Arpa l’ha assolto, che io taccia su Arvedi. Addirittura, nella lettera, io avrei pubblicato che Arvedi produce diossina. Il che, pur essendo certo di non aver mai scritto robe del genere, nemmeno in privato, nemmeno a voce, nemmeno pensato, mi ha costretto a mettere il “cerca” sul mio blog per controllare cosa ho scritto su Arvedi in tre anni.
    Come ricordavo, una montagna di elogi e critiche dure per la comunicazione.
    E ricordavo senza fatica per un motivo, non scrivo mai di fatti di cui non abbia certezza.
    Quanto alla notizia in sé, pur essendo nei blog comune la figura del “censore” che ordina agli altri cosa/come/dove debbano scrivere, un conto è il giornale, che ha quanto meno un obbligo morale di “passare tutto”, altro il blog, che è una specie di diario in pubblico.
    Tornando sul pratico, e non cercate sottintesi su Arvedi, solo sul valore da attribuire a certi organismi: l’Arpa cosa ha fatto su Tamoil, anche dopo l’autodenuncia del 2001?

    Cremona 31 05 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Claudio

    Gli Ortolani di Agropolis leggono rincuorati dopo le previsioni apocalittiche di tal ezio corradi

  • CRITICI ATTENTI

    Giorni fa ero stato ammonito da alcuni lettori: perché taci, oggi che l’Arpa ha stabilito, e la Provincia amplificato, che l’Acciaieria non genera diossina?
    Prima di tutto, e avevo chiesto di fornirmi la prova contraria, non ho mai scritto da nessuna parte che Arvedi inquina, se non il buon gusto nei comunicati, quindi non vedo in cosa dovrei smentirmi.
    Poi non scrivo mai di fatti di cui non sia certo e le chiacchiere su mucchietti di scorie che alloggiano diosacosa, sparsi qua e là, fin che un accertatore affidabile non parla, per me restano chiacchiere.
    E poi sentite, sarà la Provincia guidata con la solita precisione da Zanolli Vittoriano, e non l’Arpa, ma quando leggo, mercoledì 30 maggio, attribuita a Beati, direttore, la gemma sotto, capirete in che conto tengo la notizia:
    “periodicamente l’azienda deve effettuare autocontrolli i cui dati vengono riversati on line all’Arpa. In nessun caso i limiti sono stati superati etc etc.”
    L’Arpa accettava anche gli autocontrolli di Tamoil?

    Cremona 04 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Andrea

    E’ da guardare La Provincia di oggi, 5 giugno. Che belle quelle due pagine così stracolme di leccatine di cul_ al cavaliere dell’acciaio.
    E che bllo vedere tutti i rappresentanti dei poteri forti cremonesi riuniti per sancire solennemente che Arvedi non inquina! Immaginate se invece di Arvedi ci fosse stato qualcun altro, se riuscivi a mettere insieme in un sol colpo un sacco di gente tra cui il conte del tennis Clarafond (uomo fondamentale a Cremona, che sta lasciando una traccia indelebile…sui campi da tennis appunto), il Bufano, qualche assessoruccio, il dirigentuccio della Provincia Azzoni, il beato Beati direttore dell’Arpa (che La Provincia fa tuonare nel titolone: “Parlare di diossina a Cremona è criminale” Ohhh, perbacco! Scusino tanto lorsignori lecchini! Nessuno dirà più nulla contro il cavaliere per carità!)
    A prescindere dal fatto che l’acciaria inquini poco o tanto, che schifo! E che tristezza la società civile che si fa pisciare in testa da questa conventicola di signori che hanno come unico obiettivo quello di pararsi il c_lo a vicenda! E i giovani, dove sono i giovani!! Piuttosto di questo rincoglionimento generale, qualcuno faccia ritornare gli anni Settanta!
    E i centri sociali dove sono? Invece di imbrattare i muri e di cimentarsi in altre idiozie simili, perchè non erano ieri a protestare davanti al palazzo del consesso-incucio del potere losco cremonese?
    E al Vittoriano, grande giornalista e soprattutto grande e inveterato mangiatore a sbafo nei ristoranti della provincia ( di solito ci vanno i galoppini a testare i ristoranti ma lui continua imperterrito…), una domanda: come mai, dopo aver pubblicato il paginone comprato da Arvedi per minacciare di querela gli abitanti della Cava rei di aver osato far sentire la propria voce, come mai non ha pubblicato anche la lettera di risposta inviata da quei 90 cittadini della Cava? Come mai, Zanolli, non l’ha pubblicata quella lettera? Non le capita ogni tanto, proprio ogni tanto, di sentirsi umiliato dal suo stesso comportamento? E suvvia! Non ci vorrebbe poi molto nel suo caso!

    • Andrea

      Pardon per i refusi…colpa della fretta, ma il senso del mio post credo sia chiaro!

      Ribadisco: che schifo questo coacervo di poteri che si leccano l’un con l’altro ben sapendo che in fondo ognuno sta benone dove sta, anche perchè – domando – quanti di lorsignori occupano una poltrona per merito?
      Forse il “conte del tennis” Tancredi ecc ecc? Forse il Vittoriano (che come giornalista sarebbe a casa sua in qualche giornalino parrocchiale)? Forse qualche assessoruccio o qualche dirigentuccio di Comune e Provincia, di dubbia (che belli gli eufemismi…) competenza?
      Davvero resta ben poco in questa città…non rimane che passare il tempo leggendoci la prossima recensione da trattoria di quel Premio Pulitzer incompreso del Vittoriano.

    • UNO

      Andrea, SEI UN GRANDE !!!!!!!!!!!!!!!!!
      Certo che reazioni del genere, fanno sorgere molti dubbi su quello veramente che esce dalle decine di camini…chissà che porcherie (ovviamente tutte in regola)! Ne parleremo tra qualche anno quando qualcuno comincerà ad ammalarsi…

  • VI VOGLIO UN SACCO DI BENE.

  • LUIGI

    faranno delle terme vicino al MOSTRO ARCHITETTONICO!!!!

  • Roberto

    Ahahah nemmeno davanti all’evidenza dei dati ufficiali riuscite a cambiare idea, a rendervi conto di quanto questa vostra battaglia patetica, talebana, frutto di posizioni preconcette ideologiche, stia assumendo connotati ridicoli! Voi, soli contro il mondo, contro tutti, voi detentori del verbo, della verità! Gli altri solo asserviti al potere! Ahah petetici davvero!Una risata vi sommergerà!

    • LUIGI

      SEI UN POVERINO…TI AUGURO OGNI BENE!

  • IN PIEDI, ARRIVA IL MAESTRO

    Noi del Pdl non ce l’abbiamo e forse è meglio così, al Pd per mia fortuna c’è, e spesso mi dà ottimi spunti. Parlo del sito, quell’affare che ci fa conoscere dai lettori internet.
    La Maura, poveretta, ricordandosi che ogni buona bilancia ha pesi e contrappesi, di soppiatto scrive la sua e cerca di dare voce ai vicini di Arvedi. L’onorevole Pizzetti, l’uomo che secondo Zanolli non deve chiedere, mai, è lui l’uomo di riferimento del partito a Cremona, per stavolta non le dà della stupida in pubblico, si limita a passare con la matita rossa: Arvedi non sarà un “buon Sammaritano”, ma un imprenditore con attenzioni sociali, sì. Parlano lui e i suoi amici, i fatti, solo quelli scelti.
    Al partito, che non è più quello comunista d’un tempo ma i modi rimangono, nonostante l’arrivo di Magnoli, nessuno s’è permesso di ricordare all’onorevole, uso a vantarsi di “dominare l’italiano”, che si scrive “buon samaritano”, non “buon Sammaritano”.

    Cremona 08 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • FARSA CONTINUA

    Mentre i poveri cavatigozzini continuano a esercitare il diritto al silenzio, il terzo giorno è il turno dei big della politica a spiegare le stimmate dell’Acciaieria, oltre ai sindaci dei paesi vicini, Sesto e Spinadesco, dove non si farà fatica a contare i loro voti alle prossime elezioni.
    Mi stupisce che Salini, pur assente alla grande tavolata in casa di Sua Eccellenza, superiore diverse spanne in cultura, intelligenza, professionalità ai Pizzetti e ai Rossoni, per non parlare di Torchio, si lasci invischiare in dichiarazioni di rito davvero deprimenti, salvo gliele abbiano estorte in un momento di disattenzione. Dubbio che mi viene dal momento che un on line a lui vicino, che scrive di tutto, fin la danza delle mosche, sull’Acciaieria non spende una riga…..
    Per la quarta puntata, venerdì otto, sembra siano di scena i religiosi. Sfumata la possibilità del Papa, che più di tre giorni a Milano non poteva restare, verranno raccolte le parole del Vescovo, con benedizione, e dei quattro monsignori più noti.
    Esauriti i venti/trenta personaggi che contano, a Cremona, entro la fine dell’anno potranno dire qualcosa, dopo controllo preventivo, ovvio, cinque comuni cittadini, scelti con cura.

    Cremona 08 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • W LA LIBERTA’

    IMPOSSIBILE COMPETERE CON CHI COMPRA LA CITTA’!!!!
    DARE LAVORO NON PUO’ GIUSTIFICARE IL RUMORE E L’INQUINAMENTO.
    PACE E BENE

    • leo

      Grande Arvedi,avanti cosi,sei nel giusto!!!by leo

      • Andrea

        O lavori all’acciaieria o tifi la Cremonese, oppure tutti e 2, vero leo ???

        • leo

          tifo JUVEEE!!!

          • leo

            sinceramente io lavoro in una casa di riposo,niente a che vedere con Arvedi,ma penso sempre che se dovesse chiudere l azienda non voglio immaginare i 1500 dipendenti e passa che fine farebbero!!!Solo a quello penso,in tempi di crisi è dura ripartire…..poi il discorso spinadesco e cavatigozzi inquinata e probabili malattie, beh mica ci si ammala per l acciaieria,io ho perso due parenti tumorali e abitavano a VR e tanti altri ne muoiono in Italia e manco abitano vicino ad ARVEDI!!!quindi acciaieria o no la gente si ammala comunque!!! BY leo

    • leo

      No grazie,non mi interessa conoscere nessuno,se poi alla fine vi dà grossi problemi l Acciaieria,beh cosa vi posso dire,vendete casa e andatevene!!!!Io ho comprato casa lontano dal lavoro e faccio km ogni giorno e sono felice….. e parlo da persona che per anni ha abitato vicino alla Sicrem di Pizzighettone(vi comunico che la Sicrem è stata per anni altamente inquinante).La verità non mi interessa,a me interessano i posti di lavoro e immagino (ma non mi sbaglio)che alcuni operai dell azienda saranno SICURAMENTE ABITANTI DI CAVA E SPINADESCO,a due passi da casa…..quindi a maggior ragione direi di evitare troppe lamentele,perchè se fossi nel ‘cavaglier’ sarebbero i primi ad essere licenziati!!!E penso che come operai non vorrebbero questo,visto la crisi in giro!!!Per il mio lavoro tutto bene,grazie per i complimentsssss…..chi l’ha dura la vince,ovviamente che vinca il migliore!!by leo

    • leo

      quando avrò tempo leggerò tutto quel che riugarda L Arvedi e il suo inquinamente. Ringrazio Leo!!!

  • “AMORE” VERSO IL PROSSIMO.

    Vedete, signor Leo, al di là del complimento che Vi fo (immagino che sia alquanto stressante lavorare in ua casa di riposo), è bello leggere i Vostri giudizi senza che abbiate potuto (o voluto) adeguatamente INFORMARVI SULLA VERITA’ (QUELLA VERA!). Lavorare in una casa di riposo, a contatto quotidianamente con persone bisognose in tutto e per tutto, per di più non autosufficienti, sia alquanto gratificante, soprattutto sia il mestier più BELLO AL MONDO (e non sto scherzando). E’ “amore”, amore verso il prossimo. Quindi SI, sarò felice di darVi qualche dritta sul proseguio dei Vostri giudizi sui quegli spregevoli cittadini di Cavatigozzi e Spinadesco, a patto che veniate di persona a conoscerci, ad incontrarci, ad interloquire “anche” con noi. “MALEDETTO SII COLUI C’HA DA AUGURAR A LO PROSSIMO SUO DE PERDER LO POSTO DE LAVORO; A NIUNO S’HA DA PROFERIR TALE MALADIZIONE! PER GIUNTA LO PARLAR POCO, L’ASCOLTAR ASSAI…DIFFICILMENTE FALLIRAI”. AD MAJORA, SIGNOR LEO.

  • Maurizio

    Se qualche cittadino di quelli che si lamenta è un fumatore, probabilmente avrà maggior danno per questo che non dall’acciaieria…