8 Commenti

Sconcerto e rabbia per gli alimenti da buttare, il commissario Cri: "Rimedieremo"

croce-rossa-materiale-sequestro

Numerosi i commenti arrivati alla redazione di Cremonaoggi alla notizia, pubblicata il 7 luglio, degli alimenti sequestrati dai carabinieri del Nas in un garage della Croce Rossa. Cibo destinato ai poveri ma reso inutilizzabile perché lasciato a deteriorarsi al caldo invece di essere conservato in celle frigorifere. Formaggio, latte, biscotti e pasta, tutto cibo destinato alle collette alimentari, andato in malora. Molte le note di amarezza e di incredulità, ma anche di rabbia e di sconcerto per quanto accaduto, tanto che qualcuno ha già proposto le dimissioni dei vertici della Croce Rossa.

I cibi erano stoccati nel garage da oltre due settimane. Lo ha confermato il commissario regionale della Cri Maurizio Gussoni, che ha definito l’accaduto una “spiacevole dimenticanza”, precisando che i responsabili della Croce Rossa si erano già accorti del “contrattempo” e che si era deciso di smaltire tutte le derrate. Gussoni ha anche garantito che “non mancherà il cibo a nessuno dei bisognosi a cui erano destinati i prodotti”.

Su quanto successo è intervenuto anche Roberto Borsella, della colletta alimentare, che nei commenti rilasciati a Cremonaoggi ha precisato che “la colletta alimentare non ha alcuna responsabilità”, aggiungendo che “delle 70 tonnellate di cibo raccolto a Cremona l’ultima settimana di novembre non si trova più traccia già dalla fine di febbraio. L’85 per cento va alle cucine benefiche, alla Caritas ed alla San Vincenzo De Paoli, e sfido chiunque a dire che non ne fanno buon uso, così come il restante 15% alle altre associazioni bisognose”. Per Borsella, “è giusta la condanna, ma ancora più importante è valorizzare chi invece opera per il bene comune”. “A Cremona”, infatti, come ricordato da un altro lettore, “ci sono tante associazioni di volontariato che aiutano famiglie in difficoltà con amore e serietà”.

“Ho letto di quanto accaduto e non posso commentare più di tanto”, ha detto don Antonio Pezzetti, responsabile della Caritas. “Certo, però, dispiace sempre quando succedono queste cose, anche perché ci vanno di mezzo i bisognosi”. “Qui da noi”, ha spiegato don Antonio, “è la San Vincenzo che si occupa della distribuzione dei prodotti che arrivano dal banco alimentare. Una volta al mese arriva il carico e noi tutte le settimane, di solito il venerdì, distribuiamo i prodotti alle famiglie. E’ sicuramente un’attività a tutti gli effetti in quanto comporta un grande impegno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marco

    Se trattano gli ammalati come i generi alimentari siamo a posto!

    • Gnappo

      Fortunatamente, il personale di CRI, almeno per la stragrande maggioranza, è gente preparata e seria….

      Che poi abbiano, nel tempo, avuto vertici dalla condotta discutibile, non è certo colpa loro…..

      • Marco

        Il personale dipendente, sicuramente. I volontari svolgendo il lavoro per hobby o poche ore al mese, molto meno.

  • S

    Carissimo Marco, ognuno qui può dire quello che ne ha voglia ma credimi che quello che tu hai scritto “I volontari svolgendo il lavoro per hobby o poche ore al mese, molto meno.” è una grande offesa a tutta la componente dei Volontari del Soccorso oltre che una notevole dimostrazione di ignoranza da parte tua. Hai idea di quante ore di corso di formazione ed esami finali e tirocinii bisogna fare prima di salire in ambulanza e quanto bisogna fare per mantenere il proprio addestramento aggiornato alle linee guida? Scommetto che tu sul luogo di un incidente sei quello che tira dritto o scende e fa solo dei danni. Inizia a farti un corso di primo soccorso e tutti i successivi e poi vedrai se i volontari non sono gente preparata e seria. Certa ingratitudine è vergognosa.

    • Marco

      Io ho fatto otto anni ai massimi livelli nella croce rossa e tu mi stai raccontando un sogno che non corrisponde alla verità. Io ti parlo di volontari della croce rossa che seguivano gli ammalati terminali(terapia del dolore) che seguivano i cardiopatici che facevano il pronto soccorso. Non avevano divise ma solo un camice bianco che si compravano er ero un consigliere di Massimo Barra. informati chi è il dott. Massimo Barra.

  • Pasquino

    SEMPLICEMENTE INUAUDITO !!!!E ancor di più la …” promessa” del Commissario .. “RIMEDIEREMO” !!!!!!!!!!!!!!!

  • elia

    I volontARI DEDICANO IL LORO TEMPO PER IL BENE COMUNE MA I DIRIGENTI PURTROPPO NON SONO ALL’ALTEZZA IN QUANTO SCELTI CON IL SOLITO SISTEMA CLIENTELARE / PARTITICO L’iTALIA STA ANDANDO DA CULO ANCHE A CAUSA DOI QUESTI INCOMPETENTI.

  • Mauri

    oggi e’ il giorno 21 ma non ho ancora letto come ha rimediato la Croce Rossa !! Ghe de speta amo’ en pesss ??????