2 Commenti

Riassetto Province, Torchio: "Il Presidente non ritiene di convocare il Consiglio?"

torchio

Un intervento dell’amministrazione provinciale sul nuovo assetto delle province. Lo chiede il consigliere Giuseppe Torchio al presidente Salini e alla sua Giunta attraverso un’interrogazione urgente a riscposta orale. “Chiedo – dice il consigliere – dopo un mese di pausa di consiglio e commissioni e a fronte dei numerosi e frequenti rumors giornalistici e degli interpelli a mezzo stampa di sindaci ed amministratori locali, quali modalità, interpelli di forze economiche, professionali, sociali e della società civile e quali altre iniziative intendano assumere prima di dar corso ai colloqui con le altre province interessate alla nuova aggregazione ed alla stessa convocazione della Conferenza delle Autonomie Locali (Cal) della Regione Lombardia”.
“Le dichiarazioni preliminari a tali iniziative – continua Torchio – sembrano finora animate più da un clima improntato alle “furbizie” che ad uno spirito adeguato a vaste coalizioni territoriali che guardino anche oltre l’Oglio ed il Po”.
“Ormai alla vigilia delle decisioni che il Consiglio Regionale della Lombardia dovrà assumere nella prima metà di settembre – conclude il consigliere – non risultano convocati né Commissioni, né Consiglio Provincial. Presidente e Giunta, non ritengono di riunire al più presto gli organi democraticamente eletti e preposti a decidere in ordine alle future aggregazioni? Non ritengono di pronunciarsi in ordine alla grave menomazione ordinata dal nuovo sistema elettorale  che, per le Province, toglie agli elettori la possibilità di scegliere direttamente presidente e consiglio provinciale?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • SNELLIRE LA POLITICA
    Come c’era da aspettarsi, anche per le Province far le cose a metà aumenta il casino, perché tutte quelle in via di sottomissione sono certe: io sono la più importante, vengano pure le altre da me.
    A Cremona, per fortuna, godiamo dell’opera fattiva del consigliere Torchio Giuseppe. Sentiamolo:
    Presidente e Giunta, non ritengono di riunire al più presto gli organi democraticamente eletti e preposti a decidere in ordine alle future aggregazioni? Non ritengono di pronunciarsi in ordine alla grave menomazione ordinata dal nuovo sistema elettorale che, per le Province, toglie agli elettori la possibilità di scegliere direttamente presidente e consiglio provinciale?
    Ah, ecco, non si batte per la sua, ormai, poltroncina, ma per noi, per il nostro diritto di scelta. In tutta la mia vita avrò sentito dieci persone rispondere direttamente: lavoro per me e la mia famiglia; in maggioranza, lavorano per gli altri.

    Cremona 23 08 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Giovanni Baldesio

    Avrei da ridire su “..riunire al più presto gli organi democraticamente eletti…” datosi che Lui, Il Sig Torchio in politica da quando a Brancere invece dei resti da Paleontologo c’erano le deiezioni di dinosauro fumanti e nel novero di ci e’ riuscito ad imbrogliare il Demonio, qualche anno fa, lasciandolo con un misero cartello;

    TORNO SUBITO

    e’ un

    DEMOCRATICAMENTE NON ELETTO.

    Si parla di riforme elettorali: una riforma e’ urgente: il rispetto del Romano, proprio dei Romani perche’ subito (si veda Brenno):
    VAE VICTIS, “guai ai vinti” secondo il quale il capo della coalizione perdente, come un generale romano si imola buttandosi nel cuore della battaglia per trovare, ivi, la morte.
    Non non si facesse piu’ vedere… sarebbe sufficiente.