5 Commenti

I saldi del Comune: in vendita quote di Centropadane, palazzo Grasselli e gli impianti sportivi al Po

alienazioni-comune-di-cremona

Perri e Nolli in Consiglio comunale

Dagli allegati al bilancio continuano ad arrivare sorprese. L’ultima è la scheda sulle alienazioni. Il Comune vende tutto quello che può secondo il piano di dismissioni dell’assessore Roberto Nolli. Persino le sue quote nella società autostrade Centropadane, ovviamente confidando nel momento di grande attenzione dei privati sulla società (andrà a gara entro luglio la concessione). La mossa suscita perplessità e sorprese, anche perché il Comune è stato fin dal 1962 soggetto promotore dell’autostrada e tuttora il presidente (Augusto Galli) è una sua espressione. Inoltre la Società Autostrade è stata finora il braccio operativo (e finanziario) di alcune importanti opere pubbliche.  “Alienazione della quota di partecipazione del Comune di Cremona nella AUTOSTRADE CENTROPADANE SPA pari al 5,91% del capitale sociale corrispondente a Euro 1.773.400,00. Il valore espresso con riferimento al patrimonio netto come da bilancio 2010 ammonta a 4.702.603,00″, si legge nel rivisto Piano delle alienazioni per il 2012″.

Ma i beni che il Comune intende vendere sono parecchi altri.

MAGAZZINO ECONOMALE DI VIALE TRENTO E TRIESTE 25: superficie lorda vendibile 544 metri, un tempo bagni pubblici. Il piano regolatore prevede terziario-commerciale o residenziale (valore stimato 750mila euro)

PALAZZO GRASSELLI di via 20 settembre: superficie lorda vendibile 3400 metri quadrati. Pervenuto al Comune attraverso eredità, 5milioni di euro è la sua stima

N. 6 AUTORIMESSE DEL CONDOMINIO BOX DE STAURIS: 120 mila euro

EDIFICIO DI VIA AGAZZINA 6, superficie lorda vendibile 100 mq. E’ l’ex casa del custode delle acque. Valore 100mila euro

EX SCUOLA EDILE DI VIA BERGAMO 280, superficie lorda vendibile 760 metri quadrati, valore 800mila euro

PORZIONE CASCINA CROCILE, via Boschetto 7: valore 100mila euro

FARMACIA DI PIAZZA DELLA SORGENTE 7 (farmacia comunale n.8): superficie vendibile 70 metri quadrati, valore 120mila euro

NEGOZIO DI PIAZZA DELLA SORGENTE 6 (mq 65), valore 70mila euro

FARMACIA VIA GHINAGLIA 67: superficie lorda vendibile 153, valore 250mila

FARMACIA DI PIAZZA CADORNA 7, ex palazzina uffici della ceramica Frazzi: superficie 235, valore 470mila

In vendita anche numerose aree: area di via Rosario (superficie 3159, valore 473.850 euro), area di via Corazzi (1000 metri quadrati ceduti dalla ditta Corazzi nell’accordo quadro), area di via Eridano (terreno residuo intervento La Patrimoniale, valore 55mila), area di sedime stradale in via Sesto (valore 10mila euro).

Cessioni terreni in diritti di superficie: via Postumia, avute per perequazione nell’intervento Città dello sport (6.880 metri quadrati, valore 261.440 euro); Centro Sportivo al Po ( Cessione di n° 4 campi da tennis, relativi spogliatoi, campo di calcetto, pista ex skate a soggetto interessato e idoneamente individuato alla riqualificazione del comparto, tramite procedura negoziata) valore 715mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • SI COMINCIA DAI CENTESIMI

    E’ una piccolezza, ma mostra più che la faccia, la testa delle persone. Certe persone, quelle che decidono.
    Sono uno dei pochissimi cittadini ad assistere ai consigli comunali e provinciali. In sala, a disposizione anche del pubblico, c’è un distributore d’acqua. Salini, che è cattivo, lo lascia. Nel Salone dei Quadri, in Comune, è stato tolto, al pubblico; per i consiglieri è rimasto, in una stanza dove possono entrare solo loro e gli impiegati. Acqua, non champagne. D’estate, noi spettatori ne berremo venti bicchieri: costo due euro, moltiplicato le 12 sedute dell’anno, 24 euro. Ho chiesto, la conferma: tolto per risparmiare. L’acqua. Da altre parti è questione di cortesia.

    Cremona 19 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • kunta

    giusto risparmiare…

    …ormai è un fatto consolidato che gli ausiliari al traffico che girano per il centro ‘risparmiano’ tutte le auto il cui proprietario è loro conoscente/amico: vuoi il barista, vuoi il negozio di borsette, vuoi la bottega, ecc.

    …Se invece l’auto è forestiera o comunque di uno sconosciuto, ci girano attorno per essere certi che sia ‘veramente’ sconosciuta e…zac! foglietto rosa appiccicato al parabrezza!

    Non è corretto.

    • W LA LIBERTA’

      confermo!!!

      • Conte Mascetti

        ..ma oltre il ‘risparmio’ c’è la ‘crescita’: se il barista non ha tempo, eccoli pronti a mettere loro il ‘biglietto’ sotto il tergicristallo della macchina ‘amica’.

        (è talmente pratica consolidata che non hanno nemmeno il pudore di non farsi vedere)

  • Sanavra

    Se non ricordo male il lascito Grasselli e’ vincolato per opere di beneficenza e/o comunque a favore dei poveri. Ergo, se il palazzo venisse venduto, il ricavato dovrebbe andare in questa direzione. Vedremo se almeno questa regola semplice e meritoria verra’ rispettata o se saranno capaci di infiaschiarsene bellamente.