4 Commenti

In arrivo il Piano regionale per l'aria, Bordi: "Contento, blocchi inutili Li faremo per manifestazioni"

inq-e

“Entro l’inizio del 2013 intendiamo varare il Piano regionale triennale per la qualità dell’aria”, questo l’annuncio di Formigoni alla tavola rotonda dal titolo ‘Un’aria pulita è possibile: una strategia condivisa per combattere l’inquinamento’. Immediate le reazioni dell’assessore Francesco Bordi: “Sono contento, i provvedimenti dovrebbero arrivare già nei primi mesi del prossimo anno – dice -. I blocchi domenicali non servono ad abbassare le pm10. Certo hanno una valenza sociale ed educativa per dimostrare ai cittadini che ci si può muovere anche con altri mezzi rispetto alle auto. Per questo, faremo gli sto alle macchine in concomitanza con manifestazioni per avere la città vuota dalle auto, ma viva. Il primo blocco sarà per la Festa del Torrone”.
Tre i messaggi usciti dall’incontro: l’Unione europea riconosca la specificità e la criticità della macroarea padana e destini fondi per la lotta all’inquinamento; Palazzo Chigi doti il Paese di un Piano nazionale per la qualità dell’aria, così come chiede la Ue; si allarghi da 209 a 570 Comuni (ex aree critiche A1 e A2) la zona a traffico limitato A1 e A2 per i mezzi più inquinanti, rispettivamente gli Euro zero a benzina e gli Euro uno e due con motore diesel. Altro punto toccato, il trasporto su ferro. “Abbiamo incrementato del 50 per cento il numero di pendolari giornalieri rispetto a quattro anni fa – dichiara Formigoni – con la prospettiva di arrivare a un milione entro il 2015 sulle linee gestite da TreNord”.
“Non ne beneficerà solo Cremona – continua l’assessore Bordi – ma tutta la Pianura Padana. La Regione si sta muovendo anche per quanto riguarda il risparmio energetico e questo è assolutamente positivo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Buonsenso

    Anche la costruzione del terzo inceneritore fa parte del piano triennale per la qualità dell’aria ?

  • Amministrare in modo serio e responsabile significa prevenire, significa anticipare, significa rispettare la normativa, significa aver cura, significa guardar lontano, significa informare i propri cittadini. Non omettiamo di dire che la Regione Lombardia sta varando il PRIA, perchè è inadempiente. La normativa del 1996 (!!!!!) è tuttora disattesa! Il TAR della Lombardia ha accolto la parte più importante del ricorso (n° 3356 del 2011) presentato dall’associazione Genitori Antismog di Milano avverso la Regione Lombardia per il suo mancato adempimento alle disposizioni, comunitarie nazionali e regionali, in materia di “qualità dell’aria. La Regione è stata costretta dal TAR ad adeguarsi entro il termine massimo di 60 gg! Lo scorso 27 settembre a Milano i Comuni sono stati invitati a partecipare alla stesura del PRIA unitamente ad altre associazioni, enti, ecc. L’associazionismo di Cremona ha partecipato presentando osservazioni scritte. Purtroppo non abbiamo visto nessuno in rappresentanza del Comune di Cremona. Non pensiamo ogni volta che “non ci compete” perchè altri decidono…..ognuno di noi, in ogni minuto della giornata decide.

  • oscar

    I blocchi sono inutili è vero. Ma anche l’assessorato all’ambiente non è che brilli per utilità oggi come oggi. 🙂

  • Dott. Garda meglio

    Sul tema segnalo l’importante convegno di

    Venerdì 23 novembre alle ore 21 presso la Sala dell’Albero di Palazzo Cattaneo via Oscasali 3 Cremona

    Il Circolo culturale “AmbienteScienze” organizza un incontro sul tema

    “L’importanza della Ricerca a garanzia della salute del cittadino e della tutela dell’ambiente”

    Graditissimo ospite è la dottoressa

    Fiorella Belpoggi
    Direttore del Centro di Ricerca sul Cancro “Cesare Maltoni” dell’Istituto Ramazzini, Società Coop. Sociale Onlus, di Bologna

    Per conoscere l’Istituto si consiglia di visitarne i siti
    http://www.ramazzini.it
    http://www.collegiumramazzini.org

    Il “Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni” è uno fra gli istituti di più importanti al mondo nel settore della cancerogenesi sperimentale industriale e ambientale. Un esempio dell’eccellenza dei suoi studi ha portato a risultati come quelli riportati al sito
    http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2011/12-ottobre-2011/scienziata-made-bo-che-da-scacco-exxon-1901795550873.shtml

    La vicenda di cui la dott.ssa Belpoggi è stata protagonista ricorda da vicino quella, altrettanto vera, raccontata nel film del 2000 “Erin Broncovich” interpretata dall’attrice Julia Roberts.