Un commento

Accorpamento tribunali Cremona-Crema: vertice in Comune

comune

Proseguono le riunioni operative per affrontare i vari aspetti legati all’accorpamento del Tribunale di Crema a quello di Cremona. All’interno della Sala della Consulta di Palazzo Comunale, si sono ritrovati intorno allo stesso tavolo, oltre al vicesindaco Carlo Malvezzi, il sindaco di Crema Stefania Bonaldi, l’assessore allo Sviluppo Informatico e Nuove tecnologie del Comune di Cremona Maria Vittoria Ceraso, il giudice Pierpaolo Beluzzi, Gerardo Paloschi, Angela Bellardi, direttore  dell’Archivio di Stato, Gerardo Paloschi, direttore generale di AEMCom, il dirigente del Settore Progettazione – Direzione Lavori e Manutenzione del Comune di Cremona, Ruggero Carletti, oltre ad alcuni qualificati rappresentanti di aziende attive nell’ambito delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

PERSONALE, ARCHIVIO CARTACEO E INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA

Diversi sono i temi da affrontare per arrivare all’accorpamento delle due sedi giudiziarie. Vi è quello prettamente logistico, per la sistemazione del personale, vi è quello della gestione dell’archivio cartaceo (per questo è stata coinvolta la direttrice dell’Archivio di Stato Angela Bellardi), e vi è poi tutto quanto è legato all’infrastruttura tecnologica.

IL SISTEMA DELLE TELECONFERENZE

Ed è proprio su questo che ci si è soffermati nell’incontro svoltosi giovedì. Il giudice Pierpaolo Beluzzi ha illustrato in maniera molto dettagliata il progetto messo a punto per utilizzare il sistema delle teleconferenze, per le quali andrebbero individuati a Crema locali idonei e già attrezzati. Il sindaco Stefania Bonaldi ha mostrato interesse per l’iniziativa e ha detto che saranno fatte le opportune verifiche per individuare a Crema spazi che si prestano già o che potrebbero essere facilmente adattati a questa innovativa forma di comunicazione: durante la riunione si è accennato, ad esempio, alla sede di Crema dell’Università degli Studi di Milano. D’altra parte è stato fatto presente che l’aula per teleconferenze, che sarebbe utilizzata in via prioritaria per scopi giudiziari, potrebbe essere fruibile anche per altre funzioni. Un’ulteriore riunione sull’aspetto tecnologico si svolgerà tra un paio di settimane: in quell’occasione saranno valutati i costi di gestione e le possibilità di ottenere finanziamenti.

IL VICESINDACO MALVEZZI: LAVORARE IN SINERGIA

Come ha avuto di dichiarare alla fine dell’incontro il vicesindaco Carlo Malvezzi, dal momento che l’accorpamento del Tribunale di Crema a quello di Cremona è ormai un dato di fatto, agli enti locali spetta il compito di lavorare di comune intesa per ridurre i possibili disagi di ogni tipo di utenza, con l’auspico che anche da parte dello Stato vi sia un sostegno allo sforzo che si sta attuando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Bianca Ortrugo

    Va bene fidarsi, visto che è un comunicato stampa pubblicato anche sul sito del comune, ma almeno rileggerlo…