8 Commenti

"Dipendenti comunali, 'insultante' l'incontro con gli 'esperti' esterni"

comune

Nota rovente quella indirizzata al sindaco e al direttore generale del Comune dal sindacalista Giorgio Salami. Il documento è comparso in intranet e parla della riunione con il personale esterno all’Ente a cui è stata affidata un’analisi di processi aziendali dal punto di vista informatico.

Ecco il testo completo

Al Sig. Sindaco Al Sig. Direttore Generale

Qualche mese fa avete affidato a personale esterno all’Ente un’attività di analisi di processi aziendali dal punto di vista informatico. Qui al SED ci sono alcuni analisti, tra cui anch’io, e tale attività, benché tra quelle di minor contenuto tecnico, è parte nel nostro lavoro.
O almeno lo era. Come sindacalista sono un dilettante, ma come informatico no, e se gli argomenti trattati da questi esterni sono probabilmente nuovi per Voi e l’Amministrazione, non lo sono per me. La riunione nella quale ci sono state spiegate cose che conosco e la domanda “quali sono le sue aspettative” da parte di un esterno che non sa nemmeno chi sono e quali son le mie competenze, né cosa ho fatto qui dal ’94 ad oggi, sono stati due momenti ‘insultanti’: forse il vostro incaricato non sa che nessuno qui ha aspettative perché nessuno, nel pubblico impiego, oggi, può avere avanzamenti carriera; e forse non immaginate che si possa magari lavorare bene ugualmente, perché piace il proprio lavoro e lo si sa fare. Parlerò del merito prossimamente, dopo ‘la relazione del team di lavoro’, che, vi preannuncio, non sarà l’unica; del metodo invece posso già dirvi che fare peggio di così era difficile, dal punto di vista umano e professionale, nei confronti miei e dei miei colleghi. Che nessuno parli più di stima per i dipendenti: non esiste.

Giorgio Salami

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Quaqquaraqquà

    No dai non deprimiamoci così….chiunque vorrebbe un bel posticino sicuro come quello dei dipendenti comunali, insultante è continuare a lamentarsi

    • Dani

      “Posto sicuro” non significa non essere competenti o non avere a cuore il proprio lavoro… comprendo lo stato d’animo espresso nella lettera… e non sono una dipendente comunale, né regionale, né statale!

    • Fritz il Gatto

      Se proprio un quaqquaraquà!

      • Quaqquaraqquà

        Quando proverai a lavorare per davvero allora ne riparleremo. Tredicesima, quattordicesima, tfr, malattia, ferie….tutte parole sconosciute per molti, invece chi ne gode si lamenta pure per quisquiglie….ma vaaaaaa

        • Trottalemme

          E cissenefrega? In un Paese dei Cioccolatai come questo, dove si è arrivati al ‘tutti contro tutti’, il tuo moralismo fa sorridere.
          Vai a lavorare tu che è meglio. Io continuo, appena posso, a grattarmi i cogl****…
          Ah, ah, ah…

  • ESPERTI ESTERNI
    Anche se la lettera di protesta è apparsa sulla rete interna del Comune, è chiaro dal seguito che Giorgio Salami, l’estensore, desiderava, e sono d’accordo, avesse la maggior diffusione possibile.
    Tema: all’Amministrazione non basta il rendimento offerto sin qui dal servizio informatico, e ci può stare, è nel suo pieno diritto, e decide di affidare la supervisione a un esperto esterno. Anche questo ci può stare, pur se, di sospetto in sospetto, si potrebbe chiedere una perizia sull’esperto esterno….
    Però dalla lettera di Salami non appare se, prima dell’esterno, l’Amministrazione abbia chiesto agli impiegati (che hanno un dirigente, che è stato scelto dall’Amministrazione per essere almeno pari a un esterno), come vogliamo chiamarla? Un’analisi, una confessione, un impegno, una promessa, un’eccetera?
    Così fosse, non ha chiesto nulla, la protesta mi sembra esatta, e quelle poche volte che Salami ha ragione, gliela si dia.
    Salami mi ha fatto ricordare un fatto analogo di quando lavoravo all’Inps. Gli incontri a volte erano con esterni, a volte con colleghi “esperti”. Incontro di informatica, collega esperto, un ragioniere che aveva scalato le vette della scienza pigiando i tasti in ufficio: sei allievi, uno laureato in informatica, che aveva insegnato per anni negli istituti pubblici superiori, ma all’Inps solo da pochi mesi……

    Cremona 15 09 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • PiovonoPietre

    “Forse il vostro incaricato non sa che nessuno qui ha aspettative perché nessuno, nel pubblico impiego, oggi, può avere avanzamenti carriera”.
    E allora ?
    L’esperto sarà (si spera) un informatico o un gestionale, mica un sindacalista o uno psicologo.
    Ma “insultante” de che ? Lesa maestà?

    • Fritz il gatto

      Bella risposta. Effetto delle pietre che ti sono piovute addosso…?