Un commento

Sisma, autorità e 700 ospiti alla serata benefica promossa dal Prefetto

serata-prefetto

Serata di solidarietà a favore delle diocesi di Carpi e Cremona ferite dal sisma la sera di martedì 18 settembre a Bordolano, nella stupenda cornice di Villa Zaccaria. Promotore dell’evento la Prefettura di Cremona con il prefetto Tancredi Bruno di Clarafond e la moglie Ignazia. Presenti circa 700 invitati, tra cui il vescovo di Cremona, mons. Dante Lafranconi, e il vescovo di Carpi, mons. Francesco Cavina. Intanto continua la raccolta fondi, che permetterà di sostenere il recupero della Cattedrale di Carpi e del Duomo di Casalmaggiore.
Nelle parole del vescovo Cavina il grazie ai cremonesi che anche in questa occasione hanno saputo riconfermare la propria tradizione di solidarietà. Il presule ha quindi ricordato come saranno usati i fondi raccolti, «andando oltre i bisogni immediati». Ma perché spendere per sistemare la Cattedrale? «L’uomo – ha ricordato mons. Cavina – non vive solo di beni materiali, servono anche luoghi simbolici. E la Cattedrale è l’immagine della vitalità di una Chiesa locale. Riaprire la Cattedrale è un grande segno di speranza. Si tratta del secondo polmone per Carpi accanto all’ospedale civile».
Temi ripresi anche dal vescovo di Cremona che ha ribadito l’importanza di «segni di solidarietà che portano un contributo materiale, ma anche di affetto e amicizia».
Davvero tante le persone che hanno deciso di acquistare al costo di 70 euro i biglietti per la cena e che durante la serata hanno ulteriormente contributo alla raccolta fondi attraverso una lotteria. Ma non sono mancate neppure donazioni che hanno permesso di realizzare la serata a costo zero.
Ad arricchire la serata anche una splendida scenografia con figuranti in costumi d’epoca. L’intrattenimento musicale è stato affidato, invece, al duo di chitarre Lino Binda e Corrado Braga e poi a Roberto Codazzi che ha accompagnato al pianoforte il soprano Luisa Bertoli, il tenore Luca Bodini e il mezzosoprano Nadiya Petrenko.
Presenti tutte le autorità del territorio: dall’assessore regionale Rossoni al presidente della provincia Massimiliano Salini, dal sindaco di Cremona Oreste Perri con il vice Carlo Malvezzi al primo cittadino di Bordolano Diego Bottini. E poi i comandanti provinciali delle forze dell’ordine e i rappresentanti del mondo politico e imprenditoriale con il presidente della Camera di Commercio Gian Domenico Auricchio.
Forte l’impegno di tutto lo staff della prefettura per lo svolgimento della serata, coordinato dal capo di Gabinetto Beaumont Bortene e dal viceprefetto Emilia Giordano con la preziosa collaborazione delle dirigenti Maddalena Della Rosa e Filomena Formisano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • roby27

    uh,ma che bella seratina sobria!i cassaintegrati,gli operai che non arrivano a fine mese ed i disoccupati son felicissimi di queste seratine sobrie ed eleganti!grazie di cuore a tutti!ora sto meglio!