Un commento

Contro la crisi aspettando i saldi: Giugno taglia i prezzi

L'iniziativa

Sopra, la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa

Aspettando i saldi, quest’anno, a giugno, ci sono a Cremona e provincia le vendite promozionali; che, di fatto, permettono buoni acquisti a prezzi vantaggiosi. Opportunità che la Confcommercio vuole far conoscere ai clienti attraverso la campagna “Giugno taglia i prezzi”. Si tratta di un’iniziativa che partirà venerdì ed è stata resa possibile dalla decisione di liberalizzare le promozioni e che, quindi, coinvolge tutto il territorio. Il progetto, sostenuto da Cariparma, è stato presentato stamattina, a Palazzo Vidoni, dal presidente del gruppo Federmoda Alessandro Bandera, da Paolo Mantovani de “Le Botteghe del Centro” e da Maurizio Crepaldi, responsabile per l’Istituto di credito della direzione territoriale Lombardia Est.

“Vogliamo far conoscere questa opportunità ai clienti – ha introdotto Paolo Mantovani – I Centri commerciali o gli outlet hanno possibilità di investire nella comunicazione molto più di quanto non possano fare i singoli negozi di vicinato. Come Associazione abbiamo voluto fare sistema e impegnarci dando risalto alle vendite promozionali”. Accanto alla campagna di comunicazione sui giornali locali e ai cartelloni esposti anche nel piacentino, nel lodigiano e nella bassa bresciana, Confcommercio ha realizzato una vetrofania, ben visibile (misura 40 cm per lato) da applicare alle vetrine. “Avremmo evitato volentieri di anticipare le vendite a prezzi ribassati – continua Mantovani – ma le nostre imprese stanno attraversando un momento drammatico. Lo sforzo economico che l’associazione sostiene è rilevante e ringrazio Cariparma per aver voluto sostenere il progetto”. I numeri, poi, testimoniano quanto l’iniziativa fosse attesa. “A Cremona hanno aderito una cinquantina di negozi, pochi di meno a Crema. Significativa è stata la partecipazione anche nel resto del territorio. E le adesioni aumentano ogni giorno”. “Abbiamo voluto essere vicini alle imprese del territorio – conferma Maurizio Crepaldi -, fare sinergia. Anche le banche devono essere vicine nei fatti ad un territorio, non solo a parole”. “Con l’iniziativa ‘Giugno taglia i prezzi’ – dichiara Alessandro Bandera – i negozi vogliono dimostrare concretamente la loro volontà di superare la crisi. In questo modo proviamo a contrastare il calo dei consumi, a dare una risposta concreta all’impoverimento delle famiglie. Credo che, più che mai in passato sia importante dare segnali positivi e di speranza. Certo non ci aspettiamo miracoli ma la situazione è così grave da suggerire anche questo tentativo. A rischio ci sono davvero moltissime imprese, con le ricadute pesanti che ne possono derivare anche sul piano occupazionale. La crisi del nostro settore è stata riconosciuta anche dall’Agenzia delle Entrate con un correttivo nello Studio di settore Tessile, Abbigliamento e Calzature”. Una situazione alla quale i commercianti cremonesi non si vogliono arrendere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti