12 Commenti

Preso 'Lo Zio', boss della droga Oltre un chilo di coca del valore di 65mila euro in uno scantinato in città

preso-lo-zio

Sopra, il 57enne arrestato e il maresciallo Ferro, il capitano Truda e il luogotenente Foglia in conferenza stampa (foto Francesco Sessa)

Lo chiamano ‘lo zio’. E’ il boss della mala albanese della droga nella zona. Hysa Bardhi, 57enne, pluripregiudicato, è stato arrestato dai carabinieri di Cremona in un’operazione giudicata dal capitano Rocco Truda, comandante della Compagnia, “un duro colpo al mercato della droga sul territorio”.

Tutto è nato dalle operazioni che hanno riguardato i parchi cittadini. Sabato scorso un uomo si è avvicinato al maresciallo Eugenio Ferro, alla guida del Radiomobile, che era impegnato nei controlli, segnalandogli che in un condominio in via Vitali c’era una persona sospetta che ripetutamente entrava nel palazzo a una certa ora, si chiudeva in cantina e poi, dopo un po’, se ne andava. I militari dell’Arma hanno fatto partire le indagini che hanno portato all’operazione di mercoledì sera. I carabinieri hanno bloccato Hysa Bardhi all’uscita della cantina del palazzo dove abita la madre. L’uomo non ha reagito, né ha tentato la fuga, ma si è complimentato con i militari: “Bravi, alla fine siete riusciti a prendermi”. Il 57enne ha poi indicato il posto in cantina dove teneva la droga. In una cassetta del pesce 1 chilogrammo e 2 etti di cocaina purissima ancora da tagliare. Il valore sul mercato all’ingrosso è di 65mila euro. La droga era destinata al mercato cremonese. A gennaio del 2010 i carabinieri di Cremona avevano già arrestato il nipote di Bardhi a Monterotondo, torvato con 1 chilo di marijuana e una pistola.

Il comandante provinciale Cozzolino

Alla conferenza stampa hanno preso parte il capitano Rocco Truda, il maresciallo Ferro e il luogotenente Angelo Foglia, a capo del Norm (Nucleo operativo e radiomobile). “Un’operazione a costo zero – ha commentato Truda – Senza intercettazioni e mezzi tecnici, vecchia maniera. Per dare sicurezza tangibile al territorio e un segno della presenza delle istituzioni sulla città”. “Mi complimento con i miei – ha dichiarato il tenente colonnello Michele Arcangelo Cozzolino, comandante provinciale – per questo risultato al di sopra delle aspettative. Non era facile incastrare Bardhi, ma, grazie a fiuto, intuito e conoscenza del territorio e delle persone ci siamo riusciti”.
E’ l’ennesima operazione dell’Arma sul territorio riguardante la droga. Tra il cremasco e il cremonese sono stati sequestrati nell’ultimo periodo notevolissime quantità di stupefacenti. Superati i 5/6 chili. L’attività nei parchi proseguirà anche nei prossimi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MARIO

    LA GENTE E’ SEMPRE VICINA ALLA BENEMERITA E SO CHE SEGUE CON INTERESSE LE NOTIZIE RASSICURANTI.
    GRAZIE

  • grazie ai carabinieri!!per quanto riguarda sto tipo,mandiamolo in albania dove x spaccio di droga ti danno l ergastolo e non esci piu!qui si fa al max 5 anni e poi lo si rivede in giro!

    • mari

      Hai presente le regole del mercato? L’offerta risponde alla domanda. Magari farsi delle domande di quanti nostri concittadini, nati e cresciuti a Cremona, insospettabili, con un lavoro, magari famiglia, magari quei bravi ragazzi che ogni sera incontri al bar…. Consumano cocaina. Magari eh. A me non sembra troppo difficile.

      • kunta

        Mi sa tanto che Tu ti sia fumata il cervello, oltre a piste di coca…Il tuo ragionamento è assurdo. perchè dovremmo farci domande del genere come qulle che poni? è chiaro che se c’è qualcuno che spaccia significa che c’è qualcun altro che acquista. e con ciò? cos’hai scoperto di così geniale?

        O forse volevi insinuare che i bravi ragazzi sono tutti drogati?

        O forse, più semplicemente, l’arrestato è tuo amante?

        • italiana

          Perché questo bisogno di offendere? Guardi che invece lo spunto era interessante… Quello che si intende è che, da sempre, per ogni brutto ceffo arrestato ne spunta un altro, semplicemente perché è il mercato che lo chiede.

        • mari

          “Caro” Kunta, evidentemente proprio non hai capito. Evita, tra l’altro, il sarcasmo sul mio presunto consumo di cocaina, non c’è offesa peggiore per quanto mi riguarda.
          Continuiamo a dare solo colpa agli spacciatori, comunque, e teniamo gli occhi sempre chiusi di fronte a chi pippa, che tanto lo fa solo una volta ogni tanto, che tanto cosa vuoi che sia, che tanto non c’è niente di male… vero?
          Buona vita.

      • sandro

        ma cosa vai dicendo? ma che centra tutto cio?

        una volta tanto sono daccordo con Mr Kunta, ottima la battuta. vedi che quando vuoi sai essere simpatico?

      • V

        E allora? Il fatto che ci sia gente che si droga non esula dal fatto che chi spaccia debba essere arrestato! Meno spacciatori ci sono in giro, più difficoltà si ha a trovare la droga. Nemmeno questo ragionamento sembra troppo difficile.

  • sandra

    Grazie forze dell ‘ ordine. Spero che il vostro sforzo non sia vano. Ma temo che questo brutto ceffo entro qualche settimana lo ritroveremo in strada a farsi indisturbato i suoi loschi affari. Per reati come questi servirebbe meno garantismo insieme a pene efficaci. A costui il carcere non serve. Gli servirebbe una lezione esemplare . Ma poi i paladini del diritto additerebbero chi la pensa come criminale….

  • bè,se si segue il discorso di mari,allora spacciamo tutti!!visto che cè domanda da parte dei cremonesi!perchè farsi il culo x 8 ore,magari feste comprese,per 1200euro?spacciamo..tanto c è domanda!
    cosi almeno ci saranno meno disoccupati,piu ricchi e piu cocainomani!ti metterei al posto di monti sai?

  • paolo

    Anche a me lo spunto sembra interessante : effettivamente gli spacciatori ci sono perchè esiste il consumatore … argina il disagio che porta al consumo ed hai arginato il problema di chi fornisce. Mi stupisce che in un periodo di “crisi” ci sia della gente che ha soldi da buttare in questo modo.

  • ormai sembra il dilemma se è nato prima l uovo o la gallina!