Commenta

Mondomusica a New York, a otto mesi dall'apertura occupato 50% dello spazio espositivo

mondomusica-new-york

Mondomusica New York, i primi numeri. A otto mesi dall’apertura, più del 50% dello spazio espositivo è già stato occupato. Sono già rappresentati 12 Paesi (Italia, Germania, Francia, Spagna, Croazia, Montenegro, Belgio, Slovenia, Giappone e Hong Kong), e dagli Stati Uniti si sono iscritti espositori da 11 Stati (Arizona, New Jersey, Virginia, Maryland, Washington DC, New York, California, Michigan, Florida, Vermont e New England).
Importanti anche le collettive di espositori che stanno per arrivare: un’Area Cremona con i migliori maestri della capitale mondiale della liuteria e UbiFrance che si sta muovendo per portare a New York una folta rappresentanza della liuteria d’Oltralpe. Sulla sponda americana, invece, CremonaFiere sta concludendo accordi per le partecipazioni collettive di maestri liutai che fanno capo alle due più prestigiose associazioni del settore negli USA: la Violin Society of America (VSA), e la American Federation of Violin and Bow Makers (AFVBM).
Il 18 luglio si riunirà a New York l’Adivisory Board della Manifestazione, composto da alcune tra le figure più qualificate del settore a livello mondiale: Christopher Germain, presidente eletto della VSA, Helen Hayes, già presidente della VSA, Jerry Pasewicz, presidente della AFVBM, Christopher Reuning, uno dei massimi esperti del settore, già curatore della mostra dedicata a Carlo Bergonzi allestita a Cremona nel 2010, Eric Grossman, curatore della collezione di strumenti ad arco della Juilliard School, Joseph Regh, liutaio e grande esperto del settore, Emanuele Beschi, professore di viola presso il Conservatorio “Verdi” di Milano e consigliere per l’Alta Formazione al Ministero dell’Istruzione. La settimana prossima sarà quindi anche l’occasione per il direttore di CremonaFiere Massimo Bianchedi e il suo staff di concludere gli accordi per le partecipazioni collettive americane e per fare il punto della situazione su una Manifestazione che punta a diventare il punto di riferimento della liuteria negli Stati Uniti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti