Commenta

Crisi Macrolegno, summit in Provincia sulla ex fabbrica Bini

azienda-scandolara

Qualche luce positiva sulla crisi della ditta Macrolegno di Scandolara Ravara. E’ quanto emerso oggi durante l’incontro svoltosi presso la sede della Provincia di Cremona. Erano presenti per la Provincia il presidente Massimiliano Salini e l’assessore Paola Orini e il dirigente Dario Rech; per le organizzazioni sindacali, Giuseppe Demaria (Cisl), Enrico Sonzogni (Filca Cisl), Tommaso Anastasio (Feneal Uil), Donata Bertoletti (Cgil), Enrico Samarini (Fillea Cgil); per la ditta Macrolegno i consulenti Stefano Sentati e Giovanni Bartoli. I rappresentanti della Macrolegno hanno comunicato l’impegno già formalizzato da parte della ditta di acquisire dalla ditta Bini Fernando Spa i macchinari (fino ad oggi affittati dalla Macrolegno), al fine di poterli adattare a nuove produzioni più commerciabili. Indizio chiaro della volontà della ditta di continuare con un concreto progetto industriale. Per i prossimi mesi sarà necessario chiedere, entro la fine del mese di agosto, il rinnovo della cassa integrazione ordinaria per i dipendenti (32 dipendenti in CIGO fino al 28/8), al fine di poter permettere l’adempimento di tutti i passaggi per l’acquisto dei macchinari e per l’avvio del piano industriale. Nel frattempo la Provincia di Cremona si impegnerà per verificare con l’Inps la procedura per la liquidazione dell’indennità di cassa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti