43 Commenti

Estrema destra-sinistra, sale la tensione Venerdì sera al CSA Dordoni misteriosa incursione con auto stracolme

sfiorata-rissa-dordoni

Sale la tensione politica in città nelle ali estreme. Gli uomini della Digos sono già in allerta. Venerdì notte si è rischiato lo scontro fisico al Centro Sociale Dordoni. Davanti alla sede del CSA di via Mantova, era in corso una festa, quando si sono avvicinate due auto cariche di giovani: sguardi minacciosi, forse anche qualche parola. Poi di fronte alla reazione dei numerosi presenti, le due auto se ne sono andate via sgommando. Alcuni vicini hanno notato la scena e già avevano chiamato la polizia che dopo pochi minuti era in zona. Il Centro ASociale Dordoni ha emesso un duro comunicato: “Nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 luglio, due auto con a bordo otto fascisti armati, hanno tentato di assaltare il CSA Gastone Dordoni. La vile aggressione è stata sventata grazie alla determinazione e alla prontezza dei compagni presenti al centro sociale che erano intenti a coordinare le attività politico/culturali dell’Estate Autogestita. Queste sono le pratiche adottate abitualmente dai fascisti. Conseguenza dell’agibilità che la giunta Perri ha sempre concesso a gruppi che esplicitamente si richiamano , nell’azione come nell’ideologia, al fascismo più bieco e razzista. Nessuna azione squadrista fermerà le nostre lotte”. Solidarietà al Dordoni da Francesco Ricci del Partito di Alternativa Comunista: “Cari compagni del CSA Dordoni, ricevete la solidarietà militante del Pdac. Come sempre saremo in prima fila con tutti i compagni delle diverse realtà cremonesi per difendere le sedi e le organizzazioni della sinistra dalla canaglia fascista e per ributtarla nelle sue fogne”.

Due giorni fa c’era stato un altro segnale inquietante. Sotto casa di un aderente a Casa Pound, movimento di estrema destra, è apparsa la scritta “Fasci appesi” mentre i deflettori dell’auto di un aderente allo stesso movimento sono andati in frantumi. La Digos sta indagando anche su questo episodio. Probabilmente i due fatti sono da mettere in relazione, anche perchè avvenuti a 48 ore di distanza l’uno dall’altro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Anonimo Apolitico Apartitico

    Adesso si mettono a giocare alla rievocazione degli anni di piombo…

    Da una parte e dall’altra, se avessero qualcosa da fare, non perderebbero tempo in cose simili….

    Un altro effetto negativo della disoccupazione giovanile….

    ….e se i loro genitori non fossero impegnati a lavorare per mantenerli, qualche sonoro calcio gli insegnerebbe i valori da perseguire anziché giocare ai “piccoli gangster”…..

  • Zampirone

    Per Anonimo Apoplettico Apatico: primo, se parli così tu gli anni di piombo neanche sai che cosa sono. Al massimo avrai vissuto gli “ani” di piombo. Quindi prima informati.
    Secondo: se parli così tu la disoccupazione manco sai cos’è. Anzi, spero tu non sia uno di quelli che si sono fatti piazzare in P.A. da qualche amigo catholic o in qualche azienda dal papi.
    E terzo: prima i comunisti dei Centri urlano «polizia fascista», «polizia merda» e «Digos boia», poi appena se la fanno addosso chiamano subito il 113… non ti fa ridere? A me tantissimo… per non piagne, beninteso.

  • Zampirone

    “la vile aggressione è stata sventata grazie alla determinazione e alla prontezza dei compagni presenti al centro sociale”: fanno veramente ridere i polli, sembra che siano andati a scuola di gigantismo dalla Provincia. Vorrei sapere quale aggressione è stata sventata… dato che NON C’E’ STATA ALCUNA AGGRESSIONE.
    “queste sono le pratiche abitualmente usate dai fascisti”. Bene. E i sei vetri rotti in via Castelforte nella notte tra giovedì e venerdì assieme alla scritta sul muro “Fasci appesi”, quello è l’amore con cui i comunisti risolvono le cose????? Cari autogestiti del Dordoni, non sono un militante o un estremista, né di destra né di sinistra, ma vi dico che non avete neanche le palle di metterci un po’ di coerenza in quello che dite… E COMINICIATE AD APRIRLI I LIBRI, INVECE DI TENERLI IN MANO PER STRADA…

    • soccorso_rosso

      Stai zitto. Quella ora è una vicenda tra privati. Tra una ex famiglia. L’assicurazione non pagherà mai i danni per una messinscena strampalata e maldestra.

      • Zampirone

        Stai zitto tu per favore, abbi almeno quel buon gusto: quello di stare zitto….

  • CPI Cremona

    Attenzione, redazione di Cremona oggi: accusare una determinata associazione e “mettere in relazione” i fatti, con spirito di giustizia giornalistico, puó essere oggetto di querela. 

    • Giovanni Baldesio

      Penso che tu ti stia accusando da solo. Rileggiti l’articolo.

      • Zampirone

        Tu allora rileggiti la fine: “Probabilmente i due fatti sono da mettere in relazione, anche perchè avvenuti a 48 ore di distanza l’uno dall’altro”, mi sembra chiaro no? Quindi casomai rileggitelo tu. Poi, per carità, c’è il “probabilmente” ipotetico che smorza i toni, ma la connessione non puoi dirmi che non è stata fatta. E sulla base di quali dichiarazioni? Mobile? Digos? Carabinieri? Informatori vari? A parte che non si capisce se la connessione sussiste perché sono passate 48 ore (come l’influenza) e se ne fossero passate solamente 47 non si sarebbe potuta suppore, oppure se intendeva che erano semplicemente ravvicinati…

        • Giovanni Baldesio

          certo che gli estremisti di sinistra e di destra devono essere sempre “contro”.
          il giornalista fa il suo lavoro. magari male, ma lo fa.
          voi non eravate mica quelli che “difendiamo il lavoro, gli italiani, ecc..”????? evidentemente solo quando rientra nei vostri interessi.
          e, poi, non essere ridicolo: il giochino delle 48 o 47 ore è da ragazzina viziata schizofrenica. cerca almeno dei modi migliori di interagire telematicamente con gli altri.

          • Zampirone

            Caro Giova: schizofrenico (dal greco, che probabilmente tu, giornalista o no, non sai: “divido” e “cervello”) significa più o meno il fatto di non saper vedere il mondo come un organismo di parti interagenti bensì come un insieme diviso di parti separate. Significa non saper cogliere i termini delle coppie (bianco e nero, ordine e disordine, caldo e freddo, luce e buio, razionale e irrazionale) come termini interagenti tra loro, bensì come termini statici e non interconnessi. Ora ti chiedo, che razzo c’entra dunque con la battutta delle 48 o 47 ore? Magnate er dizionario e trovali tu dei modi migliori di interagire telematicamente… prima lo farai prima eviterai altre figuracce… Casomai il termine che volevi usare tu poteva essere “isterico”, ma “schizofrenico” in quel contesto non significa un cazzo…

      • CPI Cremona

        Ma secondo te, se fossimo stati noi, me ne uscirei con una frase del genere?
        A volte mi chiedo se la gente colleghi il cervello o si lasci trasportare dall’associazione di parole: fascista=colpevole a prescindere.

  • samantha

    solidarietà ai compagni!
    hanno deciso di far ritirata perchè non hanno trovato solo un povero cristo a cui dare delle botte?
    di solito questa feccia si diverte a scontri 10 contro uno.
    i fascisti si sono sempre mossi in gruppo, vigliacchi sono e vigliacchi resteranno.

  • Giovanni Baldesio

    Qualche considerazione sull’articolo giacche’ di fatti ne vedo pochi. Ci sono dei Fattoni, notoriamente dentro il Centro ASociale (se e’ volontario e non un refuso e’ da sbellicarsi!), ma quelli li avranno di certo fatti sloggiare prima dell’arrivo della Madama, insieme a buste e bustine che non sono del LIDL.
    Se per dei ceffi in auto che parlano e sgommano si chiamano le forze dell’ordine comincia a chiarirsi il perche’ le forze sono sempre occupatissime e devono contingentare il presidio della citta’.
    Interessante anche il possibile rapporto tra i frequentatori del C. AS. (centro asociale) e i poliziotti con tutte le menate ACAB, ecc. ecc. GoTTi e roba varia.
    Interessante poi conoscere se l’autorita’ costituita ha voluto fare un sopralluogo anche DENTRO il C. AS.. Avrebbe dovut farlo.
    Ridicolo, poi, l’accenno ai vicini del C.AS. che notoriamente sono papponi, puttane e scioperati, avezzi al casino e che non avranno gradito la riduzione dei compeensi della nottata.
    Interessante sapere se l’ìintitolazione del C.AS. a Gastone Dordoni ha seguito l’iter LEGALE per le intitolazioni, tanto piu’ che oltre a imboscate per ammazzar persone il Gastone non so cosa ha fatto.
    Infine una nota sulla spirale di violenza, per adesso solo parlata, che sta stringendo Cremona. Che Cremona, per storia, condizioni sociali e culturali sia un nodo nevralgico per il futuro della zona e’ chiaro da quando qui hanno mandato il dottor Guido Salvini: al momento si occupa di calcioscommesse e stronzate di tal fatta, ma lo si ricorda per le indagini su Prima Linea, i NAR e Ordine Nuovo. E’ Storia, molto recente anche se sembraVA tanto lontana che andrebbe conosciuta e lo dico per tutti, da una parte e dall’altra.
    Quando la politica fa il vuoto, come in questi tempi, e chi deve non si prende le sue responsabilita’ per codardia, si avverano i disastri.

    Un saluto, cameratesco, all’altro Giovanni Baldesio. siamo ancora in pochi ma sembra che stiamo crescendo. Che Iddio ce ne scampi.

    • Giovanni Baldesio

      Un altro Giovanni Baldesio. Certo che ci sono sempre più coglioni.

      • Giovanni Baldesio

        Un terzo Giovanni Baldesio infrange la legge che i coglioni sono sempre due…

  • Giancarlo Pizzinato

    Fantastico…cioè fatemi capire, qualcuno ha distrutto la macchina di un aderente di casapound, scritto sul muro “fasci appesi”, e l’ articolo enfatizza due macchine che sgommano al centro sociale, tra l’altro dando per scontato che fossero strapiene di fascisti con lo sguardo truce… Il mondo va proprio al contrario. Da parte mia esprimo solidarietà al povero cristo che deve ripararsi la macchina e ai condomini che devono ripulire la facciata.

    • Michele Scolari

      L’auto NON era di un militante di Casapound ma era dello stesso modello (Fiat Panda Oro), quindi non ci vuole Aristotele per inferire che forse volevano beccare il militante.
      Comunque, la suonata non cambia e il tuo ragionamento non fa un grinza. Torno a ripetere che secondo le mie fonti (piuttosto attendibili ed apolitiche) NON c’è stata alcuna aggressione venerdì sera nella zona di via Mantova. Il punto è proprio questo. Da un lato è certo che è stata infranta la legge (l’atto vandalico di via Castelforte) dall’altro, ammesso che le auto vi fossero, no.

  • MATEMATICA UMANA

    Pessimo episodio, naturalmente, se è vero, l’auto carica di dodici fascisti armati fino ai denti che volevano riprendere le storiche spedizioni punitive, stavolta contro gli angioletti del Dordoni, che si sono ribellati col solito proclama:
    “Conseguenza dell’agibilità che la Giunta Perri ha sempre concesso a gruppi che esplicitamente si richiamano, nell’azione come nell’ideologia, al fascismo più bieco e razzista etc etc.”
    Apprezzato il fatto che i compagni ammettano esista anche un “fascismo meno bieco e razzista”, se si tolgono le bandiere e si guardano solo le azioni, oggettivamente, quando un gruppo pretende di stabilire, con la forza, se un altro abbia il diritto di esistere e manifestare, un’auto carica di dodici nemici armati è prima o poi l’inevitabile conseguenza…..

    Cremona 15 07 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • Chiara Vailati

      Caro maestrone,
      non confondiamo la merda col cioccolato.
      Evidentemente non tutti ancora sanno che L’APOLOGIA DI FASCISMO E’ REATO.

      L’apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente “Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione”), anche detta Legge Scelba, che all’art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque «faccia propaganda per la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista», oppure da chiunque «pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche». E’ vietato perciò la ricostruzione del PNF e del Partito dei Nazionalsocialisti (ovvero quello Nazista). Ogni tipo di apologia è denunciabile con un arresto dai 18 mesi a 4 anni
      La “riorganizzazione del disciolto partito fascista”, già oggetto della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione della Repubblica Italiana, si intende riconosciuta (ai sensi dell’art. 1 della citata legge) «quando un’associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista, ovvero rivolge la sua attività alla esaltazione di esponenti, principi, fatti e metodi propri del predetto partito o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista».
      La legge prevede sanzioni detentive per i colpevoli del reato di apologia, più severe se il fatto riguarda idee o metodi razzisti o se è commesso con il mezzo della stampa[1]. La pena detentiva è accompagnata dalla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici.

      • Giovanni Baldesio

        Il maestrone, a cui e’ indirizzata la piccata risposta della matricolina di Legge, per consuetudine non ribatte alle considerazioni in calce ai suoi messaggi, tolte alcuni eccezioni tese a confermare una “regola”.
        Il commento contiene, peraltro, affermazioni piuttosto interessanti e imbarazzanti e non intendo negarmi questa opportunita’.

        Posta la regola, ferrea, di riportare tra virgolette lo scritto del poster vado a iniziare con l’accortezza di avere nella mano sinistra La costituzione della Repubblica Italiana nell’edizione a cura della Provincia di Cremona ed edita a cremona nel 1988. La Prefazione e dell’oggi Presidente Emerito Francesco Cossiga.

        “Evidentemente non tutti ancora sanno che L’APOLOGIA DI FASCISMO E’ REATO.”
        Mi e’ facile ricordando il thread in cui siamo che: Evidentemente non tutti ancora sanno che imbrattare i muri delle altrui proprieta’ e’ un reato. E anche l’intimidazione e’ un reato.
        Una scorsa veloce alla storia recente di questa citta’ invece conferma che tutti sanno che l’occupazione abusiva di stabili, Ex edificio Ciechi Margherita o ex Centrale del Latte e’ un reato. E’ invece solo una cosa assurda, per la mera razionalita’ che una parte della Collettivita’, il comune, tratti con i REI per la cessione di uno stabile, il Palazzo Duemiglia che viene tolto dopo poco per pessima gestione a fronte di un contratto per un altro spazio, invero migliore.
        Conclusione: se vogliamo parlare di reati usurpando le funzioni di Polizia Giudiziaria e Magistratura lo dovremmo fare con i certificati in mano, sperando che siano, ad esempio, migliori dell’ex assessore Corlazzoli, che era pure IMMACOLATO.

        “L’apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente “Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione”), anche detta Legge Scelba, che all’art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque «faccia propaganda per la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista», oppure da chiunque «pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche». ”

        La legge Scelba e anche la Mancino, successiva, si conosce, non si conoscono i motivi perche’ venga invocata da parte vicina all’Area Antagonista. E’ quantomeno curioso.
        Resta la “… XII disposizione transitoria e finale …della Costituzione” che nella mia copia viene riportata come “DISPOSIZIONI TRANSITORIE FINALI” mancante una “e” piuttosto interessante e comunque mancante, in entrambi le versioni, una “o” indispensabile. quanto e’ TRANSITORIA quella norma? L’idea e sia chiaro non e’ esegesi del pensiero dei Costituenti, e’ che quella norma pone il confine tra una quasi-democrazia 8nel senso che non si ha fiducia cieca in un popolo poco educato) e la democrazia dove legittimamente il popolo unanime potrebbe anche desiderare un ritorno a cio’ che la disposizione vieta.
        Va anche notato che nei vari messaggi presenti sul sito web che ci ospita nessuno, ne’ il maestrone, ne’ il sottoscritto e neppure altre sigle che talvolta compaiono hanno mai tentato di ricostituire IL partito fascista (uno? e’ da ignoranti pensare ad UN fascismo, ce ne sono almeno quattro: SanSepolcro, dopo MarciaSuRoma, SecondoFascismo e Fascismo Repubblicano. Taccio dei Mistici che han fondato un Fascismo che non ha avuto la prova di governo ma la prova della devozione suprema si!) e invece debbo notare che quando si parla di esaltazione, bisogna porre molta attenzione e un po’ di vergogna per tacere dell'”antidemocratico” che per alcuni neanche l’attuale Presidente del consiglio e’ scelta democratica.

        “Ogni tipo di apologia è denunciabile con un arresto dai 18 mesi a 4 anni”
        Signor.ina/Dott.essa C.V. C’e’ gente nella storia, un po’ dimentica ma sempre storia e’, di questo paese che si e’ fatta ben piu’ di qualche mese di carcere solo per militanza in gruppi, tipo Terza Posizione e via discorrendo nelel retate dopo stragi che esigevano colpevoli per poi dopo tanti anni non sono mai stati trovati. Qaundo si vuole carcerare, epurare, screditare qualcuno, qualcosa, non sono gli articoli di legge quelli determianti.

        Per brevita’ riporto tra virgolette solo: “…«quando un’associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista,…”
        si spega perche’ nella cosiddetta Area del NeoFascismo ci siano state/ci siano millemila sigle litigiosimme e tutte con rigorosamente 4 camerati. con il quinto diventa Banda Armata. Quello che invece non fa sorridere e’ il perche’ sia legittimo organizzare centinaia di compagni, quindi vestiti di rosso per ottenere gli stessi fini antidemocratici che si condannano e che NON sono PROPRIE del Partito Fascista; adesso, non allora, prima del ’48, sappiamo che E’ COSI’!
        I Valori della Resistenza, tolto l’oro di Dongo, Casse dei Reparti combattenti della RSI, sparite e improvvisi arricchimenti monetari e in termini di prestigio politico dovono ancora essere dichiarati: si ammazzava, si sbagliava, si tramava contro lo stato legittimo e altre nefandezze, tipo omicidi (degli stessi compagni, sia chiaro!) devono essere ancora ben compresi e assimilati.
        Per le liberta’ della Costituzione:
        ARTICOLO 15
        La liberta’ e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.
        La loro limitazione puo’ avvenire soltanto per atto motivato dell’autorita’ giudiziaria con le garanzie stabilite dalal legge.

        Taccio per carita’ di Patria circa l’Art. 34, sulla confusione tra TUTTI e i Cittadini con diritti/doveri diversi, tra Religione Cattolica e altre confessioni (due articoli distinti!), le pari opportunita’ uomo/donna e non gia’ per le quote rosa ma per la donna islamica nel nostro ordinamento e l’obbligo ANCHE MORALE della DIFESA della PATRIA. E la Patria e’ ridotta cosi’, tanto che oggi c’e’ domani non si sa.

        Camerateschi Saluti.
        (Si informi, anche l’innominabile Migliore, apprezzava, Dio me ne scampi, molti dei rimasugli dei 30 milioni di Fascisti)

      • Zampirone

        … premesso che il ragionamento non fa una grinza, andrebbe aggiunto che anche danneggiare o distruggere la proprietà altrui è un reato (e nella “proprietà altrui” intendo anche i cristalli dell’auto o i muri dei condomini) è un reato che in Italia è punito dal codice penale…

      • Zampirone

        Premesso che non sono né un fascista né un nostalgico (se proprio interessa sono un liberale seguace di quel pensiero che parte dalla destra storica e, attraverso Gobetti, Einaudi, De Ruggero e altri, ai giorni nostri s’è un po’ perso – per non dire scomparso del tutto), faccio gentilmente notare una cosa. La legge 20 giugno 1952 è chiarissima a riguardo, non si discute: . MA.
        Ma la legge chi l’ha infranta nel caso specifico? Gli sconosciuti autori del raid al Dordoni (nel quale non mi risultano né feriti, né aggrediti, né morti, ecc ecc)?
        Oppure gli “sconosciuti” autori dello scempio di via Castelforte (neanche tanto furbi, direi, perché quella scritta sul muro li identifica senza tanti “se” e “ma”)?
        Visto che parliamo di “legge” torno a ripetere: nel caso specifico, chi l’ha infranta???
        Poi, possiamo sollazzarci quanto vogliamo gettandoci in dotte discussioni di storia e di politica, ma riguardo all’episodio in sé, per ora la legge è stata infranta da una sola parte…

  • io mi domando:ma perchè a certi personaggi tutto è concesso anche fuori dalla legalità?perchè penso che dentro ai centri sociali,ci sia una legge speciale,e non quella che vige in italia.io manderei dentro i NAS,i vigili del fuoco,la finanza a vedere come sono messi..è ovvio che nulla è a norma..ma tantè,il comune “ragale”sti edifici e poi quel che ci fanno dentro son fatti loro…tanto paga pantalone!
    perchè io che mi faccio un culo al lavoro(x 1200euro al mese) e poi mi devo sbattere anche per pagare un affitto,pagare le bollette,le tasse,il mangiare ai centri sociali non gne ne frega nulla eh..tanto i figli di papà hanno tutto gratis!

    • Giovanni Baldesio

      Perche’ tutto e’ concesso?
      Perche altrimenti piantano un casino memorabile con i furgoni noleggiati, gli impiani audio da millemilaWatt e comportamenti da rivoluzionari milionari.
      Resta il fatto che hanno impegnato le forze dell’ordine che di solito screditano, le forze sono arrivate per rilevare il nulla mentre due passi c’erano le vere VIOLAZIONI al vivere civile.
      Bastava entrare a controllare: agibilita’, impianti a norma, alcolici, superalcolici, norme di sicurezza e antinfortunistiche e poi gli scontrini fiscali e il pagamento della SIAE.
      Invece niente.
      La cosa comiche e’ che se il Centro Asociale dovesse andare a fuoco per un cortocircuito per il non rispetto delle norme di sicurezza poi darebbero le colpa ai nazifascisti e invocherebbbero il nuovo incendio del Reichstag rivendicando il diritto (diritto?!) ad una sede nuova. Risoleverebbe tra l’altro il problema della pulizia.

      • DIPENDENTE COMUNE DI CREMONA

        Eccolo qua! sei tornato da marte? o dalle colonie padane? vedo che continui a lavorare come commentatore su cremonaoggi… bene! non lavorare troppo..

  • NICLA

    Tanto per chiarire una buona volta, la macchina distrutta in via Castelforte la notte tra il 12 e il 13 luglio non ERA ASSOLUTAMENTE di proprietà di un aderente a gruppi politici, ma di proprietà della sottoscritta, madre di due bambini che ha solo la colpa di abitare lì e di aver lasciato la macchina fuori e non in garage quella notte!! Sono stanca di continuare a leggere che la macchina distrutta è di questo signore militante di CasaPound.
    Provverderò a comunicare l’accaduto personalmente al Signor Galli per evitare ulteriori equivoci!!!
    Tanto chi se ne frega se mi dovrò pagare i danni della macchina distrutta e soprattutto chi se ne frega se a ME NON INTERESSA NULLA DI TUTTO CIò CHE GIRA INTORNO…GRUPPI DI DESTRA O SINISTRA?

    • Michele Scolari

      Personalmente signora, nel condividere la sua rabbia e la sua delusione, Le sottolineo che, come giornalista, ho sempre scritto che il modello era UGUALE a quello intestato ad un militante politico. Questo per il giornale sul quale scrivo io, gli altri poi non so… Grazie, cordialità

    • CPI Cremona

      Signora Nicla,
      le rispondo direttamente in questa discussione.
      So benissimo che la macchina non era di un nostro militante, ma la sua.
      Sono stato informato immediatamente dei fatti e non ho mai affermato che la vettura fosse “nostra”.
      La sfortuna che fosse identica, non cancella il fatto che chi ha commesso questa vigliacca azione volesse colpire direttamente la nostra associazione.
      Mi spiace che ci sia finito di mezzo un cittadino.
      Questi fatti NON dovrebbero mai accadere. Politica o meno.
      Mi auguro che i responsabili o i “mandanti” accomodino le cose,
      privatamente, per senso del dovere nei confronti di un libero cittadino.
      G. Galli

      • Bertoldo

        Egr. Sig. Galli lancio una provocazione (che non è poi troppo tale, in quanto questo foglio “virtuale” viene letto sia da una “fazione che dall’altra”).
        Perché, alla luce dei fatti avvenuti, e per dare il buon esempio ai militanti di entrambe le scuderie, non vi sedete attorno ad un tavolo voi, i vertici del Dordoni e quelli del Kavarna e non siglate una sorta di accordo per sobbarcarvi le spese di ripristino della macchina danneggiata?
        Di sicuro sarebbe un bel gesto nei confronti della signora e un’esempio per quei “pseudogangster” che hanno compiuto entrambe le ragazzate….

        • Zampirone

          Sig. Bertoldo, Le ri-lancio un’altra provocazione: perché invece non si fa pagare tutto a chi ha infranto la legge? Vede, il fatto è che c’è gente che vive alle spalle dell’esemplarità altrui continuando a fare quel che gli pare.
          Cioè, si suol dire: “non fare anche tu il bambino e dai il buon esempio”. Lo fai per tre volte, alla quarta basta.

  • Zampirone

    prima i comunisti dei Centri urlano «polizia fascista», «polizia merda» e «Digos boia», poi appena se la fanno addosso chiamano subito il 113… non vi fa ridere? A me tantissimo… pe’ nun piagne, beninteso.

  • ads

    E’ ORA DI AGIRE SE SI VOGLIONO OTTENERE CAMBIAMENTI !!!
    NON SI PARLA DI LOTTE POLITICHE , E NEMMENO DI SPEDIZIONI PUNITIVE…. LE AUTORITA SI INFORMINO ADEGUATAMENTE, RILASCIANDO COSI’ INDICAZIONI CORRETTE AI MEDIA !!!
    QUESTE SONO LITIGATE TRA ADOLESCENTI , SEMPLICEMENTE MASCHERATE DIETRO FALSI IDEALI…. SI PARLA DI RAGAZZI APPENA MAGGIORENNI ( CREMONA E’ PICCOLA E I NOMI SI SANNO ) CHE DOPO QUALCHE BEVUTA DI TROPPO E MAGARI L’AGGIUNTA DI FUMI NON DEL TUTTO LEGALI (CONSUMATI COME SEMPRE SENZA ALCUN TIPO DI CONTROLLO ALL’ INTERNO DEI CENTRI SOCIALI) IL TUTTO SI SFOCIA IN ATTI DI VIGLIACCHISMO PER L’INCAPACITA’ DI AFFRONTARE LUCIDAMENTE IL PESO NEL VEDER UN COSCRITTO RIUSCIRE IN PROGETTI POLITICI E LA COSTRUZIONE DI UNA VITA SANA…. IN POCHE PAROLE, “BRUCIO LA MACCHINA A QUELLO PERCHE SONO INVIDIOSO” (COSE GIA’ VISTE A CREMONA, IN ZONA NEC ENTE, CENTRO, ECC ECC…) DETTO QUESTO BISOGNA SAPER PRENDERSI ANCHE DELLE RESPONSABILITA’….

    -CHE IL COMUNE APRA UN INDAGINE NEI CONFRONTI DEL CSA, VERIFICANDO SE LO STABILE SIA A NORMA CHE VENGANO RISPETTATI TUTTI I PARAMETRI A NORMA DI LEGGE, RIGUARDO: USCITE DI SICUREZZA, IMPIANTI ELETTRICI, PULIZIA ED IGENE DEI SERVIZI, DEI BANCONI DOVE VIENE SERVITO DA BERE, CHE VENGANO DICHIARATE TUTTE LE BEVANDE SERVITE , QUINDI SCONTRINI FATTURE ECC ECC… CHE IL LOCALE DICHIARI ALLA SIAE LA AGIBILITA ENPALS NEI CONFRONTI DEGLI ARTISTI CHE SI ESIBISCONO AL LORO INTERNO, E CHE ALL’ INTERNO DELLO STESSO CSA NON SIANO PRESENTI DURANTE LA SERATA RAGAZZI MINORENNI CHE CONSUMINO ALCOLICI E SOPRATTUTTO ALTRO…. (QUESTO OVVIAMENTE ANCHE PER TUTELARE NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI LOCALI CHE IN CITTA’ PAGANO REGOLARMENTE TASSE ED HANNO OTTENUTO UNA REGOLARE LICENZA PER INTRATTENERE IL PUBBLICO)

    -CHE LE FORZE DELL’ ORDINE INDAGHINO SENZA TIMORE DI ESSERE CRITICATE (NE DALLA PRTE DESTRA NE QUELLA SINISTRA) POICHE’ COME RIPETO DI POLITICO QUI’ C’E BEN POCO, E CHE PRENDANO ATTO (SEMPRE CHE L’ACCADUTO SIA VERO) DEL PERCHE’ CI SI SIA RIVOLTI DIRETTAMENTE AL CSA DOPO GLI ATTI VANDALICI ACCADUTI NEL GIORNO PRECEDENTE…. (FORSE EVIDENTEMENTE SI ERA A CONOSCENZA DEI RESPONSABILI, IN QUESTO CASO CHI HA “SUBITO” IL DANNEGGIAMENTO DOVREBBE ESSERE OBBLIGATO A DENUNCIARE FACENDO NOMI E COGNOMI, IN CASO CONTRARIO VERREBBE GIUDICATO COME COMPLICE, POICHE’ SI RITIENE PIU EFFICACE COPRIRE LA PARTE DEL VANDALO STESSO)

    -DA PARTE DEI CITTADINI FORSE SAREBBE PIU OPPORTUNO MOLTE VOLTE SCENDERE IN PIAZZA E FAR SENTIRE LA PROPRIA VOCE…. IL PROBLEMA E’ CHE IN ITALIA SI CRITICA SEMPRE UN PO TROPPO E NON SI AGISCE MAI…. QUANDO LA LEGA RACCOGLIEVA LE FIRME PER LA CHIUSURA DEL CSA KAVARNA SONO STATE TROVATE TUTTE LE SCUSANTI PER RENDERE IN CATTIVA LUCE IL PROGETTO PRESENTATO, MA FORSE OGGI VEDENDO SOTTO UN ALTRA LUCE I FATTI, LA REALTA PRESENTA EFFETIVE PROBLEMATICHE…. (ANCEH PERCHE LA ZONA ATTORNO AL CSA STA AVENDO UNA DRASTICA PROBLEMATICA GESTIONALE, TRA PROSTITUZIONE, LOCALI POCO BEN FREQUENTATI, SPORCIZIA, E SPESSO STRANIERI CHE SI ACCAMPANO PER UN RIPOSO DIETRO LA ZONA STADIO) QUESTO E’ ANCHE UN DOVERE DEI CITTADINI TUTELARE LA ZONA !!!!

    -CHIUDO PARLANDO A NOME DI CHI (SIA DA UNA PARTE CHE DALL ALTRA) IN QUESTA SETTIMANA STA COMMETTENDO QUESTA SERIE DI IRREGOLARITA E VANDALISMO NEI CONFRONTI DEL PROSSIMO…. OGNI TANTO EVITATE DI ACCENDERVI UNA DI QUELLE SIGARETTE ROLLATE , ED APPOGGIATE IL BICCHIERE DI ALCOOL PER ALMENO 4/5 ORE, E QUANDO SIETE A MENTE LUCIDA PROVATE AD AFFRONTARE I PROBLEMI DI RETTAMENTE TRA IDUE INTERESSATI , SENZA FAIDE E LOTTE POLITICHE CHE NON HANNO NULLA A CHE FARE CON VOI, VEDRETE CHE ARRIVERETE SICURAMENTE AD UNA SOLUZIONE…. CON QUESTO CHIEDO ANCHE ALLE VOSTRE COMPAGNIE DI NON ISTIGARE QUESTE LOTTE E DI DIMOSTRARSI UN POCO DI PIU INTELLIGENTI E NON COMPLICI !!!

    CON QUESTO RESTA SOLO UNA COSA DA DIRE CHE SIATE DI SINISTRA DI DESTRA NERI BIANCHI GIALLI O MACUALTI…. SIA “L’ESPONENTE DI DESTRA” CHE “L’ESPONENTE DI SINISTRA” RACCIMOLINO I SOLDI PER LA RIPARAZIONE DEL VEICOLO DI QUEL POVERO CRISTO CHE TUTTE LE MATTINE SI DEVE ALZARE ALLE 7 PER APRIRSI IL CULO PER 1000€ AL MESE E FARSI DISTRUGGERE LA MACCHINA DA RAGAZZETTI CHE NON SANNO COME IMPEGNARE IL TEMPO PERCHE’ LE SCUOLE SONO CHIUSE !!! PENSO CHE TUTTI I 70MILA ABITANTI RESTANTI DI QUALSIASI RAZZA SIANO LA PENSINO COME ME , PERCHE A NESSUNO FA PIACERE TROVARSI LA MACCHINA DISTRUTTA SOTTO CASA , CON QUESTO OCCHI BEN APERTI PERCHE COME SI DICE A CREMONA ” LA LEGUR LA SE CIAPA SENSA CURER!”

  • mariella

    accidenti! ma nel commentare questo articolo si sono scatenati tutti i fasci di Cremona?

    • luca

      i centri sociali sono frequentati solo da delinquenti e drogati basti pensare che hanno trasformato in eroe un delinquente che ha tirato un estintore ad un carabiniere a genova.
      comunque chi si droga ha per una destinazione la galera.

      • bbb

        sono anche brutti, cattivi, dicono brutte parole e non vanno in chiesa!

      • samantha

        ma hai mai provato a metterci piede?
        per fortuna ci sono ancora posti così, dove promuovono un po’ di cultura e informazione su temi sociali.
        quanto siete tediosi con questi luoghi comuni.

        • Zampirone

          “Cultura e informazione”? Come? Con citazioni anacronistiche e rappate dal Manifesto? «Uno spettro si aggira per l’Europa, oh yeah!»… Sai meglio di me che chiunque non la pensa come loro è un «fascista».
          Personalmente, una volta mi sono beccato del «fascista» perchè avevo tessuto le lodi della Destra Storica, di Piero Gobetti, di Luigi Einaudi e del pensiero liberale (quello vero, non quello di Berlusconi, che neppure è pensiero)…
          Di questo passo, leggendo “Il Pci ai giovani” di Pasolini, il grande bardo friulano avrebbe dovuto passare per «fascista» anche lui…

  • Matteo Vantadori

    Meglio che le persone non informate smettano di parlare.
    Venerdì sera ero presente al CSA Dordoni e quello che è successo non è stata una ragazzata come volte far credere.

    • Bertoldo

      Beh, Vanta (si, ci conosciamo di persona), ma nessuno ha preso i numeri di targa delle macchine?

  • samantha

    secondo me in ogni modo tutti i ”camerati” qui sotto sono la stessa persona con nickname diversi, patetici.
    vi rispedirei nel ’40 e non dico in che modalità.

    • Zampirone

      Io invece ti rispedirei in un gulag siberiano, magari ti si ghiaccia quell’albero di Natale che hai al posto dei neuroni…

    • giancarlo pizzinato

      Secondo me al centro sociale ci va la stessa persona vestita e truccata in modo diverso per sembrare in tanti.

  • ULTIMA NOTIZIA

    Batti e ribatti sul Dordoni e le avvisaglie di ripicche coi gruppi di destra, ma gli autonomi son proprio dei buoni a nulla. Tutto nascerebbe dagli sfregi sull’auto di un tipo di destra: sbagliata pure l’auto, se la son presa con quella di un vicino.

    Cremona 17 07 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info